Settembre 28, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Salute all’estero: sempre al passo

Per la sana diversità dei territori d’oltremare, la Francia ama rispondere giocando la carta della differenziazione con la capitale. Esatto: la questione dell’accesso di emergenza non è dello stesso tipo tra Gap, Paris, Coro o Pointe à-Pitre, così come le esigenze sanitarie dei residenti di Saint-Denis, sull’isola della Reunion. omonimo dal 93.

Una preoccupazione: il cartellino è giallo e, nonostante l’uso frequente, non ha mai funzionato bene. Peggio ancora, negli anni, questa politica ha alimentato la sfiducia di una parte della popolazione all’estero, che Parigi tratta diversamente e meno bene. Il che non è del tutto errato. L’analisi dei quindici anni di piani sanitari evidenzia l’iniezione di crediti ricorrenti senza troppe discriminazioni e preoccupazione per il “recupero” permanente della città su tutte le questioni mediche e sociali: invecchiamento, demografia medica, accesso alle cure, prevenzione e salute pubblica.

piccola torta. Nel 2040, cioè domani, Martinica e Guadalupa saranno le province più antiche della Francia. In una relazione speciale del giugno 2021, Il Consiglio superiore per la famiglia, l’infanzia e l’età, annesso a Matignon, afferma che queste due aree combinano il deterioramento delle condizioni di salute (sovrappeso e diabete) con un grave rischio. I beneficiari dell’assistenza sociale occupano l’80% dei posti in Epad rispetto al 20% dell’intera Francia …

In risposta, il governo si è impegnato fino a fine marzo sotto forma di circolare ” Piano di recupero per rifornire gli anziani nelle isole e nelle regioni d’oltremare L’osservazione è sempre la stessa: non solo gli Ultramarine sono più anziani, ma hanno da due a tre volte più accessi alle case di cura rispetto ai residenti della capitale Mayotte non conta… Niente, ma non importa di questo pasticcio di 165 milioni di euro fino al 2025 da parte di Corsica, Guadalupa, Martinica, Guyana e Reunion per creare più posti, sviluppare servizi di case di cura, alloggi universali, ecc.

READ  Fai attenzione a questi integratori dannosi per il cuore

Per lo stesso motivo, La prima scuola di medicina all’estero Dovremmo vedere la luce il prossimo anno, 65 anni dopo la costruzione di 32 grandi ospedali universitari che si sono diffusi nel resto della regione e costituiscono il grosso della forza medica. Solo uno studente di medicina su tre che ha iniziato la sua formazione nelle Indie occidentali (e che è stato costretto a lasciare dopo quattro anni per specializzarsi in Francia) torna a stabilirsi lì una volta laureata. Pertanto, la sfida di creare la nuova unità di formazione e ricerca (UFR) in tre località (Guadalupa, Martinica e Guyana) è fondamentale. A causa dell’invecchiamento della popolazione, il deficit di medici generici e specialisti nelle Indie occidentali e in Guyana è peggiorato del 20% rispetto alla media nazionale. Il primo lotto di medici in loco formati al 100% dovrebbe lasciare le sedi universitarie nel 2026. Il progetto è in cantiere da più di dieci anni.

Gros Bertha. Un altro recupero è il lavoro di Marisol Touraine, ministro della salute sotto François Hollande, che nel 2016 ha notato i risultati mediocri di un precedente tentativo di promozione (il Piano d’oltremare del 2009), e ha emesso una grande Bertha: Cinque linee d’azione, 22 obiettivi e 62 azioni È previsto fino al 2023 con tabelle di marcia personalizzate per regione, 40 milioni di euro stanziati ogni anno per la prevenzione e 20 milioni di euro per l’autonomia.

Se i bisogni sanitari sono gravi, la regolare inclusione dei piani da parte delle autorità pubbliche conferma l’incapacità dello Stato di garantire un attento monitoraggio dei finanziamenti iniettati. in un rapporto a maggiola Corte dei Conti ha rilevato che “Nonostante il maggiore impegno dello Stato a favore dei Territori d’Oltremare, l’esecuzione delle spese [globales] ancora misti” e “le lotte da realizzare sul campo”. In campo sanitario, i giudici finanziari avevano già deciso otto anni fa di erogare aiuti straordinari agli ospedali pubblici per importi “12 volte di più [élevés] Dalla loro quota sul totale dell’attività ospedaliera nazionale”, investimenti “mal gestiti e costosi” e “cultura del sovraffollamento del personale non medico” che le istituzioni, sotto la pressione dei sindacati, faticano a scrollarsi di dosso.

READ  Il Belgio è tra i maggiori consumatori di gas in Europa: chi lo consuma e da dove viene?