Marzo 3, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Pierre Perret: “Sparo le mie ultime cartucce”

Pierre Perret: “Sparo le mie ultime cartucce”

“Ciao Pierre Perret, comico, felice!”, ci lancia subito in questa rubrica di canzoni impegnate (Mon pt’it Loup, “Lily”, “Gendnez-nous des Jardins”), l’autore che ha anche scritto alcuni libri best-seller in Il discorso dei mestieri o La gastronomia, quando lo incontriamo in uno dei famosi hotel di Bruxelles. “Anche se non sono mai stata una cantante. Cantavo perché, come mi disse un giorno la moglie di Georges Brassens: “Ma perché non canti?” Perché non sono un cantante. Poi mi ha detto: Ma basta, George non fa neanche questo. Canta perché nessuno vuole cantare le sue canzoni, tutto qui (sorridente) !

Così, Pierre Perret, 89 anni, concluderà il suo “tour d’addio” in Belgio alla fine del 2023. Questa visione del mondo attuale sarà l’8 dicembre al Circo Reale di Bruxelles, il 9 dicembre al Palais des Beaux -Arts a Charleroi e il giorno successivo al Forum di Liegi prima della sua conclusione al Palais d’Ath il 15 dicembre (RBiglietti su Ticketmaster.be.) “SSe non fossi stato un cantante, avrei sicuramente intrapreso una carriera creativaConfessa. Anche in cucina per preparare piatti e sapori. Ma ho preferito occuparmi di letteratura e musica perché è un campo infinitamente coltivabile.

Quindi possiamo davvero parlare di addio?

“Sai, alla mia età, prima o poi ci fermeremo comunque. Ma ha senso per me sparare le mie ultime cartucce. Penso che sto facendo l’ultimo concerto della mia vita, gli ultimi concerti di una lunga, lunga carriera. saga. Ma non smetterò di scrivere.”

Sul tuo poster d’addio temporaneo, la parola “temporaneo” è stata cancellata. Fino a quando non verrà presa la tua decisione?

“Sì, giocherò fino alla fine dell’anno. Smetterò quando avrò 90 anni. Mi sembra di essere abbastanza sicuro che finirò a quel punto, a luglio 2024. E non lo so. Non voglio nemmeno cantare per 100 manici di scopa! Ragionevolmente, devi renderti conto che hai l’età delle tue arterie. E in effetti non è male fare tutto questo. Sono nel dipartimento da 60 anni. Non ho visto molte persone che possono dire la stessa cosa (sorridente) !

Potrebbero essere problemi di salute il motivo?

No, è solo cautela, tutto qui. Non esiste un trigger specifico. Dal punto di vista sanitario va tutto bene. Sfortunatamente sì (sorridente) ! Cerco di non pensare alla mia ultima ora, ma ovviamente ci penso continuamente.

READ  All'autore di Dragon Ball questo personaggio non piace molto, anche se è ammirato dai fan

“A Parigi, la Parigi schifosa… solo i topi sono felici”: Pierre Perret distrugge Parigi con la canzone e solleva critiche

Alcuni artisti sognano anche di morire sul palco, è questo il tuo caso?

“Oh no, questo non è affatto il mio sogno.”

Che tipo di onore vorresti ricevere?

“C’è un’area di sosta sull’autostrada, con la mia statua, che ora si chiama Pierre-Perret. È pazzesco! E poi è bello perché prima si chiamava Garonne. E sono nato sulle rive del fiume Garonna, a casa mia.” Paese, quindi è assimilazione e assolutamente gradito.” Tutti questi riconoscimenti sono come scuole (Una quarantina oggi portano il suo nome, ndr)È fantastico per chiunque sogni l’onore. Anche se non l’ho mai sognato. Mi hanno attaccato da solo in silenzio. Non ho mai chiesto nulla. È così carino e vivo. È molto meglio di quando non c’eravamo più…”

“Anche le parolacce sono nel dizionario, quindi le uso quando ne ho bisogno.”

Ma le tue canzoni ad un certo punto sono state sottoposte a dure critiche… al punto da essere minacciate?

“Saranno così per tutta la vita, e questo non mi ha impedito di esistere. Ma non sono mai stato minacciato, no. Le punizioni, per me, sono sempre state le cose non dette, i divieti, il silenzio. Sono sempre stato punito per non aver trasmesso me stesso.

Tu, che nei tuoi testi sei sempre stato un visionario, come vedi il nostro mondo nel futuro?

“Mi spaventa terribilmente. Penso che le supertecnologie di oggi avranno la precedenza con i loro aspetti malvagi e forse benefici. Ma sono molto preoccupato per la cosiddetta intelligenza artificiale. Non so se non porterà a maggiori garanzie danno che bene perché è stato pianificato molto male. Vediamo semplicemente cosa succede in termini di influenze e reti sociali sui bambini, sugli adolescenti e sulle persone vulnerabili o ingenue. Tutti i predatori che stanno all’erta, che pensano solo a questo e che sono solo aspettarlo: colpa degli ingenui che si lasciano reclutare. “C’è sempre stato, ma purtroppo penso che possa solo rischiare di svilupparsi troppo in fretta. “Non ci sarò più a vederlo, ma rischia di fare tanti danni”.

