Agosto 7, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Perché Facebook e Instagram sono inaccessibili quest’estate

Una decisione della Commissione irlandese per la protezione dei dati potrebbe portare alla sospensione, almeno temporaneamente, dei due social network Meta.

Tempo di lettura: 2 minuti

yoLa decisione della Commissione irlandese per la protezione dei dati potrebbe porre fine ai trasferimenti di metadati tra gli Stati Uniti e l’Europa.

secondo mezzi politicil’organismo preposto alla regolamentazione della società le cui attività europee sono aggregate in Irlanda, ha deciso di vietare i trasferimenti di metadati tra Europa e Stati Uniti.

Secondo i documenti consultati dai nostri colleghi e confermati dalla commissione irlandese, il documento è stato inviato a tutte le controparti locali per la consultazione. Avranno un mese per commentare prima che il divieto entri in vigore.

Per Meta, questi trasferimenti tra Europa e Stati Uniti sono fondamentali. Lo scorso febbraio, Facebook ha minacciato di tagliare i suoi servizi nell’Unione Europea se queste regole fossero state applicate.

“Questa decisione provvisoria, che è al vaglio delle autorità europee per la protezione dei dati, si riferisce alla risoluzione del conflitto tra il diritto europeo e il diritto statunitense. Accogliamo con favore l’accordo tra gli Stati Uniti e l’Unione Europea per creare un nuovo quadro giuridico che consenta trasferimento di dati alla frontiera”.

Nella sua reazione, la società indica trattative tra le due parti. Gli Stati Uniti e l’Europa stanno attualmente discutendo un accordo che consentirebbe ad aziende come Meta di trasferire dati tra i due continenti. Ma le trattative sono ancora lontane dal raggiungere il loro obiettivo.

In assenza di un quadro giuridico negoziato, Meta potrebbe trovarsi senza alcuna soluzione per continuare ad operare nell’UE, almeno temporaneamente.



“Ci auguriamo che questo quadro giuridico ci consenta di mantenere collegate famiglie, comunità ed economie”, conclude l’azienda, e quindi non sembra chiudere completamente la porta alla scomparsa temporanea o permanente dei suoi servizi in Europa.

READ  Il re dei SUV torna per la quinta generazione: ecco la nuovissima Range Rover