Giugno 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Per evitare conflitti, queste aquile cambiano la loro rotta di volo

Per evitare conflitti, queste aquile cambiano la loro rotta di volo
Artemy Voykhansky – CC L’aquila stridente, una specie di rapace particolarmente colpita dalla guerra in Ucraina.

Artemy Voykhansky – CC

Guerra in Ucraina: la via alternativa… a causa del conflitto umano. Se la devastazione provocata dalla guerra in Ucraina è legata soprattutto ai danni umani e materiali, i ricercatori dell’Università inglese dell’East Anglia hanno appena dimostrato che l’impatto sulla fauna selvatica è notevole. Prova di ciò è la Screaming Eagle, molti dei cui compagni hanno cambiato rotta dall’inizio della guerra.

Per evitare le zone interessate dal conflitto in corso tra Russia e Ucraina dal 24 febbraio 2022, l’aquila è stata costretta a percorrere distanze molto maggiori per raggiungere le sue zone di riproduzione, che si trovano principalmente nella Bielorussia meridionale, e quindi nel nord dell’Ucraina.

Pubblicato sulla rivista Biologia attuale Lunedì 20 maggio, lo studio di questo team di ricercatori ha permesso di analizzare i percorsi migratori di 19 rapaci di questo tipo mentre attraversavano i cieli dell’Ucraina tra marzo e aprile 2022. Sono stati poi confrontati con 65 percorsi scattate da 20 uccelli nel periodo 2018-2021.

Il commento è costruttivo. Secondo le loro scoperte, gli avvoltoi di questa specie hanno percorso in media altri 85 chilometri dall’invasione russa. Sono sufficienti in media 55 ore di volo aggiuntive, a una velocità inferiore a quella abituale per i maschi. Ma non è tutto, I rapaci più vulnerabili che passano sopra una zona di guerra tendono a ridurre o eliminare i tempi di inattività per riposare o nutrirsi.

Impatto sulla riproduzione delle specie

Per comprendere appieno l’importanza di questo fenomeno, Charlie Russell, coautore dello studio, utilizza la seguente formula: “ È un po’ come dover correre una maratona senza fare una pausa ristoro. Alla fine qualcuno ti chiede di correre altri undici o dodici chilometri ».

READ  Il mistero delle turbine eoliche nel Mediterraneo

Soprattutto perché questi uccelli a volte devono percorrere distanze molto lunghe prima di raggiungere la loro zona di riproduzione. Le femmine generalmente arrivano dalla Grecia dove trascorrono l’inverno, mentre i maschi partono da località dell’Africa orientale.

C’è un altro elemento che dimostra l’impatto significativo sullo stile di vita di questi animali: il numero dei fermi in Ucraina prima e dopo l’inizio del conflitto. Infatti, solo il 32% delle persone monitorate si è fermato in Ucraina dopo l’invasione russa, rispetto al 90% del periodo precedente analizzato dai ricercatori.

Sebbene sia ancora difficile determinare esattamente quanto gli avvoltoi siano colpiti dai combattimenti umani sul loro cammino, le conseguenze dannose per gli avvoltoi sono molto reali.

Charlie Russell sottolinea che il ciclo riproduttivo di questa specie potrebbe subire ritardi. Ciò avviene per diverse ragioni: la prima è la necessità di tempi di recupero più lunghi dopo deportazioni così insolite. Il secondo è il rischio di ridotta sopravvivenza neonatale. La colpa è della preda che è meno presente quando le uova si schiudono. Questi percorsi allungati comportano, infatti, uno spostamento del periodo riproduttivo dei rapaci: il risultato è che quando i piccoli escono dal guscio, anche la preda che permette loro di sopravvivere è più piccola.

Vedi anche su L’Huff Post: