Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Realtà virtuale e intelligenza artificiale per migliorare la salute mentale di astronauti e pazienti

Realtà virtuale e intelligenza artificiale per migliorare la salute mentale di astronauti e pazienti

Questo interesserà anche te

[EN VIDÉO] Kizaku: Come si allena un astronauta per l'assenza di gravità? Prima di partire per la Stazione Spaziale Internazionale, o forse presto per Marte, gli astronauti vengono sottoposti ad un addestramento…

Quando si tratta del benessere degli astronauti, la salute mentale è particolarmente importante per la sua natura intima. Più difficile da trattare rispetto ad altri problemi medici come problemi cardiaci o fisici, ad esempio, la salute mentale degli astronauti rappresenta una sfida unica, poiché è difficile per loro parlarne o aprirsi agli altri. Mantenere una buona salute mentale nello spazio o sulla Luna è fondamentale per il successo della missione e la sicurezza dell’equipaggio. Sebbene gli astronauti siano rigorosamente preparati e beneficino di un costante supporto psicologico, a volte questo non basta. In questi casi, soluzioni più personalizzate possono essere molto utili.

Tra le soluzioni che sono state prese in considerazione per migliorare la gestione dello stress e la funzione cognitiva ci sono, Corrode lo spazioStartup francese LanceSat (Viaggiatore dell'agente spaziale), il primo visore per realtà virtuale potenziato con intelligenza artificiale al servizio della salute mentale degli astronauti, e si basa su studi neuropsicologici condotti nell'ambito… Imparare (Laboratorio Internazionale di Ricerca sulla Neuropsicologia Spaziale) negli ultimi dieci anni.

Come ha sottolineato la Dott.ssa Elise Jabis, fondatrice e CEO di Coreod Space, questa innovazione mira a “ Rivoluzionare l’esplorazione dello spazio profondo integrando intelligenza artificiale e realtà virtuale Sulla base dei dati, questa soluzione completa mira a “ Stimolare le funzioni cognitive e neuropsicologiche degli astronauti, aiutandoli a sopravvivere e prosperare durante le loro missioni spaziali ».

Servizio di salute mentale per gli astronauti

Alimentato dall'intelligenza artificiale, questo visore per realtà virtuale mira a stabilizzare la mente e le emozioni dei suoi utenti attraverso trattamenti digitali personalizzati. Lungi dall'essere un semplice strumento antistress, implementa protocolli neuropsicologici basati sulla neuroplasticità, consentendo al cervello di adattare e ristrutturare le sue connessioni neurali in risposta a un ambiente simulato. L’intelligenza artificiale trasforma questi protocolli in terapie coinvolgenti e personalizzate, offrendo a ogni utente l’opportunità di mantenere la propria salute mentale, resilienza e consapevolezza.

L’intelligenza artificiale trasforma questi protocolli in terapie coinvolgenti e personalizzate, offrendo a ogni utente l’opportunità di mantenere la propria salute mentale, resilienza e consapevolezza.

Il SAT è stato testato in un ambiente LERNAS simulato e ha mostrato risultati positivi tra cui un miglioramento del 42% del sonno, una riduzione del 45% di ansia e stress e un aumento del 37% della calma mentale.

READ  Scrivere sull'iPad: quale pennino per l'iPad?

Dopo oltre 10 anni di ricerca sulla neuropsicologia, siamo entusiasti di lanciare una soluzione di realtà virtuale potenziata dall’intelligenza artificiale per gli astronauti. Permetterà loro di sopravvivere più a lungo nello spazio migliorando la gestione dello stress e le loro funzioni cognitive in habitat piccoli e isolati. È essenziale garantire il successo e la sicurezza delle missioni, dalla Terra alla Luna fino a Marte. Il SAT di Coreod Space incarna perfettamente la nostra missione: aiutare ogni persona a eccellere attraverso la padronanza delle proprie emozioni e l'ottimizzazione del proprio potenziale “, conferma la dottoressa Elise Jabis.

