Ottobre 3, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Stanchezza cognitiva, un segnale che avverte il tuo cervello del pericolo di surriscaldamento

Anche i giocatori di scacchi professionisti, dopo quattro o cinque ore di gioco, possono iniziare a fare grossi errori. Anche tu non ti senti stanco dopo una giornata di intenso sforzo intellettuale? Questo esaurimento cognitivo, lungi dall’essere un mero frutto della mente, ha basi fisiologiche. Lo rivela uno studio francese pubblicato l’11 agosto a biologia attuale.

Lo stress mentale intenso e prolungato fa accumulare un sottoprodotto dell’attività neuronale, il glutammato, in alcune aree della corteccia prefrontale laterale, l’area che controlla le nostre funzioni mentali superiori. Tuttavia, questo eccesso di glutammato altera il funzionamento dei nostri neuroni. “Questa stanchezza sarà quindi un segnale che ci spingerà a smettere di lavorare per mantenere il nostro cervello funzionante”., riassume Matthias Besiglione, neuroscienziato dell’Istituto del Cervello (ICM, Ospedale Pitié-Salpêtrière, a Parigi), che ha coordinato questo lavoro. Quindi non deriva, come si crede da tempo, dall’esaurimento delle risorse di glucosio fornite dal flusso sanguigno.

Il team parigino ha reclutato 40 partecipanti volontari (20 uomini e 20 donne), per lo più studenti, con un’età media di 24 anni. Sono stati divisi casualmente in due gruppi: uno doveva svolgere compiti cognitivi che richiedevano un intenso sforzo di attenzione e il secondo aveva lo stesso tipo di compiti ma più facili (gruppo di controllo). Queste prove sono durate sei ore e un quarto. “Con una pausa di dieci minuti in mezzo alla strada”dice il ricercatore.

Aumento della concentrazione di glutammato

Primo esempio di test: compito « n ritorno.” I partecipanti devono indicare se l’ultima lettera della lista corrisponde alla lettera presentata nelle n posizioni precedenti (es. FBLB mostra una corrispondenza “2-back” e BFLB “3-back” “). Quelli del gruppo di controllo hanno eseguito il test in « 1-back” e quella del gruppo testato nel “3-back”, che è una prova più difficile.

READ  Prenota il tuo Mag Futura a partire da 19 € con vantaggi esclusivi!

Un altro esempio: Missione « n switch”. Qui la regola dipende dal colore della lettera presentata. Se è rossa, il partecipante deve dire se è una consonante o una vocale. Se è verde, se è maiuscola o minuscola. Come le lettere vengono superati, il loro colore si alterna molto nel gruppo testato, e quindi soggetto a prove più difficili.

Le prove sono state suddivise in 5 sessioni di 75 minuti ciascuna. I ricercatori hanno confrontato i due gruppi tra loro ma anche, all’interno di ciascun gruppo, ciò che i partecipanti avevano in mente tra l’inizio e la fine dei test. Durante le sessioni 1, 3 e 5, infatti, i partecipanti hanno eseguito questi test nel tunnel di una macchina per risonanza magnetica. Mentre la risonanza magnetica convenzionale misura il flusso sanguigno attraverso il cervello (un riflesso di quali regioni del cervello stanno lavorando), i ricercatori qui hanno utilizzato un’altra tecnica per ottenere i dati: la spettroscopia di risonanza magnetica, che misura le concentrazioni di varie sostanze nel cervello. Questa tecnica permette anche di analizzare la diffusione di queste sostanze su brevi distanze. “Se una molecola viene rilasciata nei reticoli [les espaces entre les neurones]Si diffonderà più facilmente che se fosse confinato nelle cellule”.Spiega Mathias Besiglione.

Hai il 49,67% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.