Luglio 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Starliner, una capsula Boeing, arriva per la prima volta alla Stazione Spaziale Internazionale



<p> La navicella spaziale della Boeing, Starliner, a pochi metri dalla Stazione Spaziale Internazionale, durante un volo di prova senza pilota il 20 maggio 2022 </p>
<p>” width=”245″ height=”168″ src=”data:image/png;base64,iVBORw0KGgoAAAANSUhEUgAAAAMAAAACCAIAAAASFvFNAAAABmJLR0QA8wDzAPNl4f/dAAAACXBIWXMAAAsTAAALEwEAmpwYAAAAFklEQVQI12P8/PkzAwMDAwMDEwMMAAAzfgLdhtgOogAAAABJRU5ErkJggg==” srcset=”https://www.lalibre.be/resizer/lAfWu0TJXFukN-loQUfBQr-ZIPs =/245×168/filters:quality(70):focal(117.5×89:127.5×79)/cloudfront-eu-central-1.images.arcpublishing.com/ipmgroup/VQ4EQCKZXBGLTALJ2FNORPSDFU.jpg 480w” data-sizes=”auto” data- ottimox=”1″/></p></div>
</div>
</figure>
</div>
<p class=La capsula Boeing Starliner ha attraccato per la prima volta alla Stazione Spaziale Internazionale venerdì, un successo per la compagnia che in futuro dovrà trasportare astronauti alla NASA, anche se questo volo di prova a vuoto è avvenuto anni dietro SpaceX.

È attraccato alla stazione spaziale (ISS) alle 20:28 EDT (00:28 GMT di sabato), con oltre un’ora di ritardo rispetto al previsto a causa dei controlli finali durante le manovre, che sono state meticolosamente progettate a 400 chilometri sopra le nostre teste.

Gli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale e della sala di controllo di Houston hanno monitorato da vicino questo approccio. Lo Starliner fu sistemato per la prima volta a circa 250 iarde dalla stazione. Quindi, dopo essere leggermente avanzata, la capsula si è ritratta per dimostrare che poteva ritrarsi se necessario.

Infine, dopo una nuova sosta controllata, seppur più lunga del previsto, a 10 metri, è stata avviata l’ultima precisa manovra, che è stata effettuata mentre la stazione girava alla velocità di 28.000 km/h. L’auto si avvicinò lentamente, fino a toccare.

“La navicella Starliner ha completato con successo il suo primo attracco storico con la Stazione Spaziale Internazionale, aprendo un nuovo percorso al laboratorio di volo con equipaggio”, ha affermato un commentatore della trasmissione in diretta dell’Agenzia spaziale statunitense.

Lo slot della capsula non aprirà fino a sabato. Boeing sta trasportando circa 230 chilogrammi di forniture per conto della NASA, compreso il cibo.

READ  WhatsApp: ecco 3 nuove funzionalità che ti semplificheranno la vita

Lo Starliner deve rimanere attraccato alla Stazione Spaziale Internazionale per circa cinque giorni, prima di scendere sulla Terra per un atterraggio nei deserti dello stato americano del New Mexico, su una base di sabbia bianca.

Questo volo di prova senza pilota è stato effettivamente tentato nel 2019, ma poi la capsula ha avuto molti problemi e ha dovuto tornare senza poter raggiungere la stazione.

Da allora, Boeing ha lottato per raggiungere SpaceX, un nuovo arrivato nel settore aerospaziale al confronto, ma ha pilotato gli astronauti della NASA dal 2020, dopo aver effettuato con successo i voli di qualificazione per la propria capsula, Dragon.

– Insetto missilistico –

Lo Starliner è decollato giovedì dalla Florida a bordo di un razzo Atlas V della United Launch Alliance (ULA).

Circa 30 minuti dopo il lancio, la capsula riuscì a mettersi in carreggiata, ma due delle sue 12 spinte fallirono. Ma i funzionari della NASA e della Boeing hanno minimizzato l’incidente, che hanno detto non dovrebbe influenzare la missione.



