Giugno 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Pensioni: il Senato vota per posticipare l’età pensionabile a 64 anni

Pensioni: il Senato vota per posticipare l’età pensionabile a 64 anni

Accolto da qualche applauso della destra, il voto posticipato per l’età di 62-64 anni ha vinto con 201 voti contro 115 su 345 votanti. “Sono lieta che le discussioni abbiano permesso di raggiungere questo voto”, ha scritto Elizabeth Bourne su Twitter.

Silenzio dall’inizio dell’esame del testo, giovedì scorso, la maggioranza del Senato su questo articolo da ieri sera ha emesso l’artiglieria pesante del regolamento per accelerare i dibattiti di fronte all’”ostacolo” della sinistra. Era indignata per il “colpo di potere”.

Riforma delle pensioni in Francia: strada trafficata e maggioranza riluttante

“Voi rovinate il dibattito”, ha criticato il leader del senatore comunista Eliyan Essential, “La cosiddetta saggezza del Senato ha subito un duro colpo”. Il suo omologo repubblicano, Bruno Retayo, ha risposto: “Non accetteremo mai che siate membri del Senato”.

Il dibattito riprenderà giovedì alle 10:30 al Senato su un controverso emendamento di Retailleau che chiede l’eliminazione graduale dei regimi privati, votato all’articolo 2, da applicare al personale già in carica.

Da parte loro i sindacati, che vogliono continuare la pressione con una nuova mobilitazione sabato e intensificare le procedure, hanno chiesto un’accoglienza “urgente” da parte del capo dello Stato “fino a quando non ritirerà le sue riforme”.

Riforma delle pensioni in Francia: il movimento di protesta potrebbe intensificarsi

Il presidente del Consiglio ha risposto mercoledì al Senato che “la porta del ministro del Lavoro, Olivier Dussopt, rimane sempre aperta”, sottolineando che “il governo è sempre pronto e aperto al dialogo” e che è “in consultazione e impegno”. Il dialogo su cui è costruito questo testo.

Il portavoce del governo Olivier Véran aveva chiarito in precedenza che il presidente della Repubblica “rispetta le istituzioni (…) Oggi è giunto il momento per il Parlamento di avanzare”.

READ  La Russia ci informa sulle recenti esercitazioni nucleari e Washington dice: 'Questo ci preoccupa'

Una fonte governativa ha stimato che “sarebbe un errore per il presidente accogliere” sindacati che “vogliono riallocare il dibattito a favore + o contro il presidente +”. “Il presidente non dovrebbe entrare in questo”.

differenze

Emmanuel Macron, che ha fatto della riforma un pilastro del suo programma presidenziale, è rimasto in disparte da quando è stato introdotto all’inizio di gennaio, lasciando il primo ministro e il suo gabinetto in prima linea.

Elizabeth Bourne conta sul voto repubblicano per evitare di usare 49,3 (adottando un testo senza voto), che potrebbe essere visto come un buon passaggio. Tanto più che il progetto, per stessa ammissione di Olivier Ferrand, “non ha il sostegno della maggioranza del popolo francese”.

Una manifestazione contro la riforma delle pensioni a Digione il 7 marzo 2023

© Afp

Per questo Emmanuel Macron dovrà “riscrivere un progetto per il Paese” e quindi “voltare pagina” rispetto al quinquennio al termine della riforma delle pensioni, ha detto mercoledì il capo del ministero della Difesa François Bayrou.

In LR, le spaccature persistono, alimentate dall’incontro di mercoledì tra il deputato Aurélien Pradié e il leader della CFDT Laurent Berger. Quello che ha perso da poco il secondo posto si rifiuta ancora di votare perché rappresenta il testo “che punisce i lavoratori”.

Riforma pensioni: i sindacati pronti a “fermare la Francia”

La maggioranza può unirsi? La presidente dell’Assemblea nazionale, Yael Braun-Biveh, ha avvertito FranceInfo di non votare per la riforma, a causa dell’intento ribelle dei funzionari eletti.

sottile

Il governo spera quindi di ottenere una rapida prima vittoria con un voto del Senato sull’intero testo entro la scadenza di domenica. Dovrebbe quindi seguire un comitato congiunto di diversi senatori e rappresentanti.

Se si accordano su un testo, l’adozione definitiva della riforma potrebbe avvenire il 16 marzo.

L’esecutivo scommette anche sulla perdita di potere nel movimento sociale.

“La Francia non è ferma” come promesso dai sindacati e “siamo molto lontani dal primato” che i sindacati “rivendicano”, siamo relativi da una fonte governativa.

I sindacati sono scesi in piazza martedì, 1,28 milioni di manifestanti, secondo la polizia, 3,5 milioni secondo il Sindacato Generale dei Lavoratori. Ma il tasso di sciopero è rimasto al di sotto di un livello record, mentre mercoledì il traffico dei treni e della metropolitana parigini è migliorato.

Il traffico ferroviario rimarrà “gravemente interrotto” giovedì, secondo la SNCF, ma il trasporto di Parigi migliorerà, secondo la RATP.

Mercoledì si sono svolte proteste minori per celebrare la Giornata internazionale della donna.

Manifestazione contro la riforma delle pensioni a Rennes, 7 marzo 2023

© Afp

“Quelle che spingeranno di più per questa riforma sono le donne che soffrono maggiormente di professioni volatili e contratti instabili”, ha dichiarato a Marsiglia il leader di Insoumis Jean-Luc Mélenchon.

Per settore, ci sono stati blocchi in diversi porti importanti secondo l’Autorità generale del lavoro tunisina. Le strade e, in parte, molte istituzioni educative in tutto il paese sono state interrotte.

CGT-Chimie ha affermato che le spedizioni di carburante sono ancora bloccate alle uscite della raffineria, con il ministro dei trasporti Clement Bonn che minaccia di far intervenire la polizia.