Novembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Prima del Rennes Tolosa – Infortuni frequenti, miracolo, previsto con il Belgio: Duku, il conto non è ancora buono

A volte ce ne dimentichiamo, purtroppo. Relegato nella nuova sensazione della Ligue 1 francese nel calcio belga, Jerry Duques pattina da quando si è stabilito in Bretagna. Capace di sfarzo, l’ex giocatore dell’Anderlecht è ancora lontano dal giustificare l’enorme investimento di 26 milioni di euro che gli ha fatto Rennes, oltre due anni fa.

Segui PSG – Auxerre su CANAL + FOOT

Vittima di infortuni ricorrenti da un anno e mezzo, il nativo di Anversa è quasi chiazzato. A vent’anni, l’esterno si trova a un bivio, nonostante la giovane età. E se il suo talento è formidabile ed è ancora seguito dai big europei, Liverpool in testa, Jeremy Duques sa di essere atteso soprattutto nella pianura dove iniziano a fiorire alcuni dubbi.

Lega francese 1

19 colpi in 2, tre posizioni: Lil maledetto, Rin miracolosamente

06/11/2022 alle 18:01

“Fino alla fine il centrocampista azzurro dovrebbe essere tra i primi 5 giocatori del Mondiale”

Due stagioni e mezzo dal profumo incompleto

Stella nascente durante i suoi primi passi da professionista con l’Anderlecht, nel 2019 il Red Devil ha lasciato il Belgio pieno di promesse. Sono stati rapidamente confermati al suo arrivo a Roazhon Park, nonostante un giornale statistico piuttosto scarso. Nel prato l’attaccante si è ritirato molto rapidamente con il collettivo rossonero e brillava, soprattutto prima di Euro 2020. Prima del “tuffo” della scorsa stagione.

Doku ha problemi muscolari e ha avuto poche possibilità di mettersi in mostra da Euro 2020, il che è alquanto convincente a livello personale. Peggio ancora, l’ex giocatore dei Mauves ha spesso faticato a mettere in sequenza tre partite di fila con il club bretone. Nonostante abbia giocato quasi 45 partite nel 2020-2021, il giovane belga ha collezionato solo 18 presenze per soli 700 minuti la scorsa stagione.

Una frustrazione dall’altra parte del confine, come ci spiega Roman van der Bloem, giornalista di Last Hour. “Ci aspettavamo che il suo tempo al Rennes fosse un vero spasso, il momento in cui gira un angolo e diventa un club ambizioso in quel momento. Ci chiediamo cosa sta succedendo. Il fatto che non stia progredendo è necessariamente correlato alle sue ferite…”

Il primo marcatore in “Europa” classe 2005: Doi, giustamente soprannominato Rain Will-o-the-Whip

resettare la macchina

Doku ha accumulato problemi fisici negli ultimi mesi. Per i seguaci dei Mauves e dei Red Devils, questa situazione è quasi un mistero. “È uno di quei giocatori altamente esplosivi che possono infortunarsi più facilmente e sono più suscettibili agli infortuni. Non ha avuto molti problemi fisici quando era all’Anderlecht. È legato al suo stile di vita? È il fatto che vive lontano da casa per la prima volta? Si riposa abbastanza? Sono domande che ci poniamo, ma non abbiamo risposte…”

Capace di fare la differenza come giocatore di supporto, dribblatore feroce ed eliminatore per eccellenza, il nazionale belga ha rivelato di aver lavorato con Marc Raquel, doppiatore ai Mondiali di atletica leggera del 2003, durante la pre-stagione. “Abbiamo lavorato sulla corsa, tagliando fuori il jogging. Se sei troppo improvviso, provoca tensione e dolore. È come se avessi paura: sei teso e non fa bene ai muscoli, ecco cosa ho imparato. “

Dopo essere tornato con altre intenzioni la scorsa estate, Jeremy Duques ha anche dichiarato in una conferenza stampa di aver esaminato parte della sua operazione. “Ho cambiato un po’ le mie abitudini, sto più attenta a cosa posso mangiare, quando devo dormire. Presto più attenzione“Ma con un risultato ancora misto finora che ovviamente lascia insoddisfatti alcuni tifosi del Rennes.

I demoni lo stanno ancora aspettando come Salvatore

In termini di corrente alternata e fuori ritmo, l’ex giocatore dell’Anderlecht ripone ancora molte speranze tra tifosi e seguaci dei Red Devils. “Lo abbiamo presentato come la “prossima grande cosa”, l’uomo che avrebbe portato i demoni per gli anni a venire… che la dice lunga su dove ha nella nostra scelta e cosa può portare.Giornalista di campagna piatto, fidato.

Doku può essere utile fino all’80% con Devils se vuoi andare lontano

Mentre Romelu Lukaku è appena tornato dall’infortunio e molte domande permangono sul suo piano offensivo, la scelta di Jeremy Duques aveva quasi senso per Roman van der Bloem. “L’allenatore lo ama moltissimo. A dire il vero, i ritmici sono capaci di eliminare, e di fare la differenza nell’uno contro uno, ce ne sono solo due: Eden Hazard, che non torna da qualche anno, e Jeremy Duques. Doku può essere utile fino all’80% con i demoni se vuoi andare lontano, specialmente quando vedi la situazione in cui si trova Eden Hazard…

Quindi, il Mondiale e ricominciare da capo? Questo è chiaramente lo scenario previsto dal nostro collega che è ancora convinto che Rin abbia preso la decisione giusta di togliere il libretto degli assegni. “Tornare ai Devils è una buona cosa, soprattutto per alcune persone quando sono in dubbio al club. Sappiamo che Doku è molto legato al Belgio. Secondo me, il Rennes non ha fatto un brutto acquisto anche se non era all’altezza. Si tratta di adattarsi a tante piccole cose da renderle perfette…” Adesso tocca a Doku fare i calcoli.

Vuoi seguire PSG – Auxerre in diretta su CANAL +? Trova 100% CANAL + sconti da € 20,99 al mese per i primi 12 mesi e poi € 30,99 al mese

Axel Witsel, Jerry Duku e Yuri Tillmans prima dei quarti di finale di Euro 2020 tra Belgio e Italia.

Credito: Getty Images

Lega francese 1

Monaco in pieno svolgimento, Nizza in piena veglia

06/11/2022 alle 15:53

Lega francese 1

Al-Quwairi nel Rinascimento occidentale

05/11/2022 alle 23:13

READ  Un grand Barça ridicolizza il Real Madrid et un Carlo Ancelotti fort peu inspires