Luglio 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Scoperta la struttura in legno più antica del mondo risalente a prima dell’Homo sapiens (476mila anni)

Scoperta la struttura in legno più antica del mondo risalente a prima dell’Homo sapiens (476mila anni)

Gli archeologi hanno scoperto la più antica struttura in legno dello Zambia, risalente a mezzo milione di anni fa, mettendo alla prova la nostra conoscenza delle abilità dei primi esseri umani. Questa struttura, che potrebbe essere stata una piattaforma o un’abitazione, mostra conoscenze avanzate molto prima della comparsa dell’Homo sapiens. Tra le altre cose, ciò indica una stabilizzazione più rapida di quanto si pensasse in precedenza.

Gli oggetti in legno della prima età della pietra sopravvivono raramente, poiché richiedono condizioni di conservazione eccezionali. Pertanto, i ricercatori hanno informazioni limitate su come gli esseri umani utilizzano questa materia prima.

Mezzo milione di anni fa, molto prima che qualcuno pensasse che fosse possibile, gli esseri umani stavano già costruendo strutture in legno. Questa audace affermazione deriva da una recente ricerca condotta da un team dell’Università di Liverpool e dell’Università di Aberystwyth. Secondo il loro studio pubblicato sulla rivista
naturaGli scavi a Kalambo Falls, nello Zambia, hanno scoperto una struttura in legno ben conservata (poggiata su due tronchi) risalente ad almeno 476.000 anni, antecedente all’evoluzione della nostra specie. Un uomo saggio.

Abilità avanzate di falegnameria

Lo studio delle tracce rimaste sul legno rivela l’impressionante maestria tecnica dell’epoca. I segni del taglio, netti e precisi, indicano che questi primi esseri umani non solo tagliarono questi tronchi, ma lavorarono anche con intento attento. L’assemblaggio dei due imponenti pezzi suggerisce una costruzione elaborata, forse destinata a fungere da solida base, sia per una piattaforma che per parte di un tabernacolo.

Struttura in legno. © Professor Larry Parham, Università di Liverpool

Questa è infatti la prima volta che viene evidenziato un simile utilizzo del legno per scopi costruttivi complessi. Già allora, le prove archeologiche hanno dimostrato che i nostri antenati utilizzavano il legno principalmente per bisogni più elementari, come il fuoco o la fabbricazione di lance per la caccia. Questa nuova scoperta mette quindi alla prova la nostra comprensione delle abilità e delle abilità dei primi esseri umani Un uomo saggio;

Oggetti scoperti

per me. Elemento strutturale. B. “l’angolo”. contro. “Bastoncino da trapano.” Dott.. Ceppo da taglio BLB4. H. Pezzo conico a tacca singola. Barre della scala: 10 cm. ©L. Barham et al., 2023

Un sito conservato in condizioni uniche

Il legno, materiale organico, si decompone rapidamente se esposto alle intemperie, rendendo estremamente rara la sua conservazione per lunghi periodi di tempo, soprattutto nei siti archeologici antichi. Tuttavia, le condizioni speciali delle cascate Kalambo hanno svolto un ruolo cruciale nella conservazione di questi resti. Il persistente livello elevato dell’acqua ha creato un ambiente anaerobico, impedendo all’ossigeno di raggiungere il legno e rallentandone così il deterioramento.

Questi pezzi di legno conservati offrono uno sguardo sulla vita dei primi esseri umani. Contrariamente all’idea diffusa secondo cui i gruppi umani dell’età della pietra erano principalmente nomadi, costantemente in movimento alla ricerca di cibo, la presenza di questa struttura in legno alle cascate di Kalambo indica un insediamento parziale.

Estratto di PoA

La squadra di scavo ha scoperto la struttura in legno. © Professor Larry Parham, Università di Liverpool

La vicinanza ad una fonte d’acqua costante, unita alla ricchezza delle foreste circostanti, fornisce all’uomo tutto ciò di cui ha bisogno per sopravvivere. Pertanto, invece di seguire costantemente le mandrie o cercare nuovi terreni di caccia, questi primi gruppi umani trovarono vantaggioso stabilirsi, sfruttare le risorse locali e costruire strutture sostenibili, riflettendo un’evoluzione significativa nel loro modo di vivere.

Metodi di datazione innovativi

Un’attenta datazione dei reperti è stata effettuata da esperti dell’Università di Aberystwyth. Hanno usato nuove tecniche di datazione con scintillazione. Si basa sul principio che alcuni minerali, soprattutto quarzo e feldspato, immagazzinano energia se esposti alla luce solare. Quando questi minerali vengono sepolti e protetti dalla luce, conservano questa energia. Col passare del tempo, sotto l’influenza della radioattività naturale del suolo, questi minerali li rilasciano gradualmente sotto forma di fotoni.

La tecnica prevede il prelievo di un campione dal sito, la protezione da qualsiasi fonte di luce e quindi il riscaldamento o l’esposizione a una fonte di luce controllata in laboratorio. L’energia immagazzinata viene poi rilasciata sotto forma di luce e la sua intensità viene misurata. Maggiore è la densità, più a lungo il campione verrà sepolto.

Misurando la quantità di luce emessa e conoscendo il livello di radioattività del luogo da cui è stato prelevato il campione, i ricercatori possono calcolare l’ultima volta che il campione è stato esposto alla luce solare e quindi fornire una stima della sua età. Nel caso delle cascate Kalambo, questo metodo ha determinato che i minerali che circondano i resti di legno furono esposti per l’ultima volta alla luce circa 476.000 anni fa.

Un nuovo sguardo sui nostri antenati e su un sito di importanza mondiale

Il professor Larry Parham, dell’Università di Liverpool, ha espresso in A dichiarazione Resta da vedere fino a che punto questa scoperta sconvolge la visione relativamente limitata delle capacità cognitive e tecniche dei nostri antenati.

Desideri rimuovere gli annunci dal sito
Continuando a sostenerci ?

E’ semplice, basta iscriversi!

Al momento, Sconto del 20%. Su un abbonamento annuale!

Indica una profondità di pensiero e un ingegno molto più avanzati di quanto si pensasse in precedenza. Questi primi esseri umani non erano quindi semplicemente creature reattive, che adattavano il loro comportamento alle sfide immediate del loro ambiente. Erano proattivi, anticipavano i bisogni futuri e usavano la loro intelligenza per concepire e realizzare strutture che prima non esistevano.

Cascate di Kalambo

Kalambo Falls, Zambia, dove è stata ritrovata la struttura. © Professor Geoff Dowler, Università di Aberystwyth

Il professor Geoff Dowler dell’Università di Aberystwyth spiega: “ La nostra ricerca dimostra che questo sito è molto più antico di quanto si pensasse e quindi di maggiore importanza archeologica “Ecco perché le cascate Kalambo, che si trovano sopra una cascata alta 235 metri al confine dello Zambia con il distretto di Rukwa in Tanzania, sono candidate a diventare patrimonio mondiale dell’UNESCO, per la loro importanza archeologica. Conclude il professor Barham: ” Le cascate di Kalambo sono un sito eccezionale e un importante patrimonio culturale dello Zambia ».

fonte : natura

READ  Riforma sanitaria: il ministero nega l'autenticità dei documenti che circolano su Internet