Novembre 27, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Riduzione della mortalità delle particelle fini nell’Unione Europea – Salute

Secondo un rapporto dell’Agenzia europea dell’ambiente, nel 2019 l’inquinamento da polveri sottili ha causato 307.000 morti premature nell’Unione europea, un numero ancora allarmante ma in calo di oltre il 10% in un anno. In Belgio, l’agenzia ha calcolato che l’inquinamento da PM 2,5 è stato responsabile di 5.500 morti premature quell’anno.

In aggiunta a questo 5500 morti premature in Belgio Associato a queste particelle sospese nell’aria con un diametro inferiore a 2,5 micrometri (PM 2,5), l’agenzia stima che Biossido di azoto (NO2) anche lui Responsabile di 750 morti premature e Ozono (O3) da altre 270 morti premature.

Secondo lo studio, più della metà di queste vite potrebbero essere salvate se i 27 Stati membri raggiungessero i nuovi obiettivi di qualità dell’aria recentemente fissati dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS). In Belgio è 54%, o circa 3.500 perdite di vite umane prevenibili.

sforzi continui

Nel 2018, il numero di decessi associati al PM 2,5 è stato stimato a 346.000 nell’Unione europea.

Il forte calo nel 2019 è in parte spiegato da Condizioni meteorologiche favorevoli Ma soprattutto dal perseguimento diMiglioramento graduale della qualità dell’aria In Europa, secondo lo Spazio economico europeo.

Secondo questi dati, all’inizio degli anni ’90, le particelle fini, penetrando in profondità nei polmoni, hanno causato quasi 1 milione di morti premature nei 27 paesi dell’Unione europea. Un numero che era già sceso a circa 450mila nel 2005.

Tra gli altri principali paesi dell’UE, l’inquinamento da polveri sottili nel 2019 è stato responsabile di 53.800 morti premature in Germania, 49.900 in Italia, 29.800 in Francia e 23.300 in Spagna, secondo l’EAA. Con 39.300 morti, La Polonia è il Paese più colpito rispetto alla sua popolazione.

READ  Tasso di incidenza 163,3: Verso il ritorno dello stato di emergenza sanitaria e coprifuoco in Reunion? - LINFO.re

Una grave minaccia per la salute degli europei

L’agenzia con sede a Copenaghen misura anche i decessi legati ad altri importanti inquinanti atmosferici pericolosi per la salute, ma non raccoglie segnalazioni perché raddoppierebbero il conteggio:

  • per molecole di ozono (O3)Anche nel 2019 la tendenza è stata al ribasso con 16.800 morti premature, una diminuzione del 13% in un anno.
  • per biossido di azoto (NO2), principalmente gas prodotto da veicoli e centrali termiche, le morti premature sono diminuite di un quarto tra il 2018 e il 2019 a 40.400.

L’inquinamento atmosferico è ancora La più importante minaccia ambientale per la salute degli europeiSecondo l’Agenzia europea con sede a Copenaghen.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’inquinamento atmosferico provoca ogni anno sette milioni di morti premature in tutto il mondo, un bilancio che lo pone a livelli vicini al fumo oa una dieta malsana. Queste pesanti perdite hanno indotto, per la prima volta dal 2005, a mettere in atto, per la prima volta dal 2005, limiti più restrittivi sui principali inquinanti atmosferici alla fine di settembre.

Oltre alle 5.500 morti premature in Belgio legate a queste particelle sospese nell’aria di diametro inferiore a 2,5 micrometri (PM 2,5), l’agenzia stima che il biossido di azoto (NO2) sia anche responsabile di 750 morti premature e l’ozono (O3) per un altro. 270 morti premature. Secondo lo studio, più della metà di queste vite potrebbero essere salvate se i 27 Stati membri raggiungessero i nuovi obiettivi di qualità dell’aria recentemente fissati dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS). In Belgio, tale percentuale è del 54%, ovvero circa 3.500 vittime evitabili. Nel 2018, il numero di decessi associati al PM 2,5 è stato stimato a 346.000 nell’Unione europea. Il forte calo nel 2019 è in parte attribuibile alle favorevoli condizioni meteorologiche, ma soprattutto al continuo e graduale miglioramento della qualità dell’aria in Europa, secondo l’AEA. Secondo questi dati, all’inizio degli anni ’90, le particelle fini, penetrando in profondità nei polmoni, hanno causato quasi 1 milione di morti premature nei 27 paesi dell’Unione europea. Il numero in realtà è sceso a circa 450.000 nel 2005. Tra gli altri principali paesi dell’Unione Europea, l’inquinamento da particelle fini è stato responsabile nel 2019 di 53.800 morti premature in Germania, 49.900 in Italia, 29.800 in Francia e 23.300 in Spagna, secondo l’EAA. Con 39.300 morti, la Polonia è il Paese più colpito dalla sua popolazione. L’agenzia con sede a Copenaghen misura anche i decessi legati ad altri importanti inquinanti atmosferici pericolosi per la salute, ma non raccoglie i rapporti perché raddoppierebbe il conteggio: l’inquinamento atmosferico rimane la più importante minaccia ambientale per la salute degli europei, secondo l’agenzia con sede a Copenaghen. agenzia europea. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’inquinamento atmosferico provoca ogni anno sette milioni di morti premature in tutto il mondo, un bilancio che lo pone a livelli vicini al fumo oa una dieta malsana. Queste pesanti perdite hanno indotto, per la prima volta dal 2005, a mettere in atto, per la prima volta dal 2005, limiti più restrittivi sui principali inquinanti atmosferici alla fine di settembre.

READ  La regione dell'Occitania assumerà professionisti della salute