Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sconvolta in Serie A: la Juventus è stata penalizzata di 15 punti per trasferimenti discutibili

Infliggendo questa sanzione di 15 punti al club italiano “da effettuarsi nella stagione in corso” secondo i termini di questo comunicato, la Juventus ha scavalcato le richieste del Pubblico Ministero che chiedeva il prelievo di nove punti.

La Corte d’Appello ha imposto anche una lunga sospensione agli ex dirigenti del club torinese: due anni e mezzo all’ex ds Fabio Parachi, oggi al Tottenham, e due anni all’ex presidente Andrea Agnelli, che si è ufficialmente dimesso questa settimana. .

Anche qui le sanzioni sono più severe rispetto alle richieste del procuratore federale Giuseppe Chénet.

La Juventus ha la possibilità di competere davanti al Comitato Olimpico Italiano (KONE) per questo rigore che mina notevolmente le sue possibilità di finire nel primo turno di Serie A e quindi competere la prossima stagione nella lucrosa Champions League.

Se in origine erano stati querelati altri club, in questo caso è sempre stata in prima linea la Juventus, accusata di aver gonfiato sensibilmente i prezzi di cessione di alcuni giocatori per registrare nei propri conti plusvalenze artificiosamente gonfiate.

La Juventus è inoltre indagata in giudizio per possibile frode per limitare artificialmente le proprie perdite sui propri bilanci forniti agli investitori.

La Procura della Repubblica di Torino a inizio dicembre ha chiesto il licenziamento di Andrea Agnelli e di altri undici ex capitani. Questa domanda deve essere esaminata alla fine di marzo.

Andrea Agnelli ha annunciato le sue dimissioni a fine novembre, sotto pressione legale. Il suo successore alla presidenza, Gianluca Ferrero, è stato ufficialmente nominato mercoledì.