Maggio 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sei indicatori per misurare l’emergenza climatica

Sei indicatori per misurare l’emergenza climatica

metodologia

Per scegliere gli indicatori di questo articolo ci siamo ispirati ai cruscotti climatici di ha incontrato l’ufficio E da qui Amministrazione nazionale oceanica e atmosferica (NOAA).

Abbiamo preso alcune delle fonti elencate in queste dashboard:

Amministrazione nazionale oceanica e atmosferica (Stati Uniti): Misurazioni della temperatura (temperatura globale) e della concentrazione di anidride carbonica2 (posizione di Mauna Loa e misurazioni della superficie marina globale) e il calore assorbito dagli oceani (Levitus).
ha incontrato l’ufficio (Regno Unito): misure di temperatura (modello HadCRUT 5).
Il Centro Nazionale per l’Aeronautica e l’Amministrazione Spaziale (USA): Misurazioni della temperatura (Gistemp), del livello degli oceani, della superficie ghiacciata ai poli (NSIDC).
Terra di Berkeley (Stati Uniti): misure di temperatura.
Centro nazionale per gli studi spaziali (Francia): Misurazioni del livello degli oceani (Aviso).
Università del Colorado (Stati Uniti): misurazioni del livello dell’oceano.
Organizzazione europea per lo sfruttamento dei satelliti meteorologici (Europa): misurazioni della superficie del ghiaccio polare (Ocean and Sea Ice Satellite Applications Facility).
Servizio globale di monitoraggio dei ghiacciai (Nazioni Unite): Meltometri.

Fatta eccezione per la concentrazione di anidride carbonica2 Per i quali presentiamo la misurazione grezza del NOAA, gli altri cinque indicatori sono presentati come deviazione o anomalia rispetto a un periodo di riferimento. Questo varia in base agli indici: 1850-1900 per le temperature, 1981-2010 per il ghiaccio marino o il calore immagazzinato nell’oceano… Nella maggior parte dei casi, questo periodo è determinato da quando sono iniziate le osservazioni.

Dati di temperatura accurati

Per le temperature abbiamo adottato la metodologia dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), che propone come periodo di riferimento gli anni 1850-1900, periodo durante il quale le temperature sono considerate stabili. Per ciascuno dei set di dati, abbiamo standardizzato i valori per consentire il confronto con questo periodo.

READ  La barca a vela Macif Santé Prévoyance ritorna in mare

Secondo l’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), la differenza di temperatura tra il 1850-1900 e il periodo 1981-2010 ammonta a +0,69°C. Se eseguiamo lo stesso calcolo con i dati scelti, otteniamo una differenza simile (+0,689 °C).

Abbiamo quindi scelto di mediare i quattro dataset a nostra disposizione in modo da ottenere un andamento medio generale delle osservazioni mensili. Essendo soggetto a cambiamenti stagionali, lo abbiamo appianato calcolando la media degli ultimi 120 mesi.