Cava de' Tirreni EVIDENZA Intervista Salerno

Scale, buche e transenne. Lavori a metà all’Annunziata

Questo slideshow richiede JavaScript.

Insorge il movimento di cittadini “Uniti per l’Annunziata”: «L’Amministrazione si è già dimenticata di noi». Incalza il consigliere Clelia Ferrara, «E’ a rischio la sicurezza»

Cava de’ Tirreni. Lavori a metà nella frazione Annunziata, i cittadini bussano a Palazzo di Città affinché l’amministrazione riprenda l’opera di riqualificazione periferica partita qualche tempo fa. L’avvio, infatti, era stato propositivo: all’inizio dell’anno il Comune aveva risposto subito alle richieste di messa in sicurezza e riqualificazione di alcuni punti della frazione fatte dai residenti del posto. In particolare, grazie all’interessamento del gruppo “Uniti per l’Annunziata”, erano stati gli stessi cittadini a provvedere al ripristino delle antiche scale che collegano la parte bassa e la parte alta della frazione.

Le scale ripristinate

Tuttavia, come segnalano gli stessi attivisti del movimento, nonostante fosse in cantiere un protocollo con il Comune per un prosieguo in tandem dei lavori di bonifica, ad oggi pare che il processo di riqualificazione si sia arenato. «Le scale sono tornate nelle condizioni di prima – segnalano i membri dell’associazione – bisogna intervenire con una cementizzazione dei gradini altrimenti è più sicuro chiuderle del tutto. Dopo che abbiamo lavorato il Comune ha lasciato tutto come sta e nel periodo invernale la scala è inutilizzabile. C’è poi una seconda scala che dall’Annunziata conduce a località Serra. La prima parte dei gradini era stata pulita ma di nuovo piante ed erba hanno ricoperto tutto e, paradossalmente, la parte invece che dovrebbe essere utilizzata per raggiungere le abitazioni non è stata proprio pulita».

Al buio da anni in zona Campitiello

Nel dimenticatoio sembra poi finito il tratto che conduce in località Campitiello: una volta sentiero sterrato oggi trasformato in strada percorribile e asfaltato. O almeno, così dovrebbe essere. «La strada è completamente dissestata – spiegano i membri di “Uniti per l’Annunziata” – manca del tutto l’illuminazione ed è pericolosissima per quanti la utilizzano. È da oltre due anni che ci battiamo affinché venga preso qualche provvedimento ma niente. A febbraio scorso ci avevano parlato di un intervento di 15 mila euro, fondi introvabili, e intanto aspettiamo ancora novità che a quanto pare non arrivano».

Chiesto un tavolo di discussione

Stanchi di rimanere con le mani in mano il movimento “Uniti per l’Annunziata” è deciso ora ad avere risposte e soprattutto soluzioni, anche grazie al coinvolgimento di altri enti come Legambiente Cava. La scorsa settimana c’è stato un primo incontro di coordinamento e negli ultimi giorni si è provveduto a protocollare a Palazzo di Città una specifica richiesta di convocazione di un tavolo di discussione.

Solleciti anche dal consigliere Ferrara

Ai reclami dei residenti si aggiungono, poi, le segnalazioni del consigliere di minoranza Clelia Ferrara che ha invece evidenziato come, dopo le attività di rimozione di alcune alberature a rischio crollo, siano rimaste esposte le radici che – solo transennate – ancora rappresentano un ostacolo per quanti percorrono il tratto sia a piedi che in automobile. «Sollecito l’amministrazione ad attivarsi immediatamente alla rimozione di questi ostacoli lasciati sulla carreggiata dopo il taglio delle alberature – ha detto Clelia Ferrara – Non è possibile che siano passati più di due mesi e nessuna abbia ancora provveduto a mettere in sicurezza il tratto in maniera definitiva. I lavori vanno completati e non lasciati a metà: stiamo parlando comunque di un pericolo considerato che si tratta di una strada a doppio senso e percorsa anche frequentemente a piedi».

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi