Agosto 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ryanair: nuovo sciopero del processo il 23 e 24 luglio

Allo stesso tempo con i colleghi francesi, i piloti con sede in Belgio vogliono esprimere ancora una volta la loro noia. Ryanair continua a non applicare le regole belghe.


Giornalista presso il Dipartimento di Economia

Tempo di lettura: 4 minuti

nNuova tensione nei rapporti tra l’azienda low cost ei suoi dipendenti in Belgio. I piloti hanno deciso di programmare un nuovo sciopero il 23-24 luglio. «Sulla scia di quello che stanno facendo anche i colleghi francesi», spiega Didier Lippi, segretario permanente del Consiglio nazionale inglese. Le ragioni di questo nuovo sbalzo d’umore sono esattamente le stesse della prima ondata di scioperi, dal 24 al 26 giugno. Con uno strato in più: “Il disprezzo e l’arroganza mostrati dalla dirigenza Ryanair dopo lo sciopero dello scorso giugno e il continuo mancato rispetto della normativa belga”, aggiunge il sindacalista, citando l’esempio concreto di “un confronto salariale dello scorso giugno che ancora non è applicabile “.

Ricordiamo che le tensioni sociali tra Ryanair e il suo staff con sede in Belgio sono tutt’altro che recenti. Ciò ha portato a un primo sciopero (europeo) nel 2020, dopo il quale l’azienda irlandese ha accettato di accettare l’applicazione dei patti sociali di ogni Paese con le sue regole. Come il salario minimo. Ma il virus era presente anche, consentendo all’azienda di modificare le condizioni di lavoro e di impiego. Per superare il corso, Ryanair ha richiesto l’impegno del personale che ha portato a una riduzione del 10% sugli stipendi del personale di cabina, del 20% sugli stipendi dei piloti e, a quanto pare, del 50% sugli stipendi dei dirigenti. Uno sforzo che doveva essere compensato dopo la crisi. Per la stagione estiva, Ryanair annuncia il rifornimento e il ritorno degli utili. Pur chiedendo ai suoi dipendenti di continuare i loro sforzi. A meno che i driver non siano più supportati. È lo stesso nei paesi vicini. Questa volta, il movimento si svolgerà in Belgio in contemporanea con i piloti francesi mentre continuano le altre azioni di sciopero, svolte dal personale di cabina (hostess e assistenti di volo) in Spagna.

Chi c’è da preoccuparsi per l’azienda? Finora ha mostrato grande sollievo di fronte alle minacce di sciopero e non ha avuto fretta di riprendere il dialogo sociale con i rappresentanti dei lavoratori in Belgio dallo sciopero di giugno. Forse questo spiega in parte la nuova ondata di scioperi lanciati dai piloti, l’occupazione più punitiva dell’attività aziendale.

Sulla scia dello sciopero di giugno, Daryl Hughes, direttore delle risorse umane dell’azienda, ha espresso il suo punto di vista in una lettera ai dipendenti: “Questi scioperi inutili hanno cancellato il nostro traffico essenziale, ma il 60% dei nostri voli non è più interessato. Questi scioperi non si tradurrà in nulla e ti costerà solo denaro e ritardi a causa delle tue condizioni di lavoro. La recente richiesta della delegazione belga di un aumento salariale del 29% viola il margine salariale stabilito dalla Commissione settoriale ai sensi della legge belga. Probabilmente dovresti chiedere i vostri agenti perché stanno chiedendo uno sciopero per perseguire una richiesta di risarcimento che non è legalmente applicabile. Non è possibile fare progressi con un sindacato che prima sciopera e poi cerca di negoziare. Dipendiamo dalle prenotazioni dei passeggeri. Gli scioperi allontanano solo i passeggeri e finire per danneggiare la quota di mercato che abbiamo costruito in Belgio. Se i tuoi delegati hanno intenzione di distruggere questo, questo è il loro affare, ma ciò alla fine significherà meno soldi nelle tue tasche e/o guiderà la direzione per prendere alcune decisioni economiche difficili mentre si prepara i nostri calendari inverno 2022 ed estate 2023 in Belgio”.



L’annuncio delle nuove azioni non ha suscitato reazioni da parte della società.

READ  Il Belgio è il quinto produttore al mondo