Maggio 27, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

salute. La stimolazione nervosa a distanza funziona per lenire il dolore!

salute.  La stimolazione nervosa a distanza funziona per lenire il dolore!

Il dottor Ouerchefani, neurochirurgo dell’ospedale Foch, ha osservato che l’ospedale Foch * “ha effettuato la prima teleprogrammazione di un dispositivo di neurostimolazione in Francia”.

La stimolazione nervosa è stata praticata in tutto il mondo per 50 anni, nella gestione del dolore neuropatico nei pazienti “che hanno subito operazioni al rachide cervicale, lombare, ecc. ma l’intervento chirurgico non è stato sufficiente per alleviare il dolore”.

Come funziona questa tecnologia? Impiantando “un elettrodo collegato a una batteria posta sotto la pelle dietro il midollo spinale. Questo elettrodo invierà una corrente elettrica per mascherare il dolore”.

Elettrodi collegati a distanza

Fino ad ora, “il monitoraggio del paziente è stato effettuato faccia a faccia in ospedale per regolare in modo ottimale la stimolazione”, spiegano gli specialisti del Foch Hospital. “Vogliamo andare ancora oltre nel trattamento del dolore facendo questo trattamento a distanza, tramite un sistema di teleconsulto chiamato Neurosphere”.

Grazie a questo sistema, “comunichiamo a distanza con il paziente e gli offriamo un aggiustamento e un trattamento senza muoversi”.

Questo approccio “consentirà di migliorare il follow-up e il trattamento dei pazienti con malattie croniche, evitando loro la restrizione dei viaggi frequenti”. Un progetto avviato dalla dottoressa Warshfani, dopo essersi presa cura di una paziente nel 2022 costretta a fare la spola tra casa e ospedale.

Il paziente dovrebbe semplicemente recarsi regolarmente in ospedale: “ogni tre mesi all’inizio, poi ogni sei mesi il secondo anno, e infine una volta all’anno, per una migliore regolazione dell’elettrodo”. All’interno di questo protocollo, “i primi due anni sono fondamentali per garantire il successo del trattamento”.

e dopo?

“Dopo questo primo, dopo la fase di sperimentazione interna, Foch Hospital intende distribuire questo dispositivo da remoto ad altri pazienti, al fine di facilitare l’accesso alle cure per tutti. L’obiettivo: consentire una migliore gestione del dolore cronico “senza confini”, sia in Francia (per combattere i problemi dei deserti medici) O per i pazienti al di fuori della Francia, o per i pazienti stranieri che non hanno questa tecnologia nel loro paese. Risvani.

READ  Screening della retinopatia diabetica con IDx-DR

Centro di terapia del dolore e reparto di neurochirurgia

fonte : Foch Hospital