Cava de' Tirreni EVIDENZA Salerno

Report Partecipate. Un’ottima annata per Metellia, Ausino chiude in negativo

sede

Tempo di resoconti e bilanci a Palazzo di Città: lente d’ingrandimento puntata sui risultati delle partecipate del Comune nei primi sei mesi del 2017.

Cava de’ Tirreni. È stato diffuso il report condotto sugli equilibri finanziari e gli standard qualitativi dei servizi erogati dagli enti soci del Comune con diverse percentuali di partecipazione. Tante le novità in materia di raccolta rifiuti, servizi idrici e trasporti.

Punta di diamante resta la Metellia Servizi

Esame superato a pieni voti, infatti, per la partecipata (100%) numero uno del Comune. In materia di parcheggi e raccolta rifiuti la Metellia è riuscita a rispettare standard e obiettivi, chiudendo il bilancio in positivo (con un utile di circa 562 mila euro). Un anno particolare per la società presieduta da Giovanni Muoio che ha completato le procedure di assorbimento del personale del Consorzio di Bacino Sa 1, ha attuato e potenziato il sistema di raccolta rifiuti “porta a porta spinto” ed è ormai prossima al completamento delle procedure per la realizzazione del terminal bus nell’area Metropark, adiacente alla stazione, per predisporre un nodo di interscambio dei mezzi pubblici.

Meno rosea la situazione per l’Ausino Servizi Idrici Integrati (partecipata al 18,19%)

Se l’anno scorso Ausino chiudeva l’esercizio finanziario in positivo (1 milione 928 mila euro), quest’anno invece deve far fronte a un saldo negativo di circa 2 milioni di euro. Dall’amministrazione però fanno sapere che non è intenzione variare la quota di partecipazione e che anzi si sta già lavorando per la realizzazione di interconnessioni fognarie nelle frazioni di San Pietro e Annunziata.

In miglioramento la situazione del Consorzio Farmaceutico Intercomunale

Dal report emerge una chiusura in attivo del bilancio a dicembre 2016 per una somma di 12 mila e 500 euro circa determinata da un aumento dei ricavi caratteristici e da una significativa riduzione dei costi industriali. Da evidenziare, inoltre, il recupero quasi totale del deficit operativo ridottosi al valore negativo di 265 mila euro rispetto al valore 2015 di 1,15 milioni di euro.

Sviluppo Costa d’Amalfi

Attende, invece, di ricevere circa 6000 euro dalla Sviluppo Costa d’Amalfi in liquidazione il Comune metelliano che nel frattempo ha avviato le procedure di dismissione della quota e cessazione della partecipazione societaria che dovrebbero ultimarsi entro l’aprile del prossimo anno.

Cstp e Consorzio di Bacino

Per quanto riguarda, infine, la relazione in merito al Consorzio di Bacino e al Cstp viene evidenziata la mancanza di dati considerato che nel primo caso è avvenuto l’accorpamento con Metellia per la raccolta rifiuti in attesa della costituzione dell’Ente d’Ambito, mentre Cstp è stata sostituita da BusItalia.

Gal Irno-Cavese

New entry, quest’anno, tra le partecipate del Comune metelliano il GAL Irno-Cavese “Terra è Vita”, una società consortile a responsabilità limitata che ha come scopo principale la promozione dello sviluppo locale attraverso la pianificazione, programmazione, progettazione e attuazione di azioni particolarmente mirate alla risoluzione dei problemi legati ai territori rurali in cui è limitata la diffusione delle nuove tecnologie.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi