Maggio 16, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Quest’anno non ti congelare per i Cavalieri del Ghiaccio

par sconvolto il remeteorologo,

I Santi del Ghiaccio si celebra ogni anno l’11, 12 e 13 maggio. Sinonimo della minaccia del gelo, quest’anno sarà segnato da un’ondata di caldo in Francia. Scopri la spiegazione scientifica del fenomeno e le sue origini.

Fino all’inizio di giugno, il pericolo di gelate è talvolta possibile durante le notti perfettamente limpide in campagna. Se negli ultimi anni i mesi di maggio sono stati talvolta segnati da gelate tardive, quest’anno non sarà così, poiché la formazione del tempo sarà beneficaarrivo di calore Per la Settimana dei Santi del Ghiaccio. In generale, dal 2015, le temperature sono state al di sotto delle medie stagionali per questo periodo intorno al 12 maggio. Quest’anno i valori saranno, a priori, da 5 gradi a 10 gradi Celsius sopra la media.


Origini dei Santi del Ghiaccio


Da un’antica credenza europea diffusa nel secondo millennio, i Santi del Ghiaccio vengono celebrati ogni anno l’11, 12 e 13 maggio. Ha anche aggiunto le regioni settentrionali (in particolare l’Alsazia, dove le gelate sono generalmente più tardive) il 19, 20 e 25 maggio. Gli agricoltori delle regioni del Mediterraneo settentrionale hanno fatto appello a Saint Mamert, Saint Pancras e Saint Servier per proteggere le fattorie dall’abbassamento della temperatura e dal gelo che generalmente si verificavano in questo periodo. Può già capitare che i raccolti abbiano subito gelate devastanti, avvenute più o meno brutalmente, nelle regioni montuose fino alla fine di maggio. Dopo questo periodo, a partire dal 26 maggio, si ritiene generalmente che i giardinieri possano iniziare a seminare e piantare senza temere un raffreddore fatale. Da qui deriva tutta una serie di proverbi e detti locali come “I santi Pancres, Servier e Bonifacio portano spesso la neve”, “Quando piove a Saint Servier, il grano è un brutto segno”, “Quando passa Sant’Urbano, il seminatore è rassicurato” o anche “Saint Servier”, St. Pancras e St. Mamert ne fanno tre in un piccolo inverno”.

READ  Prenditi una pausa dai social media per migliorare la salute mentale




spiegazione fisica


L’origine di questa leggenda risale all’inizio del secondo millennio quando l'”ondata di freddo primaverile” si verificò proprio nel mese di maggio in alcune regioni del mondo. I residenti nel Mediterraneo settentrionale notano un calo delle temperature di notte e al mattino una volta ogni due anni in questo periodo. Gli astrofisici spiegano l’origine di questa convinzione con il fatto che verso la metà di marzo l’orbita terrestre attraversa una regione di spazio piena di polvere (costituita da detriti planetari) che rappresenta un ostacolo ai raggi solari. Gli effetti del Sole sulla Terra saranno quindi ridotti, il che potrebbe portare a un calo significativo delle temperature. Al momento, sembra essere stato servito per almeno un mese, invece di marzo. Tuttavia, non è impossibile che a maggio si verifichi un’ondata di freddo. In effetti, le correnti fredde provenienti da alte latitudini a volte invadono la Francia. Provoca un notevole calo della temperatura. Le gelate tardive possono svilupparsi sotto cieli limpidi e senza vento. Quindi la leggenda degli Ice Saints ha poca verità, anche se le osservazioni basate sugli ultimi anni tendono a mostrare che maggio era sempre meno pericoloso per l’agricoltore.