Dicembre 4, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Risultati salvati da Jeep

come i suoi concorrenti, Stellaris Rallenta notevolmente a causa della carenza di semiconduttori. Il gruppo nato dalla fusione tra Fiat e PSA ha consegnato 1.374.000 veicoli nel primo trimestre del 2022, in calo del 12% rispetto al 2021, periodo in cui il mercato è stato sconvolto dalle misure sanitarie.

Ma il contesto del 2022 è più complesso, mancano ancora i microchip. A ciò si aggiungono gli effetti della guerra in Ucraina sul mercato europeo. Inoltre, mentre le vendite degli Stellanti in Nord America sono aumentate del 6%, quelle nel Vecchio Continente sono diminuite del 24%, da 823.000 auto a sole 622.000, e le vendite sono diminuite dell’8% anche in Sud America (dove la Fiat è ben consolidata). .

Ma se le vendite calano, il fatturato torna a crescere. È aumentato del 12%, con un fatturato netto di 41,5 miliardi di euro. Secondo Richard Palmer, chief financial officer di Stellantis, il gruppo sta operando “grazie a prezzi netti forti, al giusto mix di veicoli e agli effetti valutari positivi”.

È chiaro che il gruppo continua ad avanzare nel mercato, vendendo veicoli più grandi a prezzi più elevati. Per non ridurre i propri margini di profitto, Stellantis, come la maggior parte degli altri marchi, aumenta regolarmente i prezzi. Così dichiara Richard Palmer: “Confermiamo il nostro obiettivo annuale di margine operativo corrente a due cifre”.

Tuttavia, c’è un enorme divario tra Europa e Stati Uniti. Con noi le vendite sono diminuite del 9% a 14,6 miliardi di euro. Dall’altra parte dell’Atlantico, è aumentato del 30% a 20,7 miliardi di euro. È chiaro che gli stellanti sono guidati da tasca, che ha lanciato nuovi grandi modelli (Grand Cherokee L, Wagoneer e Grand Wagoneer). Non mancano le novità in Europa, in particolare il buon debutto della Peugeot 308, ma la carenza di semiconduttori sta davvero pesando sui risultati.

READ  Jerome estrae la sua bacchetta magica

Richard Palmer spera di fare meglio a questo punto nel secondo tempo, anche se dipende da ciascuna risorsa e dall’evoluzione della crisi sanitaria. La Cina non ha esitato a rimodellare le principali città nelle ultime settimane. A questo proposito, Stellantis rimane un attore molto piccolo in questo mercato chiave, con solo 51.000 vendite.