Marzo 2, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sale la tensione in Catalogna

Sale la tensione in Catalogna

Di fronte alla carenza di operatori sanitari si usa il termine deserto medico. Che dire della Spagna, in particolare della Catalogna? Condizione dei luoghi.

Da mercoledì 10 gennaio l'uso della mascherina sarà nuovamente obbligatorio in tutte le strutture sanitarie spagnole. l'obiettivo? Evitare la diffusione dell’influenza, del Covid-19 e di altri virus respiratori e con essi la saturazione degli ospedali e dei centri medici pubblici e privati.

Da diversi anni i sindacati lanciano regolarmente l’allarme sulla carenza di operatori sanitari. Lo scorso maggio, il primo ministro Pedro Sanchez ha annunciato uno stanziamento di 580 milioni di euro per modernizzare e migliorare i centri sanitari. La situazione resta tesa anche oggi.

Evita i deserti medici della Catalogna

Dall’altra parte del confine, il concetto di deserto medico viene costantemente utilizzato per spiegare la situazione in Francia. Corrisponde alla carenza di operatori sanitari in un territorio, sia che si tratti della distanza geografica tra pazienti e medici, sia del tempo di attesa per una visita dovuto alla mancanza di un numero sufficiente di professionisti. Il Ministero della Salute e della Prevenzione lo ha già dettagliato nel 2022 “Molti praticanti stanno raggiungendo l’età pensionabile e non ci sono abbastanza nuove generazioni per compensare queste partenze”.

Sulla carta, il sistema sanitario pubblico spagnolo è organizzato per evitare questo fenomeno del deserto medico. Ogni residente è registrato Centro di cure primarie (CAP), uno dei centri sanitari nella tua zona, per trovare il terapista più vicino a casa tua. Ogni residente può trovare il suo centro, grazie Motore di ricerca del sito web Dalla Catalogna. Secondo il I dati del Ministero della Salute spagnoloIl Paese conta 13.040 centri, di cui 1.187 in Catalogna.

READ  Cette technologie peut dévoiler tout ce qui se cache sous terre

Nella sanità pubblica, secondo le stime, nei CAP ci sono 0,8 medici di medicina generale e 0,5 infermieri ogni 1.000 abitanti relazione Ministero della Salute nel novembre 2022. In Catalogna ci saranno 3,6 medici specialisti, sommando tutte le specialità, ogni 1.000 abitanti, sempre secondo I numeri del Ministero.

zone meno fortunate

Se il deserto medico in questo senso non esiste, alcuni Comuni lamentano la mancanza di professionisti. Vicino a Tarragona, diversi villaggi della Terra Alta soffrono di una grave carenza di medici, in una regione dove quasi il 30% della popolazione ha più di 65 anni, affermano i nostri colleghi diEl Diario in un reportage Uscito lo scorso ottobre. A La Pobla de Masaluca, la popolazione di appena 320 persone beneficia di un periodo di quattro ore, due volte a settimana, presso il proprio centro sanitario. Prima della pandemia gli appuntamenti erano disponibili dal lunedì al venerdì dalle 8:00 alle 15:00. I medici in pensione non sono mai stati sostituiti. A una trentina di chilometri di distanza, a Bute, l'osservazione è la stessa. Il sindaco Nuria Mollet offre anche un alloggio gratuito per attirare un nuovo medico. Le domande sono state inviate al Ministero della Salute catalano.

Le condizioni di lavoro degli operatori sanitari pubblici vengono regolarmente messe sul tavolo. Recentemente, il governo catalano ha annunciato che stanzierà 320 milioni di euro per migliorare le condizioni di lavoro dei dipendenti dell’Istituto Catalano di Salute, ovvero 55.000 lavoratori negli ospedali e nei centri di assistenza primaria. Tra le misure firmate il 22 novembre figurano l'aumento dei salari e la riduzione dell'orario di lavoro annuale.

READ  Ouverte il ya un an, la maison de santé Madeleine Brès à Orléans cherche de nouveau un médecin généraliste

Tuttavia, poiché queste misure si sono rivelate insufficienti, gli infermieri in Catalogna hanno iniziato uno sciopero che è durato diverse settimane a dicembre e continua ancora oggi. Successivamente sono stati i dirigenti di cinquanta CAP di Barcellona a seguire l'esempio. Quest'ultimo minaccia di dimettersi se il testo non verrà modificato. Si stanno svolgendo incontri tra i rappresentanti sindacali e la Catalogna per trovare un terreno comune.