Dicembre 3, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Impostare automaticamente il nome del padre prima del nome della madre del bambino è discriminatorio

Se questa norma non è in contrasto con i diritti umani, diventa discriminatoria quando viene applicata automaticamente e senza deroghe, secondo la giustizia europea.

Tempo di lettura: 2 minuti

IlMartedì, la Corte europea dei diritti dell’uomo si è pronunciata sulla “discriminazione” nell’attribuzione automatica di un figlio, in caso di controversia tra genitori, al nome del padre seguito dal nome della madre, ritenendo che “l’impossibilità di allontanarsi da esso era eccessivamente rigido”.

È stata intentata una causa in tribunale per discriminazione da parte di una donna spagnola che si è separata dal suo partner durante la gravidanza. Quando ha dato alla luce suo figlio nel 2005, la legislazione spagnola prevedeva che in caso di disaccordo tra i genitori, il bambino portasse il cognome del padre seguito dal cognome della madre.

caso dopo caso

I giudici della Corte europea dei diritti dell’uomo hanno ritenuto che la regola dell’attribuzione del nome del padre al figlio, seguita dalla regola della madre, ove i genitori differiscano, “può essere necessaria nella pratica e non necessariamente incompatibile” con la Convenzione europea dei diritti dell’uomo.

Tuttavia, hanno stabilito che “l’impossibilità di derogarvi è eccessivamente severa e discrimina le donne”, e che la “differenza di trattamento” subita dalla denunciante è ingiustificata e costituisce quindi una violazione della Convenzione.

I giudici europei hanno motivato la loro decisione sulle circostanze particolari del caso: suo padre non ha riconosciuto immediatamente il figlio della denunciante, e quindi ha portato il cognome della madre solo “per più di un anno”, fino al riconoscimento della paternità. La Spagna è stata condannata a pagare 10.000 euro al denunciante per “danno morale”.

Nel frattempo, si è sviluppata la situazione in Spagna dove, dall’entrata in vigore della legge del 2011 e in caso di disaccordo tra i genitori, spetta al giudice di stato civile decidere l’ordine di attribuzione dei cognomi, assumendo il criterio principale “l’interesse superiore del bambino”.

READ  Gli avvocati dell'armaiolo evocano potenziali "vandalismi".