Settembre 28, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Anche i belgi sono nello spazio: è così che il nostro Paese sta cercando di spostare le linee

Il settore spaziale belga sta andando bene. Ma questa industria decollerà davvero quando metterà la sua distinzione al servizio dell’ambizione e dell’innovazione.

Benoît Deper, fondatore e CEO di Aerospacelab, che vende il 100% dei suoi satelliti belgi. © Jean-Luc Flemal

Siamo molto piccoli nell’universo, e ancora di più in Belgio. Tuttavia, questo non ha mai impedito al Belgio di avere dozzine di società attive campo aeronautico Da anni, in particolare grazie al supporto dell’Agenzia Internazionale Europea (ESA). Oggi ce ne sono circa un centinaio, distribuiti abbastanza equamente tra loro Vallonia Fiandre: esplorazione dello spazio, osservazione della Terra, lanciarazzi, telecomunicazioni, navigazione… Le imprese progrediscono grazie alla posizione del Belgio nell’Agenzia spaziale europea. Membro fondatore e importante finanziatore (250 milioni di euro all’anno), il nostro Paese gode di una posizione favorevole nel processo decisionale. “Storicamente, abbiamo sempre avuto una forte presenza“, afferma David Bright, leader del gruppo di business spaziale all’interno di Agoria, un consorzio di società tecnologiche belghe.Il nostro contributo al bilancio dell’ESA ci permette di concentrarci sul tavolo dei negoziati, di sostenere i grandi progetti degli Stati membri, ma anche di mettere sul tavolo altre iniziative, che sostengono la nostra politica industriale.“Una situazione che fornisce una certa stabilità alle imprese belghe, a vantaggio dell’economia nazionale. “Secondo l’analisi di Belspo (Federal Public Science Policy Programming Service – ndr), l’euro che il Belgio investe nell’aviazione ha un rendimento diretto di 4 euro, il che è molto interessante.

Bullone vallone

Secondo il vecchio cliché spesso citato, industria spaziale Il Belgio produrrà solo “bulloni e viti” missiliPer conto delle più grandi aziende del mondo. Tuttavia, alcuni attori stanno cercando di spostare le linee. Miglior esempio: Aerospacelab, con sede a Mont Saint-Gibert. Lanciata all’inizio del 2018, l’azienda conta ora circa 150 dipendenti e punta a 200 entro la fine del 2022. Inizialmente specializzata nell’informazione, ora vende i suoi piccoli satelliti di sorveglianza al 100%. “All’inizio, l’abbiamo costruito noi stessi per fornire le informazioni che i nostri clienti desideravano, ma ci siamo subito resi conto che potevamo venderlo anche a clienti esterni.”, spiega Benoit Debre, fondatore e CEO.Siamo ancora un fondo che vende informazioni grazie ai nostri satelliti, ma è finanziato dal denaro e dalla vendita di satelliti.“I clienti di Aerospacelab sono attivi sia nel settore privato che in quello pubblico, come ministeri, agenzie, Commissione Europea…”Ci vengono richieste informazioni nel campo della sicurezza, della difesa, dell’agricoltura… ma anche nel campo della logistica o del monitoraggio dei mercati globali…

READ  Microsoft Teams ha ora più di 270 milioni di utenti attivi mensili, 20 milioni di utenti attivi mensili oltre sei mesi fa

Il gigante satellitare di Charleroi

Anche il business delle vendite di satelliti sta crescendo in modo impressionante. Entro la fine dell’anno, il primo nuovo stabilimento di Leuven dovrebbe produrre circa 24 satelliti all’anno, mentre la costruzione di un secondo, molto più grande, Charleroi, è iniziata poche settimane prima. Sarebbe una delle attrezzature più grandi al mondo per questo tipo di attrezzatura. Secondo il modello delle case automobilistiche, l’infrastruttura costruita sulla linea e personalizzabile su richiesta del cliente, vi dovrebbero essere assemblati 500 satelliti ogni anno una volta che sarà operativa entro pochi anni. “Ci stiamo allontanando dal vecchio modello di sviluppo, affidandoci interamente alle agenzie pubbliche, verso qualcosa di più iterativo, più flessibile, commenti del capo. Possiamo lavorare su progetti più piccoli rispetto a prima e la barriera all’ingresso è più bassa… Possiamo lavorare senza subappaltatori, completamente internamente. Questo rimuove molti ostacoli alla produttività. Inoltre, ogni volta che abbiamo bisogno di competenze esterne, finiamo per assorbirle.Secondo Benoit Debre, l’industria aerospaziale belga sta andando bene, ma spesso manca ancora di ambizione. “Sono ottimi subappaltatori e mancano di visibilità. Molte di queste aziende lavorano per appaltatori più grandi e sono sostenute al 100% da fondi pubblici. Ma sfortunatamente, con questa mancanza di concorrenza rallenta e molti bravi ingegneri spesso rimangono bloccati in questi schemi. D’altra parte, l’investimento privato impone scadenze, guida l’autotrascendenza, l’innovazione…

hamburger spaziale

In termini di ricerca e innovazione, spiccano alcuni progetti belgi. Insieme alla Facoltà di Agro-Bio Tech Gembloux dell’Università di Liegi, il Laboratorio di gastronomia intelligente studia il cibo e la sua evoluzione da ogni angolazione. Lo scorso maggio, questo laboratorio ha collaborato con l’Agenzia spaziale europea (ESA) per sviluppare pasti per gli astronauti. Volevamo saperne di più, ma la difesa segreta: l’Agenzia europea ha chiesto loro di non comunicare più su questo argomento. Quando l’accordo è stato annunciato, il team di Smart Gastronomy Lab ha spiegato a RTBF che stavano lavorando a ricette sane e deliziose, ma utilizzando il 50% di proteine ​​della spirulina, una microalga. la ragione? L’Agenzia spaziale europea ritiene che potrebbero essere coltivate nello spazio in futuro, e quindi potrebbero essere trasformate in cibo in navette e stazioni spaziali. Tra gli esempi forniti all’epoca: pasta o a Hamburger di lenticchie e spirulina. L’idea è quella di offrire piatti popolari divertenti da mangiare e non solo una dose di proteine ​​vegetali, ma anche cibo fresco, qualcosa di raro nell’orbita che dà slancio agli spiriti.

READ  Dopo un bug, FIFA 23 è esaurito per il preordine a... 6 centesimi

L’obiettivo dei ricercatori di Gembloux è sviluppare prima i prototipi delle macchine che consentiranno agli astronauti di preparare questi cibi nello spazio, ma ci vorrà ancora del tempo prima che l’equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale organizzi un burger party. Infine, il Belgio è anche un terreno fertile per i talenti nel settore dell’aviazione. L’Agenzia spaziale europea è attualmente alla ricerca di due futuri astronauti. A febbraio, dopo una prima selezione di oltre 20.000 candidature, 50 belgi erano ancora nella rosa dei candidati di 1.361 persone per succedere a Dirk Freymot e Frank de Winn. Non male per un piccolo paese. I fortunati vincitori saranno conosciuti in autunno.