Novembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Peco” Bagnaia, la rivincita del nuovo re motociclistico italiano

Pubblicato da: Cambiato:

Valencia (Spagna) (AFP) – Sulle tracce di “El Doctor”: Francesco Bagnaia, il primo campione italiano dopo il mito Valentino Rossi, segna per la prima volta nella sua carriera in MotoGP il ritorno dell’Italia in testa alla classifica, dopo aver fallito lo scorso anno al 2° posto.

Il pilota distaccato, un po’ testardo quando si tratta di chi lo circonda, Bagnaya è testardo su qualsiasi cosa quando è in pista. Dopo aver perso contro il francese Fabio Quartararo nel 2021, “Peco” ha cercato vendetta per realizzare finalmente il suo sogno di diventare campione del mondo.

Il titolo è stato acquistato al prezzo di una spettacolare ascesa nel Campionato Transalpino: sull’orlo del baratro a metà stagione, il pilota Ducati, allora in testa alla classifica, parte a 91 punti da Quartararo. La rimonta porterebbe al più grande passaggio alla classe regina da quando l’attuale sistema a punti è stato introdotto nel 1993.

Il pilota francese Fabio Quartararo e l'italiano Francesco Bagnaia si stringono la mano durante una conferenza stampa a Valencia il 3 novembre 2022.
Il pilota francese Fabio Quartararo e l’italiano Francesco Bagnaia si stringono la mano durante una conferenza stampa a Valencia il 3 novembre 2022. Javier Soriano AFP

Anche l’anno scorso ha avuto una stagione in crescendo, con quattro vittorie a fine stagione. Ma quest’anno non ha esitato nel momento decisivo della conquista del titolo di maestro. A proposito, è diventato il primo pilota Ducati a vincere il titolo dopo l’australiano Casey Stoner nel 2007 sul circuito Ricardo Tormo di Valencia (Spagna) domenica.

“Peco” segue ora le orme di Rossi, il “mentore” con cui ha studiato: è uno studente della VR46 Academy, un gruppo di piloti creato da “El Doctor”.

READ  Euro 2020: Capital Italy chiude Chiellini mantenendo la finanza internazionale

Ma per lui non si può paragonarsi al sette volte iridato MotoGP: “Non c’è successore di Valentino Rossi!”, ha scattato in un’intervista ad AFP a settembre. “Ognuno deve creare la propria storia”.

“Crede in se stesso”

Nato a Torino il 14 gennaio 1997, Becco – che deve il suo soprannome alla sorella Carola, che da piccola non riusciva a pronunciare il nome di battesimo del fratello – si è immerso giovanissimo nel mondo delle moto grazie ai suoi padre, Pietro. , una due ruote.

Il pilota italiano Francesco Bagnaia durante il GP di Valencia, ultima gara della stagione, sulla pista Riccardo Dormo il 6 novembre 2022.
Il pilota italiano Francesco Bagnaia durante il GP di Valencia, ultima gara della stagione, sulla pista Riccardo Dormo il 6 novembre 2022. Javier Soriano AFP

“Da bambino andavo ai GP con mio padre e mio zio, cosa che mi ha portato a provare le gare di minicross quando avevo sei anni”, ha spiegato nel 2017 al sito specializzato crash.net.

Come molti piloti della sua generazione, l’italiano ha saltato il campionato spagnolo CEV dopo aver vinto il suo primo titolo in MiniGP nel 2009.

Ha poi scalato le classifiche in Moto3 (2013–2016) e Moto2 (2017–2018), dove è stato incoronato campione del mondo per la prima volta nel 2018.

“Peko crede molto in lui (…) quando si ha questa mentalità è difficile fermarlo”, ha spiegato Bagnaia all’AFP Pablo Nieto, il manager della squadra titolata.

"Beko" Bagnaia prima della terza sessione di allenamento gratuita del Valencia GB il 5 novembre 2022
“Peco” Bagnaia prima del terzo allenamento gratuito del Valencia GB il 5 novembre 2022 José Jordan AFP

Lo spagnolo ha visto direttamente nel suo pilota — “oggi molto calmo” — il potenziale per raggiungere le vette: “In Moto3 non ha avuto il massimo, ma ha fatto dei podi (…alla sua prima stagione in Moto2 , è stato il miglior debuttante della stagione prima di diventare campione l’anno successivo”, ha ricordato.

READ  Immagine - massiccia, protesta, contro, salute italiana, pass? No, una parata techno a Zurigo

Tifoso juventino

Forte del suo titolo, il torinese entra nel 2019 nella massima divisione del team satellite Ducati-Bramac, prima di essere promosso nel 2021 nella squadra ufficiale del marchio italiano.

Fuori dai circuiti, il campione del mondo, amante della cucina nel tempo libero, si diverte a circondarsi sui social della sua famiglia, in particolare della sua compagna Tomisia.

Tifoso della Juventus, da giovane ha lasciato il manico,​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​ ​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​ ​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​ ​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​ ​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​

Francesco Bagnaia dopo aver vinto il GP della Malesia a Sepang il 23 ottobre 2022
Francesco Bagnaia dopo aver vinto il GP della Malesia a Sepang il 23 ottobre 2022 MOHD Razfan AFP

“Ho provato molti sport con buoni risultati, a parte il calcio, che è stato un disastro”, ha ammesso Bagnaia al quotidiano italiano Il Corriere della Sera a settembre.

Le moto, invece, non smettono mai di affascinarmi. C’è stato un momento critico nell’adolescenza; “Ho iniziato ad uscire con gli amici, con le ragazze, mi sono divertito (… ) e mio padre se ne è accorto, è stato in grado di spiegarmi quanto sia importante rispettare il proprio lavoro”, ha ricordato il pilota.

“All’epoca sembrava ancora un gioco, ma ho capito che un esame richiede un impegno totale”. Un impegno lo ha portato in alto.