Marzo 1, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

salute. La tua musica preferita può ridurre il tuo dolore fisico?

salute.  La tua musica preferita può ridurre il tuo dolore fisico?

Onde che creano dipendenza, senza effetti collaterali, possono essere consumate senza moderazione, proprietà analgesiche: questo è ciò che può essere inserito nelle playlist prescritte nell’ambito dei protocolli del dolore. La musicoterapia sta gradualmente avanzando in questo campo. Ultimo studio? Lavoro di un team di ricercatori del Quebec dell’Università di Montreal.

Per trovare la musica più efficace per calmare il dolore, questi scienziati hanno sottoposto dei volontari a “stimoli termici moderatamente dolorosi all’interno dell’avambraccio, provocando una sensazione simile a quella di una tazza di tè caldo posta sulla pelle”.

Allo stesso tempo, “questi stimoli erano associati a brani musicali, ciascuno della durata di circa sette minuti”. I ricercatori hanno poi “chiesto ai partecipanti quali fossero le loro reazioni emotive alla loro musica preferita e hanno assegnato loro dei temi: energico/energizzato, felice/gioioso, calmo/rilassato e commovente/amaro”.

canzone toccante

Rispetto ai gruppi di controllo (volontari che non ascoltavano musica o musica sconosciuta), “la musica preferita scelta dai partecipanti ha avuto un effetto molto maggiore sulla riduzione del dolore”, spiega il professor Darius Valevicius, autore principale dello studio. Inoltre, “la musica emotivamente stimolante sembra essere efficace nel ridurre il dolore perché suscita sensazioni di piacere e rilassamento”.

“Confermiamo che sotto l’influenza della musica, un processo neurofisiologico blocca i segnali del dolore.” Può arrivare fino a causare in alcune persone la pelle d’oca, che “può apparire come formicolio o brividi”.

Altri tipi di dolore sono allo studio

I ricercatori pongono ancora due limiti al loro lavoro. Niente dice che la musica sconosciuta ma rilassante ascoltata ripetutamente in sessioni di più di sette minuti non possa avere lo stesso effetto. Punto per evitarlo.

READ  E se fosse possibile interagire, o addirittura dialogare, con i sognatori?

Dovremo anche esaminare il pannello del dolore in modo più ampio. Per vedere se “l’ascolto della musica preferita è efficace anche per altri stimoli dolorosi non termici, come la stimolazione meccanica o il dolore cronico”.