Agosto 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ryanair minaccia di lasciare il Belgio: una bufala secondo i sindacati

E dal lato della concorrenza, tutti gli occhi sono puntati su altri giocatori low cost come TUI (con TUIfly Belgium e l’ex JetAir) o l’ungherese Wizz Air… anche Brussels Airlines. La natura odia il vuoto.

Il “pompePer mettere a tacere il dissenso

Qualche ‘canna’ anche per Alain Vanalderwerdt, Presidente della BECA (Belgian Airline Pilots Association): “È una strategia di puro equilibrio di potenza per mettere a tacere la sfida dei piloti belgi. Metterà a dura prova la situazione e peggiorerà le cose. L’altra ipotesi, quella di lavorare nel nostro Paese esclusivamente con equipaggi o aeromobili di stanza all’estero, appare molto complicata dal punto di vista economico e tecnico. Possono fare parte delle operazioni dall’Italia e dalla Spagna, ma è meno redditizio per loro e più restrittivo. Adorano Charleroi, è la loro storica vacca da soldi, e con Bruxelles sono luoghi strategici, con clienti reali con alto potere d’acquisto da cui non sarebbe saggio alla lunga ritirarsi; Quindi sono i bodybuilder da parte loro”.

trucco allora? Possibile. Possibile… La base di Charleroi – Bruxelles Sud è già un vettore low cost di ben 121 destinazioni, un vero e proprio centro nevralgico strategico e addirittura il primo aeroporto continentale, la terza base più redditizia d’Europa in totale per Ryanair dopo la base storica Dublino e Londra Stansted – senza dimenticare tutte le altre 16 destinazioni da Bruxelles-Zaventem. Spostato un totale di 9 milioni di passeggeri dalle loro case.

Il pull-out ha quindi significato una solida serie di tagli di linea, che mentre la compagnia aerea navigava alla fine del periodo Covid, ha visto finalmente esplodere di nuovo il suo traffico dall’inizio del 2022 con un fortissimo rimbalzo per l’intero settore aeronautico – spesso non così tanto previsto prima La maggior parte delle aziende – la nuova pubblicità su strada raddoppia.

READ  Sciopero del settore aereo: Brussels Airlines ha cancellato quasi 700 voli a luglio e agosto

Quindi i sindacati ritengono improbabile che il management dia improvvisamente il segnale di deflazione e modifichi la dimensione della sua offerta quando ha bisogno di tutte le sue linee e basi per soddisfare la domanda.