Febbraio 26, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Riccardo Sa Pinto ritrova Heine Vanheisbroek a cinque anni dal loro fidanzamento: “Non gli stringerò la mano”

Riccardo Sa Pinto ritrova Heine Vanheisbroek a cinque anni dal loro fidanzamento: “Non gli stringerò la mano”

Una cosa è certa, Riccardo Sa Pinto e Hein Vanheisbrouck non andranno in vacanza insieme. I due uomini non si piacciono e hanno un aspetto negativo in comune.

Era il 2018 quando Riccardo Sa Pinto era alla guida di Standard e Vannesbrueck dell’Anderlecht. Dopo il Clasico, il portoghese non ha pesato le sue parole in conferenza stampa: “Sono scioccato da quello che ho sentito. Mi critica quando non gli parlo prima, durante e dopo la partita. […] Mi ha criticato dopo la Coppa del Belgio, ma non volevo rispondergli perché abbiamo delle responsabilità come allenatori. Gli ho stretto la mano. Non è necessario amare tutti, ma il minimo è rispettarsi a vicenda. E lì ha parlato male di me senza alcuna spiegazione. Giovedì mi ha stretto la mano e mi ha sorriso, non ha avuto il coraggio di parlarmi dritto negli occhi. Durante il nostro prossimo confronto, non gli stringerò più la mano”.

Aveva anche fatto commenti razzisti: “Anche lui mi ha trattato come uno straniero. La gelosia e il razzismo sono le cose peggiori dell’essere umano. […] E potrebbe avere difficoltà ad accettare le tre sconfitte dell’Anderlecht contro lo Standard in 4 confronti. E chi non accetta questo è un problema suo. […] E detiene il premio come peggior allenatore del Clasico da 99 anni. Ha detto che chi vince merita di continuare. Ho raggiunto i miei obiettivi. Ma gli faccio una domanda: cosa fa una persona che ha perso tutto?

Il minimo che possiamo scrivere è che Ricardo Sa Pinto non ha la memoria corta. Oggi, alla guida dell’APOEL Tel Aviv, si prepara ad affrontare Gent e Vanheisbrouck nei playoff della Conference League.

READ  Roberto Martinez parla per la prima volta da allenatore del Portogallo e annuncia il colore di Cristiano Ronaldo

“Non è un allenatore.”

In conferenza stampa dopo la partita, ha ricordato di essere stato trattato come uno straniero e ancora non gli sarebbe passata: “Il calcio è passione. Sono una persona molto emotiva, lo sai e lo vedi. Faccio tutto”. “Perché la mia squadra vinca, nel rispetto delle regole. Io non lancio la prima pietra”. Mai, e non sono il primo ad offendere qualcuno. Ma non sono perfetto. Nessuno è perfetto. E se sbaglio io scusa. Nel calcio, a volte succedono cose tra giocatori o allenatori, nella foga del momento. Ma dopo la partita, è finita. A meno che non abbia oltrepassato certi limiti. Ascolta, sono un ragazzo molto educato. Ho avuto un’eccellente educazione da i miei meravigliosi genitori. Ma per quanto riguarda questa situazione, non è cambiato nulla. Ha detto qualcosa che va oltre il conflitto emotivo nel gioco. Non gli stringerò la mano. Per me non è un allenatore. Non auguro alcun male a chiunque, ma qualcuno che mi lasci indifferente.

Da parte sua, anche l’HVH è tornato su questa disputa con l’allenatore portoghese: “Ho avuto storie con molti allenatori. È successo. Ha fatto bene in Belgio e ha ottenuto risultati con lo Standard. Quello che è successo tra noi non ha più importanza adesso. Siamo in un contesto diverso. Sarò educato. “E io gli stringerò la mano”, rispose la guida di Gand.