Agosto 13, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Perché la valuta americana sta recuperando terreno con l’euro: “Non è l’euro che è debole, ma il dollaro che è la forza”

Quando l’attività sui mercati finanziari è ripresa lunedì, il dollaro ha ripreso il suo rally nei confronti dell’euro, con la valuta statunitense che si avvicinava a meno di un centesimo rispetto alla moneta unica europea. Per gli osservatori, questo equilibrio è di pochi giorni o addirittura ore. Il capo economista Da BNP Paribas Fortis, Coin de Leos non è eccessivamente preoccupato.

1. Un euro debole è un vantaggio?

“dal mio punto di vista”Koen De Leus ha spiegato, “Non è l’euro ad essere debole, ma il dollaro a fare la forza. La valuta statunitense sta attualmente portando una serie di fattori. Il rischio di una recessione è maggiore in Europa che negli Stati Uniti, causando una maggiore volatilità sui mercati finanziari in generale. Quindi è chiaro che gli investitori cercano beni rifugio. Ecco perché si rivolgono al dollaro, che lo fa salire. Ma questo vale anche per il franco svizzero. Rispetto ad altre valute, l’euro mantiene la sua posizione come valore forte e mantiene una certa stabilità. Per quanto riguarda i vantaggi e gli svantaggi del deprezzamento dell’euro rispetto al dollaro, va ricordato che l’euro Il più economico è un asset per le aziende esportatrici europee. Tuttavia, la situazione attuale è molto complessa Va inoltre ricordato che la forza del dollaro provoca l’effetto dell’inflazione sulle importazioni.Questo vale soprattutto per le importazioni di gas e petrolio, anche se i prezzi del greggio si sono leggermente indeboliti.In questi giorni”.

2. Che ruolo hanno i tassi di interesse?

Un altro fattore che gioca a favore dell’apprezzamento del dollaro è il livello dei tassi di interesse negli Stati Uniti. “In effetti. I dati sull’occupazione di venerdì potrebbero confortare la Federal Reserve statunitense nella sua opinione di aumentare rapidamente i tassi di interesse a breve termine. Si parla di un altro aumento dello 0,75% del tasso di riferimento, quindi sarebbe un secondo inasprimento molto significativo, su scala che non si osservava da decenni. Questo ovviamente fa affluire capitale nel dollaro poiché il differenziale di tasso lo rende più appetibile. L’obiettivo della Fed, come sappiamo, è quello di provocare un rallentamento dell’economia e quindi di abbassare il livello di inflazione”Analisi Cowen de Leos.

READ  Presto saranno necessarie incisioni stradali per guidare in Vallonia? "Genererà 92 milioni di euro!"

3. La Banca centrale europea ha dovuto agire in modo rapido e aggressivo

La differenza di rendimento a favore del dollaro è anche legata alla lentezza della Banca Centrale Europea (BCE), che ha valutato male i rischi inflazionistici? Per Quinn de Leos, “La Banca centrale europea deve agire in modo rapido e aggressivo sul fronte dei tassi di interesse. Le bollette energetiche in dollari hanno molto peso nella bilancia e fanno salire l’inflazione nell’Eurozona. Tuttavia, questo è esattamente l’opposto di ciò che vorrebbe la BCE . Quindi dovrai. un atto”.

4. Verso una recessione in Europa?

per me capo economista Da BNP Paribas Fortis, una volta attivato questo meccanismo di rialzo dei tassi, l’economia dell’Eurozona sarà senza dubbio colpita dalla recessione più rapidamente di quanto non accadrà negli Stati Uniti, dove prevediamo una grave battuta d’arresto alla fine di quest’anno. “Dobbiamo aspettarci mesi difficili. Inoltre, l’attuale calo dei prezzi delle materie prime mostra che mercati e aziende stanno anticipando uno scenario del genere. Dobbiamo ancora aggiungere i problemi della Cina, dove la politica vaccinale interna meno efficace è ostacolata dai vaccini e dove il obiettivo di vaccinazione è l’80% della popolazione, ipoteticamente ci sarà ancora un rallentamento dell’economia cinese, nuovi problemi in arrivo, per non parlare della salute del mercato immobiliare locale, ma dopo una possibile recessione ci sarà una ripresa , ma senza dubbio meno certo di quanto osservato dopo il primo confinamento».

Una fredda sorpresa per il rublo

Dopo mesi di rally, il rublo russo è crollato la scorsa settimana sul mercato dei cambi a Mosca. La valuta russa ha perso quasi il 10% del suo valore rispetto al dollaro e all’euro, prima di riprendersi a ondate. Secondo l’agenzia di stampa russa RBC, la perdita di valore negli ultimi tre giorni di negoziazione ha raggiunto addirittura il 20%.

READ  Il peggio potrebbe ancora venire: la Commissione europea prevede un peggioramento del clima economico

Il rublo si è notevolmente indebolito da maggio, sebbene il suo valore sia ancora superiore a quello che era prima dell’invasione russa dell’Ucraina a febbraio. La valuta è diventata più costosa a causa delle massicce restrizioni alla circolazione della valuta e delle sanzioni occidentali contro Mosca, che hanno causato una diminuzione delle importazioni russe. Di conseguenza, anche la domanda di euro e dollaro in Russia è diminuita. Secondo gli esperti, la caduta del rublo è dovuta all’allentamento della politica monetaria della Banca centrale russa. Inoltre, le importazioni russe sono leggermente aumentate di recente.

Da notare che nei primi giorni del conflitto in Ucraina, la valuta russa è scesa del 50% rispetto all’euro, prima di riprendersi in un mercato limitato dalle misure coercitive dei paesi occidentali nei confronti della Russia. Dopo questa ondata di freddo iniziale, il valore teorico del rublo è rapidamente triplicato, prima che la prima ondata di prese di profitto di fine giugno vedesse questo calo del 20%. Ancora una volta, il divieto di operazioni di debito in rubli dà poco credito a queste valutazioni semidiscrete.