Giugno 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Solar Orbiter ha individuato il sole come nessuno l’ha visto prima!

« Le immagini sono davvero mozzafiato dice David Berghmans, del Royal Belgian Observatory, e ricercatore principale per l’imaging ultravioletto estremo che sta prendendo così in alto Precisione a partire dal Corona solare. In questi termini è quello comunicato stampa Agenzia spaziale europea (ESA)ESA) che fornisce i primi risultati e dati del passaggio della sonda Solar Orbiter il più vicino possibile Soleil. Lanciato a febbraio 2020la sonda ha fatto il suo primo vicino al perielio il 26 marzo a sole 0,32 UAovvero circa 48 milioni di chilometri.

Le immagini sono davvero mozzafiato

L’entusiasmo di David Bergmans è comprensibile. Durante questa clip, i dieci strumenti a bordo hanno registrato dati senza precedenti e la sonda ha ottenuto viste mozzafiato dei poli solari e del curioso “riccio” che si estende per 25.000 chilometri e presenta molti picchi di gas caldo e freddo in tutte le direzioni. distanza Campi solariIl team di Extreme Ultraviolet Imager ha escogitato una parola alquanto sorprendente per un fenomeno solare.

La sfida più grande per gli scienziati della missione sarà incrociare i dati degli strumenti di telerilevamento (monitoraggio a distanza dell’attività solare) e i dati degli strumenti Sul posto che analizza l’ambiente della sonda dove arrivano i flussi di particelle solari. In altre parole, stabilire una connessione tra ciò che la sonda vede e ciò che la “sente”.

La missione Solar Orbiter non è ancora finita, quindi possiamo già dire che gli obiettivi scientifici saranno raggiunti. Quando l’indagine verrà lanciata nel 2020, l’obiettivo è capire megliostella Conviviamo con esso, fornendo una visione senza precedenti di come funziona e di come influisce sull’ambiente spaziale intorno alla Terra e oltre. Il suo obiettivo principale è comprendere meglio la connessione tra il Sole eeliosferaquest’area sotto forma di una bolla allungata formata da vento solare, plasma di particelle cariche costantemente emesso dal sole. Questi successi scientifici sono anche successi tecnologici. Perché avvicinarsi al Sole e guardarlo direttamente è stata una scommessa tecnologica senza precedenti durante la progettazione della sonda.

READ  Shiro Games annuncia Abyssals e Decarnation

Anche lì la scommessa è vinta. Avventurandosi a circa 48 milioni di chilometri dal sole, il Solar Orbiter è stato esposto a temperature comprese tra 500 e 600 gradi Celsius! Ben protetti dallo scudo termico della sonda, tutti gli strumenti sono stati in grado di funzionare normalmente. Desi Rowlin, Project Manager di Solar Orbiter presso Cnes, conferma: Gli scienziati francesi sono molto contenti del risultato perché sono stati in grado di raccogliere molti dati. Tutti gli strumenti funzionano perfettamente. È con nostra soddisfazione che la sonda spaziale ha ottenuto molti dati attraverso i suoi strumenti e con una così alta qualità di accuratezza. ».

Gettare le basi per un sistema affidabile e preciso in grado di prevedere i fenomeni solari

Solar Orbiter mira anche a contribuire alla creazione di una realtà meteorologia il mio posto. Anche qui la scommessa è vinta. Integrando i dati di tutti gli strumenti della sonda, gli scienziati possono capire come funziona l’attività solare dalla superficie del Sole al Solar Orbiter e oltre. Questa conoscenza è esattamente ciò che aprirà la strada a un sistema futuro per prevedere le condizioni meteorologiche spaziali sulla Terra in tempo reale. Con l’avvicinarsi del perielio, il Solar Orbiter ha intravisto come potrebbe funzionare un tale sistema!

Il 10 marzo è stato espulso collettivo Coronale passato attraverso la sonda. per lui magnetometro Sull’aereo colpirà il suolo dopo diverse ore. La diffusione della notizia sui social media ha tenuto gli osservatori del cielo pronti ad assistere all’aurora boreale, avvenuta circa 18 ore dopo il previsto.

Questo esperimento ha fornito a Solar Orbiter informazioni sulla previsione in tempo reale del tempo spaziale sulla Terra. Questo sforzo è sempre più importante a causa della minaccia che il tempo spaziale rappresenta per la tecnologia, l’attività umana in orbita bassa e le future missioni di esplorazione della Luna e di Marte.

READ  Ha terminato la partita in meno di 34 minuti, un tempo record

Il Solar Orbiter conferma l’interesse di Vigil. Questa missione dell’ESA sarà lanciata all’orizzonte del 2025 al punto Lagrange n. 5. Da questa posizione, Vigil sarà in grado di studiare tutti gli eventi solari estremi e imprevedibili anche prima che accadano. Può essere percepito da terra, come brillamenti solari e “espulsione di massa coronale”, prima di colpirlo.

Quindi questo fondo è stato un enorme successo e ha generato un’enorme quantità di dati. E come sottolinea l’ESA, questo è solo un assaggio di ciò che verrà! Ad ottobre, la sonda si avvicinerà al sole solo 0,29 volte la distanza tra la Terra e il sole.

Ora ricevi gratuitamente Mag Futura iscrivendoti ai nostri abbonamenti!

Sapevi che con i nostri abbonamenti puoi accedere a Futura senza pubblicità?
Per ora, puoi scoprire questa funzionalità con la nostra offerta speciale: Iscriviti a “Condividi la vita di Futura(per almeno 3 mesi) e ricevi Mag Futura a casa* (del valore di 19€)!

*Mag Futura viene inviato dopo il terzo mese di registrazione.

Interessato a quello che hai appena letto?