Arte Attualità Campania Salerno

R…estate ragazzi, a Polla tre giorni dedicati ai riti e alle tradizioni

riti

R…estate Ragazzi. Sesta edizione per l’evento dei Ragazzi del Ponte di Polla. Tre giorni dedicati ai riti e alle tradizioni del Vallo di Diano.

Restate Ragazzi. Un evento, una ricerca, ma anche il desiderio di scoprire e riscoprire l’identità culturale del territorio. A realizzarlo ogni anno I Ragazzi del Ponte di Polla, nel Vallo di Diano. Tre giorni dedicati a cultura, storia, arte, musica e gastronomia. Si parte venerdì 3 agosto fino a domenica 5 agosto. Tra i vicoli di Polla, nel centro storico, tra scalinate in pietra e vecchi portoni, si tessono nuove storie, antichi riti e musiche locali.

L’evento ha ricevuto il patrocinio del Comune di Polla, del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, Sodalis CSV Salerno, Fondazione Mida e Regione Campania.

La tre giorni si divide in tre percorsi. Il primo dedicato ai riti e alle tradizioni prevede più incontri con convegni e seminari dedicati alle antiche vestiture di Polla e alle tradizioni locali della provincia di Salerno. Al tavolo dei relatori docenti universitari, antropologi e giornalisti. Premiata Alessandra Barone, giornalista Rai, che riceverà il premio dedicato ai pollesi. Sarà inoltre ricordato Vincenzo Curcio, nel decennale della sua morte, studioso e storico del territorio.

Nella tre giorni saranno accolti anche 60 cittadini europei provenienti dal Belgio, Francia e Germania, realtà con cui il Comune di Polla è gemellato.  R…estate Ragazzi è anche musica con il concerto di Giovanni Di Donato, le diverse aree dedicate alla musica dal vivo e il percorso gastronomico che riporta in piazza i piatti tipici del territorio. Tutte le pietanze, comprese le bibite, saranno consumate in piatti, posate e bicchieri in materiale compostabile. Un festival quello di R…estate Ragazzi che prova a dare una risposta reale al tema dell’ecosostenibilità.

Il percorso culturale dedicherà spazio all’arte fotografica con due mostre, la prima dedicata alle processioni religiose del Sud di Ivan Romano e quella dedicata alle leggende di Polla curata, invece, da Gerardo Esposito.

L’intero percorso sarà totalmente accessibile alle persone con disabilità. Proprio per favorire la partecipazione di tutti l’associazione ha investito i proventi ricevuti dal 5 per mille nella realizzazione di passerelle, in ferro e legno, per garantire a tutti di visitare la manifestazione. Dove non è stato possibile inserire le passerelle, i partecipanti troveranno i volontari dei Ragazzi del Ponte pronti ad accompagnarli.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti gratuiti da laRedazione.eu ?

E' facile, semplice e gratuito. Cosa aspetti? Unisciti agli altri lettori

laRed TV


ONAIR DALLE 12 ALLE 22

invia le tue segnalazioni al:

news-repubblic

G+