<p> Dati sulla capsula Boeing Starliner, lanciata il 19 maggio </ p>” width=”243″ height=”245″ src=”data:image/png;base64,iVBORw0KGgoAAAANSUhEUgAAAAMAAAACCAIAAAASFvFNAAAABmJLR0QA8wDzAPNl4f/dAAAACXBIWXMAAAsTAAALEwEAmpwYAAAAFklEQVQI12P8/PkzAwMDAwMDEwMMAAAzfgLdhtgOogAAAABJRU5ErkJggg==” srcset=”https://www.lalibre.be/resizer/sIMnFUT8A3NwmMRX_vsfaZmq5cM=/243×245/ filtri:qualità(70):focale(116.5×127.5:126.5×117.5)/cloudfront-eu-central-1.images.arcpublishing.com/ipmgroup/FCXZ5EKOSZD3FHXNY6IMJCICWI.jpg 480w” data-sizes=”auto” data- ottimox=”1″/></div>
</div>
</figure>
</div>
<p class=I propulsori saranno utilizzati nuovamente al termine della missione, per una manovra mirata a riportare la capsula nell’atmosfera terrestre. Ma il problema non ha “bisogno di essere risolto” in anticipo per allora, i lotti precedenti hanno comunque funzionato, ha stimato Steve Stitch della NASA durante una conferenza stampa di giovedì sera.

La NASA ha anche sottolineato nel suo blog venerdì che il sistema “non rappresenta un rischio per il resto del volo di prova”.

– Immagine danneggiata –

Una missione finalmente riuscita dall’inizio alla fine restituirà un po’ l’immagine del colosso dell’aviazione, dopo le ripetute battute d’arresto negli ultimi anni.



<p> La navicella spaziale della Boeing, Starliner, a pochi metri dalla Stazione Spaziale Internazionale, durante un volo di prova senza pilota il 20 maggio 2022 </p>
<p>” width=”245″ height=”137″ src=”data:image/png;base64,iVBORw0KGgoAAAANSUhEUgAAAAMAAAACCAIAAAASFvFNAAAABmJLR0QA8wDzAPNl4f/dAAAACXBIWXMAAAsTAAALEwEAmpwYAAAAFklEQVQI12P8/PkzAwMDAwMDEwMMAAAzfgLdhtgOogAAAABJRU5ErkJggg==” srcset=”https://www.lalibre.be/resizer/zpYNcQ23-_YWV8lPfvCnD3-865s =/245×137/filters:quality(70):focal(117.5×73.5:127.5×63.5)/cloudfront-eu-central-1.images.arcpublishing.com/ipmgroup/73WWUD535BG5NAFTDP2EQL7QKQ.jpg 480w” data-sizes=” auto” data-optimumx=”1″/></p></div>
</div>
</figure>
</div>
<p class=Nel 2019 non è stato possibile posizionare la capsula nell’orbita corretta a causa di un problema con l’orologio. Quindi Boeing si è reso conto che altri problemi software avevano quasi causato gravi anomalie di volo.

Poi, nel 2021, quando il razzo era già sulla rampa di lancio per provare a volare di nuovo, un problema di umidità ha provocato una reazione chimica che ha impedito l’apertura di alcune valvole della capsula. Doveva tornare in fabbrica per un’ispezione – per dieci mesi.

Dopo questo test in bianco, è necessario eseguire un secondo test del veicolo spaziale per l’approvazione della NASA, questa volta con gli astronauti a bordo.

I tempi dipenderanno dalle prestazioni dello Starliner questa settimana, ma Boeing prevede di volare entro la fine dell’anno.

Anche per l’agenzia spaziale statunitense la posta in gioco è alta, avendo investito molto nello sviluppo della nave.



<p> Un razzo Atlas V decolla dalla United Launch Alliance, portando in cima la capsula spaziale Boeing Starliner, il 19 maggio 2022 a Cape Canaveral, in Florida. </p>
<p>” width=”245″ height=”150″ src=”data:image/png;base64,iVBORw0KGgoAAAANSUhEUgAAAAMAAAACCAIAAAASFvFNAAAABmJLR0QA8wDzAPNl4f/dAAAACXBIWXMAAAsTAAALEwEAmpwYAAAAFklEQVQI12P8/PkzAwMDAwMDEwMMAAAzfgLdhtgOogAAAABJRU5ErkJggg==” srcset=”https://www.lalibre.be/resizer/EXmMyTZdVc6b7-JZ7yK5ozoyY3w=/ 245×150/filters:quality(70):focal(117.5×80:127.5×70)/cloudfront-eu-central-1.images.arcpublishing.com/ipmgroup/QI3KR4FM6JB3VJG734QWEAJRG4.jpg 480w” data-sizes=”auto” data-optimumx= “1”/></p></div>
</div>
</figure>
</div>
<p class=La NASA ha contratti a prezzo fisso con Boeing e SpaceX per un valore di miliardi di dollari.

La scelta di utilizzare due compagnie dovrebbe consentire di incentivare la concorrenza e di non rischiare nuovamente, in caso di problemi per l’una o per l’altra, di ritrovarsi senza un “taxi” americano per la Stazione Spaziale Internazionale.

Dopo la chiusura delle navette spaziali nel 2011 e nel 2020, la NASA è già stata ridotta a pagare i posti nei razzi russi Soyuz.