Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Israele: due mesi dopo l’attacco di Hamas, i residenti vogliono testimoniare affinché nessuno dimentichi cosa è successo il 7 ottobre

Israele: due mesi dopo l’attacco di Hamas, i residenti vogliono testimoniare affinché nessuno dimentichi cosa è successo il 7 ottobre

La guerra è iniziata a Gaza Due mesi fa, il 7 ottobreDopo l’attacco di Hamas, questo gruppo è stato classificato come organizzazione terroristica da Europa e Stati Uniti. La posta israeliana è oggi in tribunale e un dispositivo RTBF, compilato da Eric Destiné, Josephine Turli e Daniel Fontaine, tornerà sul fronte di Israele e nella Striscia di Gaza, quest’area sarà toccata immediatamente, fino alla prossima situazione attuale. È una vasta area militare con riservisti e soldati e i suoni della guerra sono quasi costanti. Sul posto c’è una vera voglia di testimoniare e trasmettere affinché nessuno dimentichi quanto accaduto il 7 ottobre. Questa è la sfida che Israele deve affrontare di fronte a una minaccia che molte delle persone che abbiamo incontrato hanno descritto come “esistenziale”.

Il Kibbutz Be’eri, a 4 chilometri dalla Striscia di Gaza, è un luogo devastato. “Hamas ha bruciato la mia casa e Hamas ha quasi ucciso me e la mia famiglia. Hamas ha ucciso il mio vicino di casa e 90 residenti di Beeri. In un giorno, ho capito che se fossi ancora vivo, avrebbe significato raccontare la nostra storia”.“, spiega Miri Gad Messika, residente del Kibbutz Be’eri. Prima dell’attacco vivevano qui 1.200 persone. Due mesi dopo, il villaggio si trovava nel cuore di una zona militare.

Amit Solvi, direttore del Kibbutz Be’eri, ha perso la sorella il 7 ottobre, e sogna di vedere rinascere questo luogo dove ha sempre vissuto: “Alcuni dei nostri residenti non vogliono più mettere le loro famiglie di fronte a questo demone. Ma la maggior parte delle persone tornerà. Ci vorranno anni.”Secondo lui.

Sono presenti i soldati israeliani Il mio sognoSul luogo del festival musicale dove il 7 ottobre furono uccise 260 persone. Michael, un riservista dell’esercito israeliano, quel giorno perse 3 dei suoi amici. “Queste persone erano indifese di fronte a questo attacco. Sono sbucate dal nulla e hanno attaccato civili indifesi che venivano a un festival musicale per celebrare la vita. Non avevano alcuna possibilità di reagire. Non avevano modo di reagire. E io sono qui per reagire.”, Lui dice. Per lui tutte le azioni dell’esercito israeliano sono giustificate: “Non si tratta di sfogare la rabbia. Ho smesso di essere arrabbiato. Per noi è solo una questione di sopravvivenza. Questo è tutto.”Conclude.

READ  Charles Michel ha incontrato en garde la Russie : "Nous ne pouvons pas éternellement offrir un rameau d'olivier"