READ  Le circostanze della morte di Jean-Pierre Pernaut révélées: “Les médecins ont dû l'endormir” | Tele

Il mondo dello spettacolo – sesso, droga e alcol – può danneggiare seriamente la tua carriera…

“Tutto questo non è mai stato affare mio. Non ne avevo bisogno per creare. Tutti i difetti sono ammessi. È mio. Anche mia moglie è arrivata quasi dopo il mio primo debutto come cantante. Risale agli anni ’60. Anche lei ha svolto un ampio lavoro terapeutico Cosa vuoi, è così (sorridente) !

“Sappiamo che il mio cuore è sempre stato a sinistra.”

Nel poster della sua tournée “Mes adieux” passando per il Belgio, Pierre Perret rivela di più sull’artista impegnato: “Il salmone mi aspetta”.

Sì, finalmente il salmone mi aspetta sempre meno, peccato“, denuncia la cantante 89enne, interprete di La Femme Grillagée, e grande appassionata di pesca a mosca (Ad un concerto la prossima settimana in Belgio) durante la Cop 28 a Dubai. Lo spreco di questo pianeta fa sì che l’inquinamento, l’acqua, tutto diventi molto disgustoso per i pesci. Ci sono molti fiumi dove lo stomaco dei pesci è nell’aria. I pesci non entrano più nei fiumi dal mare per il semplice motivo che il mare è troppo caldo. Quest’anno in Irlanda (Dove ha una casa, ndr)I pesci non entravano nei fiumi perché la temperatura era tra i 18 ei 19 gradi, mentre solitamente si arrivava ai 10 o 12 gradi. Nessuno ne ha parlato! A circa 20 gradi il pesce muore!

Hai l’impressione, e le tue canzoni vengono insegnate ancora oggi nelle scuole, di aver cambiato un po’ i simboli?

“Beh, sì, sai, quando ho dei ragazzi che hanno saputo di Lily a scuola e si avvicinano e dicono: ‘Sai, avevo un amico che era razzista ma io non lo sono’. Gli ho fatto ascoltare Lily e poi è diventato come me adesso. Beh, anche se hai fatto solo questo nella tua vita, non è comunque male. Ho bisogno di dire le cose con l’unica arma che ho, le parole. Mi piacciono le canzoni che mi feriscono”.

Come la tua canzone rivoluzionaria che oggi distrugge Parigi (“Looted Paris”)… Cosa pensi di Bruxelles?

READ  Camila fotografata da Kate: Il risultato è sulla copertina di una rivista

“Una città bellissima, ma meno bella di quanto la conoscessi.” Ha anche i suoi fastidi, il lavoro, ecc. Sembra che oggi abbiano distrutto tutte le città per non so cosa. A volte mi sorprende che oggigiorno ci siano posti meravigliosi in Belgio così polverosi e pieni di grandi macchine. “Non è la bella Bruxelles che conoscevo 40 anni fa”.

“Bruxelles non è più la bella città che conosceva 40 anni fa.”

Date le tue canzoni fastidiose (notiamo anche “We Came to Live in Your House” o “Tears of the Poor” nel suo ultimo album My Old Sacrifice), hai mai pensato di entrare in politica?

“No, no e no. Ho fatto molta politica e so molto su come stanno le cose (sorridente). Quando ci metti i piedi dentro non dovresti muoverlo perché emana subito un cattivo odore! Ho avuto persone come Michel Rocard, e ho ancora amici politici come Jospin, per esempio. Sappiamo che ho sempre avuto il cuore a sinistra. Ma non sono mai intervenuto e ho sempre rifiutato il sostegno ufficiale. Sapevano inoltre che a questo livello sarei rimasto neutrale. Non ho mai incoraggiato la gente a votare per Le Pen, per esempio!

Il film “Les Jolies Colonies de Vacances” è stato bandito dalla moglie del presidente Charles de Gaulle…

“Erano tutte vietate, oscene. All’inizio mi avevano detto che c’erano parolacce. Lo giuro sulla parola, non va bene, ma la parola è interessante. Quindi ho tenuto le parole. E poi, quando è arrivato il momento di dire altre parolacce, ecco, le ho dette.” Anche le parolacce ci sono nel dizionario. Quindi, se ci sono, è perché un giorno qualcuno le ha prese in considerazione. E ci sono persone più intelligenti di me che si chiamano Rabelais o Molière che “Sapevano l’importanza di quelle parole. E l’hanno usata. E certamente non sarebbe stato così. Sarò citato secoli dopo, così come loro. Ma, in tutta umiltà, mi permetterò di usare tutte le parole di cui ho bisogno.