Maggio 16, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Rendere le professioni sanitarie accessibili alle popolazioni indigene

L’Ufficio per la Responsabilità Sociale della Facoltà di Medicina dell’Università di Montreal, in collaborazione con i Centri di amicizia locali della regione, ha presentato un piano d’azione a Trois-Rivieres per migliorare l’accesso dei cittadini alle professioni sanitarie.

In collaborazione con le comunità, l’istituto scolastico migliorerà le strategie di reclutamento, rivedrà i criteri di ammissione, promuoverà l’integrazione degli studenti nelle comunità di studio, migliorerà l’accesso finanziario per le studentesse e cambierà il suo approccio all’insegnamento. In tutto, una quindicina di progetti di integrazione mostreranno la luce del giorno.

Questo sforzo concertato delizia i Centri di amicizia indigeni nella regione di Mauritius. “Ci saranno impatti sulle nostre comunità indigene, perché la nostra gente sarà in grado di ricevere cure da professionisti indigeni”, ha spiegato Maud Flamand, direttrice dell’organizzazione con sede a Trois-Rivieres. Avendo più indigeni nel sistema sanitario, alcuni residenti delle comunità possono essere rassicurati.

“Se abbiamo paura, o se c’è un malinteso sul funzionamento del sistema sanitario, non consulteremo la nostra malattia peggiora, quindi più persone capiscono la nostra realtà, più vite salveremo”, spiega Tania Serro nel dettaglio dall’Associazione dei centri di amicizia indigeni in Quebec. .

Questa nuova strategia nasce dai tre Forum dei cittadini tenutisi nel 2019, a cui hanno partecipato più di 60 indigeni e non indigeni che lavorano in ambito sanitario, comunitario, politico e accademico. “Abbiamo creato forum cittadini tra professori, studenti e comunità da quando abbiamo notato una sottorappresentazione delle comunità indigene nelle professioni sanitarie”, ha spiegato il dottor Patrick Cossett, preside della University of Montreal School of Medicine.