Maggio 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Riforma del mercato elettrico: i prezzi rimarranno legati a quelli del gas

Riforma del mercato elettrico: i prezzi rimarranno legati a quelli del gas

La quasi cessazione delle forniture di gas russo ha portato a una grave crisi energetica nel Vecchio Continente (e in altre parti del mondo). Al culmine della crisi, nell’agosto 2022, il prezzo del gas ha superato i 300 euro al megawattora, contro i circa 20 euro al megawattora in tempi normali. Boom riflesso nei prezzi dell’elettricità.

Di fronte a questa crisi, molti paesi membri, tra cui Spagna e Grecia, hanno chiesto di riformare l’attuale sistema di formazione dei prezzi dell’elettricità. Ricordiamo che questo sistema prevede che le unità di produzione meno costose (rinnovabili poi nucleari) vengano attivate prima delle unità più costose (carbone poi gas, o viceversa). E il prezzo dell’ultima tecnologia alimentata (spesso un impianto a gas) determina il prezzo dell’elettricità nei mercati all’ingrosso. E attraverso questo meccanismo viene chiamato Richiesta specialeChe l’aumento dei prezzi del gas ha “inquinato” i prezzi dell’elettricità.

Martedì la Commissione europea ha presentato la sua proposta per riformare il mercato dell’elettricità. Non sorprende che l’esecutivo europeo non voglia rivoluzionare il sistema esistente. Si prevede sempre che la tecnologia più recente determinerà i prezzi dell’elettricità.

Poche valide alternative

“Potrebbero facilmente essere necessari 5 o 10 anni per attuare una grande riforma del mercato elettricoha giustificato un grande leader europeo. Tuttavia, la nostra proposta deve essere attuata rapidamente entro l’anno.. L’idea di non stravolgere l’intero sistema è legata al fatto che la Commissione teme che gli investitori non oseranno mettersi in gioco, in attesa di una riforma più profonda.

Inoltre, secondo la commissione, le alternative al sistema attuale non sono necessariamente scontate. Esiste, ad esempio, un sistema chiamato “pay as you bid”, che stabilisce che un’unità di produzione di elettricità viene pagata in base al prezzo offerto al mercato. Con questo sistema, una centrale nucleare o un parco eolico può imporre sistematicamente un prezzo molto superiore a quello che costa. Con un impatto al rialzo sui prezzi al consumo.

READ  Dopo Anversa, HMV ha aperto un nuovo negozio a Bruxelles

“Il sistema di pagamento a preventivo non ha dato risultati migliori rispetto all’ordine di competenzaE anzi, Questo riassumeva il leader supremo europeo. Gli attori spesso fanno più offerte rispetto ai loro costi di produzioneL’autorità ha anche chiarito che l’attuale meccanismo ha consentito di risparmiare 34 miliardi di euro all’anno negli ultimi vent’anni prima della crisi, e va detto che l’aumento delle energie rinnovabili ha messo sotto pressione il calo dei prezzi all’ingrosso dell’elettricità e il basso costo del gas che sappiamo da molti anni che mettiamo sotto pressione i prezzi dell’elettricità.

Ridurre l’uso di centrali elettriche a gas

Quindi la Commissione europea intende fare le cose in modo diverso per evitare un aumento dei prezzi dell’elettricità in futuro. Pertanto, l’esecutivo europeo spera di utilizzare ampiamente le energie rinnovabili nei prossimi anni. “Più rinnovabili nel mix elettrico, minore è il prezzo fissato dalle centrali elettriche a gas”.Questo riassumeva il leader supremo europeo. La commissione vuole anche creare un “cuscinetto” tra i mercati all’ingrosso a breve termine ei prezzi pagati dai consumatori. Senza ulteriori dettagli…

Una delle principali azioni raccomandate dall’Autorità è la promozione del mercato dei contratti di acquisto di energia elettrica di lungo termine (PPA o PPA). Un PPA consente al produttore, spesso rinnovabile, di vendere energia elettrica a un prezzo prefissato e per un lungo periodo (dai 5 ai 20 anni). L’acquirente può essere un fornitore di energia, un’azienda o una comunità… L’idea della Commissione Europea è quella di rafforzare il mercato dei PPA, che consentirà a più acquirenti di accedere a prezzi fissi per un lungo periodo di tempo. Il comitato spera che avere più acquirenti di PPA dovrebbe anche aumentare la fornitura di elettricità rinnovabile.

READ  L'inizio di una settimana scioccante

Supporto alla riparazione

Inoltre, la Commissione Europea vuole regolamentare il modo in cui i paesi sostengono progetti di produzione di elettricità da fonti rinnovabili, anche nucleari. La Commissione propone infatti di concedere sovvenzioni per la produzione di energia elettrica rinnovabile o nucleare esclusivamente sotto forma di Contratto per Differenza (o CFD). Questo tipo di contratto prevede, ad esempio, che un parco eolico o una centrale nucleare ricevano 70 euro per megawattora di elettricità. Se i prezzi di mercato superano i 70 euro, devono pagare la differenza allo Stato. Se i prezzi sono inferiori a 70 euro, è lo stato che fa la differenza.

Il grande vantaggio di questo sistema è che consente di catturare automaticamente gli utili in eccesso generati dalle energie rinnovabili e dal nucleare, in caso di aumento dei prezzi dell’elettricità. La Commissione europea ha suggerito che il denaro raccolto attraverso il meccanismo dovrebbe essere ridistribuito al consumatore di elettricità.

Infine, la Commissione ha messo sul tavolo una serie di misure a vantaggio del consumatore o della transizione alle rinnovabili: l’obbligo per i fornitori di offrire contratti fissi; Possibilità di scambiare energia elettrica fotovoltaica con il vicino; Rafforzare i poteri investigativi del regolatore europeo dell’energia…