Maggio 27, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Questa pianta al profumo di curry è la “nuova” cannabis? | Scienze

Questa pianta al profumo di curry è la “nuova” cannabis?  |  Scienze

Recentemente, gli scienziati hanno scoperto che una pianta con un aroma specifico produce grandi quantità di cannabinoidi che si trovano comunemente nella cannabis. Queste sono le molecole responsabili dei vari effetti, tra gli altri psicoattivi, sul nostro corpo. Potrebbe essere la “nuova” canapa?

fabbrica interessata Helichrysum umbraculigerum, appartiene alla grande famiglia delle Asteraceae. Originario del Sudafrica, è noto per il suo forte aroma di curry. Conosciuta anche come “ombrello mistico”, questa pianta era precedentemente utilizzata come veleno durante alcuni rituali, secondo alcune fonti storiche.

Le prove non sono cadute nel vuoto. Gli scienziati, dopo aver svolto molte ricerche per risolvere questo mistero, hanno pubblicato le loro osservazioni sulla rivista Le piante della natura. Helichrysum umbraculigerum Produce non solo molecole che si trovano comunemente nei cannabinoidi, ma anche dozzine di cannabinoidi finora sconosciuti. I ricercatori sono stati in grado di identificarne 40 in tutto.

(leggi di più sotto)

Cannabigerolo (CBG). © Thinkstock

Tuttavia, l’ombrello lanoso non produce né tetraidrocannabinolo (THC) né cannabidiolo (CBD), i due cannabinoidi più popolari nella canapa. Tuttavia, sono state rilevate quantità significative di cannabigrel (CBG). Non produce alcun effetto psicoattivo, ma possiede proprietà ritenute interessanti per nuovi usi medicinali.

In realtàE A volte il THC può essere difficile da usare se usato per scopi farmaceutici. Poiché i suoi effetti non sono sempre graditi a un gran numero di pazienti, è necessario filtrarlo per mantenere solo i cannabinoidi necessari. fatto che Helichrysum umbraculigerum Non produce THC e quindi presenta alcuni vantaggi. L’ombrello di lana può vivere più a lungo e crescere rapidamente, il che lo rende più attraente dal punto di vista economico e ambientale.

READ  Sottomarino perduto: chi sono i cinque passeggeri di Titan?


la citazione

Il fatto che durante l’evoluzione due piante geneticamente non imparentate abbiano sviluppato in modo indipendente la capacità di produrre cannabinoidi suggerisce che questi composti svolgano importanti funzioni ecologiche.

Assaf Aharoni, Weizmann Institute of Science

“Il prossimo passo entusiasmante sarà quello di caratterizzare gli oltre 30 nuovi cannabinoidi che abbiamo scoperto, e poi vedere quali usi terapeutici potrebbero avere”, ha affermato la dott.ssa Paula Berman.

Questa scoperta permette anche di comprendere le funzioni di base della cannabis, che rimangono ancora oggi un mistero. Alcune ipotesi sono già state fatte: protezione dai predatori, protezione solare naturale. “Il fatto che due piante geneticamente non imparentate abbiano sviluppato in modo indipendente la capacità di produrre cannabinoidi durante l’evoluzione suggerisce che questi composti svolgano importanti funzioni ecologiche”, ha affermato il professor Assaf Aharoni. “Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare quali sono queste funzioni”.