Febbraio 8, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Di fronte ai capitalisti italiani, il Papa dipinge un panorama della crisi del lavoro

Ricevendo i membri di Confindustria nella mattinata del 12 settembre, il leader sovrano ha svolto una lunga riflessione sul valore del denaro in un mondo in rapida evoluzione e ha ricordato le sfide che devono affrontare oggi gli imprenditori: condividere la ricchezza e restare in contatto con la propria vita. Commerciale.

Olivier Bonnel-Città del Vaticano

Papa Francesco ha tenuto una lunga riflessione davanti a diverse migliaia di membri di Confindustria, la Confederazione generale dell’industria italiana. La prima organizzazione datoriale della penisola, nata nel 1910, rappresenta più di 115.000 aziende e più di 4 milioni di dipendenti. François si è rivolto prima al difficile clima economico attuale che l’Italia stava attraversando. “La pandemia ha minato molte attività produttive, colpendo l’intero sistema economico. Ora aggiunto alla guerra in Ucraina e alla conseguente crisi energetica Lui ha spiegato. In tempi di crisi,Un buon imprenditore è responsabile della sua attività, lavora, realizza incertezze e rischi ed è vulnerabile.Ha notato.

Francesco ha ricordato che la Bibbia parla spesso di lavoro, di affari, di denaro, ma no” Date loro i trenta denari di Giuda » Ma il buon samaritano è il denaro, che aiuta a salvare la vittima. “Quando il denaro dei Samaritani supera quello di Giuda, l’economia cresce e diventa umana» ha sottolineato il Papa.

Sfida di condivisione

François ha poi proseguito la sua riflessione sulle sfide e le qualità dell’imprenditorialità, con questa domanda: “qQuali sono le condizioni perché un imprenditore entri nel Regno dei Cieli?La prima condivisione della visione del Papa. “La ricchezza, invece, aiuta molto nella vita; Ma è anche vero che spesso la complica: non solo perché può diventare un idolo e una padrona spietata, ma si impadronisce anche di tutta la tua vita giorno dopo giorno.Ha notato. La ricchezza esige dunque responsabilità, ha spiegato il Vescovo di Roma, e quando ho acquisito la ricchezza, è in mio potere farla fruttificare, non sperperarla, ma usarla per il bene comune.

READ  Pimota desi H2: Italiano H

«Non a tutti è chiesto di spogliarsi come Francesco il Mercante di Assisi per entrare nel Regno dei Cieli. Il Papa ha continuato; Ad alcuni che hanno ricchezza viene chiesto di condividerla. La condivisione è un altro nome della povertà evangelica“. Per vivere questa sfida evangelica della condivisione, ogni imprenditore deve trovare la strada giusta,”Secondo la sua personalità e la sua creativitàIl Sommo Pontefice ha proseguito.

Al centro del contratto sociale c’è il contratto fiscale

François ha ringraziato i datori di lavoro che si sono mobilitati per l’Ucraina dimostrando generosità attraverso le loro donazioni affinché i bambini rifugiati ucraini potessero andare a scuola. “Ma la cosa più importante è che nel mondo moderno e nelle democrazie ci sono tasse e dazi, che è una forma di condivisione spesso fraintesa.Lui continuò. Il Papa ha quindi esortato a ricordare”Il contratto fiscale è il cuore del contratto sociale“. La tassa che ha creato era una forma di distribuzione della ricchezza.E quindi sono beni comuni, beni pubblici: scuola, salute, diritti, cura, scienza, cultura, patrimonio».

Un altro modo per condividere è attraverso la creazione di posti di lavoro.Lavoro per tutti, soprattutto per i giovaniIl Papa ha spiegato che senza i giovani le imprese perdono innovazione, energia ed entusiasmo. Una vera sfida in un’Italia che invecchia sempre di più. François ha anche ricordato che la creazione di posti di lavoro è sempre un bene condiviso”.Oggi la tecnologia rischia di farci dimenticare questa grande verità, ma se il nuovo capitalismo crea ricchezza senza creare lavoro, questa grande funzione buona della ricchezza è in crisi.».

READ  Carta. Un grande mercato italiano arriva a Grau-du-Roi a luglio

Un esempio della domanda

Ma il mercato del lavoro da solo non può risolvere il problema dell’occupazione. “È un modello di ordine sociale che deve essere messo in discussioneHa fatto appello al Papa. Una sfida in Italia che pone il problema della natalità. François ha più volte espresso preoccupazione per un “inverno demografico” che colpisce il Paese. “Un tasso di natalità in calo, combinato con un rapido invecchiamento della popolazione, peggiora la situazione degli imprenditoriHa notato, Ma l’economia in generale: diminuisce l’offerta di lavoro e aumenta il costo pensionistico dei fondi pubblici. C’è un urgente bisogno di sostenere le famiglie e la natalità».

Francesco ha ricordato una delle ricchezze dell’Italia, vale a dire la sua forte comunità e l’industria regionale. “Il territorio vive dell’istituzione e l’istituzione trae respiro dalle risorse vicine che contribuiscono in modo significativo al benessere dei luoghi in cui è insediata.Un legame che va tutelato secondo il Papa, senza dimenticare l’integrazione costruttiva dei migranti.

Perdita di contatto con la realtà aziendale

L’aspetto finale del discorso di Francesco ai membri di Confindustria è stato “Gli imprenditori perdono il contatto con il lavoro», secondo lui, è segno di una delle grandi crisi del nostro tempo. “Dopo essere cresciuti, la loro vita è trascorsa tra uffici, riunioni, viaggi, congressi e non frequentano più officine e fabbriche. Dimentichiamo “l’odore” del lavoro, non riconosciamo le cose toccandole ad occhi chiusi; Quando un imprenditore non tocca i suoi prodotti, perde il contatto con la vita della sua attività e spesso inizia il suo declino economico.Ha notato.

READ  British Petroleum annuncia la vendita delle proprie attività all'italiana ENI

François ha messo in guardia contro una differenza troppo grande nei salari all’interno delle imprese. Ogni imprenditore dipende dai suoi lavoratori, amava ricordare, “Dipende dal loro “capitale” spirituale: la loro creatività, cuore e anima».

«Come protagonisti di questa epoca che cambia, vi incoraggio a sentire l’urgenza del nostro tempoHa concluso il Santo Padre. Attraverso la tua creatività e innovazione, puoi creare un sistema economico diverso in cui la tutela dell’ambiente è un obiettivo diretto e immediato della tua attività economica. ». «Senza nuovi imprenditori, la Terra non resisterà all’impatto del capitalismo e lasceremo le generazioni successive con un pianeta sfregiato e invivibile.».