Aprile 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Randy Orton aveva paura che non sarebbe mai più riuscito a tornare sul ring

Randy Orton aveva paura che non sarebbe mai più riuscito a tornare sul ring

Come sapete, Randy Orton ha saltato le partite della WWE per 18 mesi a causa di un infortunio alla schiena. Durante questa assenza, abbiamo appreso che la carriera di Randy Orton era in dubbio poiché probabilmente non sarebbe mai tornato sul ring.

Questa settimana, Randy Orton ha rilasciato un'intervista al New York Post e ha confermato che i medici glielo hanno detto ad un certo punto La possibilità del suo ritiro era molto reale E ha versato un sacco di lacrime. Randy Orton racconta la storia:

“Ero con mia moglie e alcuni dei migliori neurochirurghi nel loro campo e hanno esaminato la risonanza magnetica (scansione).” E in base ai miei sintomi e alle condizioni della parte inferiore della colonna vertebrale, e in base alla risonanza magnetica, dicevano: “Sai, hai avuto una grande carriera”. Devi iniziare a pensare alla tua vita dopo il wrestling ed essere lì per i tuoi figli. Questo processo non è il tipo dopo il quale si può continuare la vita sportiva.

Ero in lacrime. Penso che sia normale che gli uomini adulti piangano e io ero un ragazzino. Ero così triste che questa opportunità di lottare di nuovo mi fosse stata portata via.

Randy Orton aggiunge che è stato molto difficile perché ha trascorso diversi mesi aspettando senza sapere se sarebbe potuto tornare sul ring oppure no. Dice di aver trascorso sei settimane viaggiando dal suo stato natale, il Missouri, alla Florida per tornare al wrestling dopo una pausa di oltre 13 mesi. Coglie l'occasione per ringraziare Drew Gulak che gli ha dato la fiducia necessaria per fare il suo primo RKO:

READ  “Avete distrutto la vita di una famiglia, è terribile”: le prime confessioni di Pierre Palmadi davanti a un giudice

“Ho fatto il mio primo RKO alla fine di agosto e senza Drew Gulak non avrei mai ritrovato la mia fiducia. Da gennaio ho iniziato a sentirmi bene. Sentivo di avere il controllo. Mi ci è voluto un secondo per capire che era così.” in cosa sono bravo Avere questa opportunità è stato Il secondo è molto importante e motivante per me: non do più nulla per scontato.

Randy Orton ha concluso le sue dichiarazioni dicendo che sente di essere al culmine della sua prestazione perché ha fiducia in se stesso e non soffre più di alcun mal di schiena. Il suo obiettivo ora è lottare il più a lungo possibile e magari avvicinarsi al record di 16 campionati del mondo detenuto da Ric Flair e John Cena.

Fonte immagine: WWE