Dicembre 3, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Stefan Bern valuta il controverso ingresso di Elisabetta II

persone e re

Il 95enne è stato ricoverato in ospedale il 20 ottobre.

Paura e terrore. I britannici sono rimasti scioccati nell’apprendere che la regina Elisabetta II era stata ricoverata in ospedale. Avvistata mercoledì 20 ottobre, la 95enne si è ritrovata su consiglio dei suoi medici a margine di un viaggio ufficiale. Al centro della polemica. Motivo ? Le comunicazioni esitanti e opache da Buckingham Palace che indicavano che Sua Maestà riposava a Windsor anche se era in ospedale. Se il peggio non è all’ordine del giorno, la possibilità di un mondo senza Elisabetta II si insinua nelle discussioni. Stefan Berna Torniamo a questo degno episodio la corona in colonne Ovest della Francia.

“Unirai William e Harry”

“Notizie come questa sarebbero scioccanti, perché la monarchia è molto popolare d’oltremanica e la Regina lo è ancora di più”, e stima lo specialista delle teste coronate nel quotidiano francese. “Penso che da questo punto di vista sarebbe uno shock planetario”.Aggiunge, ricordando che il pattoRegina Elisabetta II, da quasi 70 anni, Praticamente uguale a Luigi XIV.. Tuttavia, la morte di tale “Morale Personale” Poiché secondo lui gli inglesi non avrebbero portato alla fine della monarchia, Charles cercò semplicemente di stabilire un protocollo ‘più flessibile e meno formale’.

Ma per Stefan Bern c’è un duo su cui la morte della regina potrebbe avere un certo impatto: i principi William e Harry. “Il giorno in cui la regina morirà, sarà uno shock per il mondo, ma anche per la casata dei Windsor, poiché tutti si uniranno. Unirà gli inglesi, in particolare William e Harry”.Suggerisce l’ospite di 57 anni. “Condividono lo stesso amore con la nonna, perché so che per loro era una nonna eccezionale”.. Elisabetta II è attualmente sotto riposo forzato in attesa di riconquistare il suo potere nei suoi prossimi impegni reali.

READ  Scoperto in Belgio un caso del nuovo tipo, considerato "allarmante" dall'Organizzazione Mondiale della Sanità