Infine, questa soluzione può essere adattata per soddisfare i professionisti di altri settori che affrontano sfide simili a quelle affrontate dagli astronauti che lavorano in ambienti isolati, confinati e difficili (ICE).

Diamo la parola alla Dott.ssa Elise Jabis, CEO di Coreod Space:

Futura: In cosa differiscono la vostra soluzione di salute digitale e il visore di realtà virtuale SAT (Space Agent Traveller) per gli astronauti da quelli offerti da HTC, che sta sviluppando anche un visore VR per preservare la salute mentale degli astronauti?

Elisa Jabis: HTC ha una soluzione che si occupa anche della salute mentale nello spazio, ma crediamo di avere una reale differenza tra il nostro sistema e il loro. La loro soluzione richiede il montaggio di un visore VR funzionale nello spazio e in assenza di gravità, il che potrebbe portare alla sua esistenza Chinetosi (O cinetosi, ndr); La loro soluzione si basa quindi sull'utilizzo delle cuffie HTC che hanno programmato e su cui stanno lavorando. Offriamo software che integra qualsiasi visore VR già in uso nello spazio. Aggiungo che i nostri protocolli sono immersivi, non interattivi, quindi no Chinetosi Durante o dopo l'uso.

Innovazione nello spazio: un visore di realtà virtuale per preservare la salute mentale degli astronauti

Quindi la soluzione di HTC per ridurre lo stress degli astronauti offrendo loro sessioni di realtà virtuale interattive con un ambiente terrestre è completamente diversa dalla tua soluzione immersiva per garantire la loro salute mentale?

Elisa Jabis: SÌ. Le nostre soluzioni si basano su oltre 10 anni di ricerca nel campo delle neuroscienze. Il nostro approccio si concentra sull’uso di stimoli audiovisivi (integrati in un visore per la realtà virtuale) per aiutare le persone a riprogrammare le loro risposte emotive e comportamentali. Sfruttando i meccanismi di plasticità cerebrale per promuovere modelli di pensiero più positivi e adattivi, i nostri protocolli si basano sui principi della neuroplasticità, che consiste nel modificare le connessioni neurali nel cervello per cambiare modelli di pensiero e comportamenti.

READ  La Visual Novel Akai Ito e Aoi Shiro hanno diritto a una rimasterizzazione in formato fisico su Switch

Questi stimoli uditivi e visivi modificano queste connessioni neurali, per così dire?

Elisa Jabis: SÌ. Utilizziamo una combinazione di elementi audio (voci, suoni, parole) ed elementi visivi (colori, immagini, video) per stimolare specificamente le onde neurali specificamente per argomenti specifici, con l'obiettivo di modificare i modelli di pensiero esistenti modificando i circuiti dei neuroni nel cervello .

Concretamente, la tua soluzione potrebbe portare un astronauta in una situazione stressante (con conseguente mancanza di fiducia, perdita di mezzi e rischio di svolgere male il suo lavoro) a ritrovare in qualche modo i sensi?

Elisa Jabis: È molto ambizioso dire “sì” perché gli astronauti sono molto ben selezionati e hanno una mentalità tale da resistere a qualsiasi prova. Ma visto che ormai i viaggi spaziali diventeranno più frequenti con la necessità di andare più lontano e quindi restare più a lungo in uno spazio molto ristretto, risponderei “sì” a questa domanda.

Lo stress cumulativo derivante da una situazione stressante ha un innegabile impatto fisiologico e psicologico, portando a pensieri negativi ripetitivi. Questo pensiero è un circuito neurale chiuso e ogni volta che si verifica questa situazione, crei questo circuito. I nostri protocolli riescono ad aprire questo circuito chiuso per dare all'utente la possibilità di un'altra opzione: fare un buon lavoro e considerarsi capace di portare a termine questo compito. Questa è la plasticità del cervello e i nostri protocolli mirano a sbloccare questi schemi di pensiero chiusi, consentendo all’utente di scegliere una risposta diversa.

