Novembre 29, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Protesi nasale e “faccia ebrea”: ​​la famiglia del compositore ebreo Leonard Bernstein difende Bradley Cooper

Protesi nasale e “faccia ebrea”: ​​la famiglia del compositore ebreo Leonard Bernstein difende Bradley Cooper

Mercoledì la famiglia del compositore ebreo Leonard Bernstein ha difeso la controversa decisione di Bradley Cooper di indossare un grande naso protesico per interpretare il leggendario capobanda in un nuovo film.

L’attore americano, che ha scritto e diretto il suo nuovo film “Maestro”, in cui interpreta il signor Bernstein, ha suscitato polemiche questa settimana quando il trailer è stato pubblicato online.

Alla ricerca: indossa un prominente naso finto accusato di alimentare stereotipi sugli ebrei.

Alcuni critici hanno denunciato questa scelta artistica paragonandola a “Blackface”, una pratica a lungo impiegata da attori bianchi, che si oscuravano i volti per interpretare ruoli di uomini di colore. Credono che Bradley Cooper sia colpevole di “Jewface”.

Ma i tre figli del compositore musicale di “West Side Story” hanno difeso l’attore mercoledì sul social network X-Twitter.

Sostengono di essere “del tutto d’accordo” con la sua decisione di “usare trucchi per esagerare la sua somiglianza” con il padre.

“Leonard Bernstein ha un bel naso grosso”, hanno scritto Jamie, Alexander e Nina Bernstein nella loro dichiarazione. “Siamo anche abbastanza sicuri che nostro padre non avesse problemi con quello.”

Figlio di immigrati ebrei ucraini, il signor Bernstein è morto nel 1990, ma rimane uno dei più celebri compositori e direttori d’orchestra di tutti i tempi.

L’americano ha diretto in particolare la New York Philharmonic Orchestra ed è ricordato per la colonna sonora di “West Side Story”, un grande successo di Broadway.

Con “The Maestro”, Bradley Cooper (“A Star Is Born”, “Very Bad Trip”) affronta la tortuosa relazione del signor Bernstein con sua moglie, Felicia Montealegre, interpretata da Carey Mulligan. E il film, che sarà proiettato alla Mostra del cinema di Venezia, potrebbe candidarlo all’Oscar come miglior attore protagonista.

READ  Virginie Evira, pancia tonda e tacchi vertiginosi sulla Croisette

La questione se gli attori, in particolare gli attori bianchi, debbano o meno incarnare i personaggi delle minoranze etniche della vita reale ha stuzzicato Hollywood per diversi anni e recentemente si è estesa ai ruoli dei personaggi ebrei.