Luglio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Star Wars 6: Perché l’ammiraglio Akbar ha fatto arrabbiare il regista

Star Wars 6: Perché l’ammiraglio Akbar ha fatto arrabbiare il regista

Un personaggio minore ma iconico della galassia di Star Wars, l’ammiraglio Ackbar appare in Return of the Jedi. La sua attrice ha rifiutato di soddisfare una specifica richiesta del suo regista di terminare il film, cosa che lo ha fatto arrabbiare…

L’adorabile e amabile calamaro umano (per non parlare del meme cult “È una trappola!”), un personaggio minore ma importante nella galassia di Star Wars, l’ammiraglio Ackbar è apparso sullo schermo nel 1983 Il ritorno dello Jedi. Fu poi interpretato da Timothy Rose, mentre la sua voce era quella di Eric Bauersfield.

Entrambi hanno ripreso i loro ruoli in Star Wars Episodio VII: The Force Awakens nel 2015. Nel 2017, Tom Keen ha doppiato il personaggio in Star Wars Episodio VIII: The Last Jedi, dopo la morte di Erik Bauersfeld.

È stato anche visto nella serie animata di The Clone Wars, per non parlare del fatto che è apparso anche nei romanzi dell’universo esteso di Star Wars, attraverso videogiochi e fumetti. Insomma, il personaggio che è diventato iconico.

In Il ritorno dello JediLui, come comandante della flotta ribelle, coordina le forze con Lando Calrissian, per vincere la battaglia finale di Endor. Il film si conclude con la distruzione della seconda Morte Nera e la celebrazione in tutta la galassia della vittoria sull’Impero.

Rose ha resistito a una richiesta del regista del film, Richard Marquand, che voleva che il suo personaggio e le sue controparti calamari di Planet Moon danzassero nell’ammiraglia. Dopotutto, non erano solo gli Eukes a fare festa.

Lucasfilm Ltd.

L’attore in realtà pensava che Ackbard l’avrebbe celebrato in modo più realistico, se non più serio. Quindi si è rifiutato di rispondere alla richiesta del manager come ha spiegato Durante un’intervista nel 2019 :

READ  Emmanuel, uscita nel 2024, il primo trailer presenta un misterioso zolfo

“Sono andato sotto i 200 numeri [par tirage au sort] Da confezionare per il Vietnam. Avevo pensieri molto forti sulla guerra in quel momento. Penso che sia qualcosa di cui essere orgogliosi [NDR : son engagement]Ma non è qualcosa che celebriamo. C’è una grande differenza. Quindi nell’ultima scena di Akbar, gli hanno messo la telecamera addosso… Ho pensato alla nostra gente che è morta, alla loro gente che è morta, e il peso mi ha fatto cadere sulla sedia.

A [le réalisateur Marquand] Si è davvero arrabbiato e ha detto: “Okay, lo faremo di nuovo e questa volta ti alzi e balli”. Ho detto: “Se vuoi che Akbar balli, puoi vestire qualcun altro con il suo costume”. Hai la mia performance. E lo hanno lasciato dentro”.

Puoi trovare la sequenza (molto breve) in Video qui sotto, circa 02″ 29. È vero, è più elegante del bruco che danza sulla nave…