Luglio 14, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Questo politico italiano ha espresso la sua opinione durante la stagione della Juventus, da tifoso | Juventus-fr.com

Questo politico italiano ha espresso la sua opinione durante la stagione della Juventus, da tifoso |  Juventus-fr.com

Sandro Cocci è un politico italiano particolarmente deputato europeo per il rinnovamento dell’Europa. È anche un grande tifoso della Juventus. Nel corso di un’intervista con Mirko Di Natale del team TuttoJuve.com, ha parlato della stagione bianconera. Dai un’occhiata ad alcune delle sue dichiarazioni in questo articolo.

Una stagione difficile?

« Mi sono divertito molto perché all’inizio della stagione le aspettative erano completamente diverse. E oltre a vicende che nulla hanno a che fare con i risultati in campo, abbiamo avuto tanta sfortuna. Credo che abbiamo registrato infortuni, pali e traverse. E i continui e improvvisi cambi di direzione di quella che chiamiamo – tra virgolette – “giustizia” sportiva hanno creato una situazione di grande stress e incertezza per giocatori e tifosi: esattamente quello che il sistema calcio dovrebbe cercare di evitare. Occorre dare certezze e distinguere gli eventi legali da quelli sportivi: in Italia da mesi si fa il contrario. Per fortuna siamo giunti alla fine della stagione e finalmente possiamo voltare pagina. »

Dobbiamo aspettarci severe sanzioni dalla UEFA?

« Negli ultimi mesi alcuni quotidiani italiani hanno riferito di pressioni esercitate dall’Uefa sul calcio italiano e sulla Juventus, possibili “scambi politici”, sanzioni più o meno severe a seconda della posizione della Juventus nella vicenda Superleague, attese sentenze dai tribunali, l’applicazione della giustizia e del diritto sociale dell’Unione Europea al calcio, inteso come attività economica e conforme al modello di gioco europeo. Alcuni rappresentanti dell’Uefa hanno rilasciato interviste imbarazzanti in Italia in cui hanno sostanzialmente confermato queste voci. Sono molto sorpreso che la Uefa non abbia mai ritenuto necessario rilasciare un disclaimer ufficiale. Mi sembra che le sanzioni pesanti contro la Juventus saranno più il risultato di un regolamento di conti personali che un’applicazione oggettiva delle regole. Se è così, è assolutamente inaccettabile. »

READ  Un cador italian veut court-circuiter la prolongation di Maxence Caqueret

Senza l’approvazione della UEFA, la vittoria della Conference League potrebbe essere il catalizzatore di una grande ripresa in Europa?

« Se non sbaglio abbiamo giocato e vinto anche la Mitropa Cup. Siamo una società seria e dobbiamo giocare tutte le partite seriamente. D’altra parte, questa conferenza sarà una buona opportunità per sviluppare i nostri giovani giocatori e dare loro l’esperienza più importante. Per me sarebbe questo il modo di interpretare la conferenza in stile Juve. »

Penalità di 10 punti:

« Sono molto confuso. Penso che ci siano molte squadre a rischio di essere coinvolte e l’intera organizzazione farebbe bene a chiudere il caso in fretta. Continuo a non capire perché vengano tolti, riaggiunti e nuovamente tolti punti per fatti estranei al calcio giocato. Ma è chiaro che le suddette attività non possono essere svolte da un gruppo. Come dicono gli inglesi, il tango si balla con almeno due persone. In questo caso, potrebbero essercene di più. »

Massimiliano Allegri dovrebbe restare?

« Mi sembra che indovinare sia completamente inutile. Tutto fa pensare che continuiamo con Allegri. Da tifoso, spero che l’anno prossimo Allegri non chieda 11 giocatori nella nostra metà campo se vinciamo 1-0 contro Inter o Siviglia. , ma credo che giocherà al recupero. E finire la partita. Non l’ho visto nella stagione che si è appena conclusa. »

Dovremmo affidarci ai giovani della prossima generazione o reclutare giocatori?

« Vogliamo entrambi. L’investimento continuo nella prossima generazione è essenziale, ma sono necessari uno o due giocatori per fare la differenza. Speravo che Di Maria ci fosse quest’anno e purtroppo, a un certo punto, non è stato così. »

READ  Un ex nazionale italiano, Juventus compresa, è stato condannato a tre anni e mezzo di carcere

Report via TuttoJuve.com.