In questo scenario, invece di soccombere allo stress e alla mancanza di fiducia, l’utente può imparare a credere di poter avere successo e ad agire di conseguenza. Il processo di cambiamento di questi modelli di pensiero è quindi legato alla plasticità cerebrale, alla capacità del cervello di rimodellarsi e creare nuove connessioni neurali in risposta all’esperienza, all’apprendimento e ad altri fattori.

Le situazioni stressanti possono avere origini molto diverse.

Elisa Jabis: Modo effettivo. Ecco perché le nostre soluzioni sono suddivise in più protocolli in base a diversi argomenti e non solo alla gestione dello stress. Ad esempio, abbiamo un protocollo per migliorare il sonno, migliorare le capacità psicomotorie per le passeggiate spaziali, ecc.

Hai detto che il tuo visore VR sarà “potenziato dall'intelligenza artificiale”?

Elisa Jabis: decisamente. Anche questo è un punto molto importante della nostra soluzione, poiché utilizziamo l’intelligenza artificiale per adattare meglio i protocolli all’utente e all’argomento desiderato.

READ  "Rêver + Grand": una serie di full immersion nel mondo della ricerca

Sebbene l’uso della terapia della realtà virtuale nella salute mentale elettronica sia in aumento, le soluzioni in grado di adattarsi all’ambiente specifico degli astronauti sono ancora poche. Pertanto, la NASA, l’Agenzia spaziale europea e altri attori considerano l’intelligenza artificiale una componente chiave delle future esplorazioni spaziali, come le missioni sulla luna Atremis, e anche oltre. Il suo obiettivo è supportare al meglio le sfide legate alle lunghe missioni, durante le quali l’elevata latenza tra Terra e Marte priverebbe gli astronauti di qualsiasi contatto diretto. Ha per scopo, Bene, per aumentare la durata e l'efficienza delle missioni spaziali garantendo la forza mentale e l'adattabilità degli astronauti, nonché il loro benessere emotivo e cognitivo, colmando il divario tra Terra e Marte grazie a veri e propri strumenti terapeutici in realtà virtuale guidati dai nostri intelligenza artificiale. Lui si è seduto.

Il contributo dell’uso dell’intelligenza artificiale è solo aneddotico?

Elisa Jabis: SÌ. Sono convinto che il nostro casco, potenziato dall’intelligenza artificiale, consentirà agli astronauti di rimanere più a lungo nello spazio migliorando la gestione dello stress e le funzioni cognitive in habitat piccoli e isolati. SAT tenderà ad aiutare ogni utente ad eccellere se stesso controllando le proprie emozioni e migliorando il proprio potenziale.

Che si trovino sulla Luna, su Marte o durante i viaggi spaziali, gli astronomi sono costretti a lavorare in contesti confinati, isolati ed estremi. La tua soluzione SAT può adattarsi ad altri ambienti ICE sulla Terra?

Elisa Jabis: SÌ. La nostra soluzione è compatibile con questi ambienti in cui professionisti di altri settori affrontano sfide simili a quelle affrontate dagli astronauti. Penso al personale militare impegnato nelle operazioni, ai sommergibilisti, ai lavoratori sulle piattaforme petrolifere offshore, agli scienziati in siti di ricerca isolati come l’Antartide e persino agli esploratori e agli alpinisti nelle regioni polari. Le sfide equivalgono ai loro compiti. La nostra soluzione SAT risponde a questo problema creando protocolli digitali che si adattano ad ogni situazione. Stiamo anche adattando le nostre soluzioni al grande pubblico e in un prossimo articolo vi parleremo della nostra AI “Lyor” che sarà il vostro miglior compagno per una salute mentale e fisica ottimale. Rimani sintonizzato !