Luglio 25, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Peccato, Vladimir, che l’hai cercato”: quando Hillary Clinton prende in giro Putin per l’espansione della NATO

“Peccato, Vladimir, che l’hai cercato”: quando Hillary Clinton prende in giro Putin per l’espansione della NATO

Martedì l’ex diplomatica americana Hillary Clinton ha deriso il presidente russo Vladimir Putin riguardo all’espansione della NATO dopo l’invasione dell’Ucraina attraverso Mosca: “Sfortunatamente, Vladimir, l’ho cercato”.

L’ex diplomatica ha parlato al Dipartimento di Stato, dove è stata svelata la sua foto ufficiale, accompagnata dall’ex presidente Bill Clinton e dall’attuale segretario di Stato Anthony Blinken.

“È stato un vero punto di contesa”, ha detto in una breve dichiarazione. “Abbiamo sempre detto che nessuno è obbligato ad aderire alla NATO, e che le persone scelgono e vogliono aderire alla NATO”.

La Finlandia, che è diventata membro quest’anno, e la Svezia, che sta ancora aspettando, hanno cercato di unirsi all’alleanza militare occidentale dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina nel febbraio 2022, voltando pagina dopo decenni di neutralità.

L’ex capo della sicurezza di Vladimir Putin si apre: “È quasi impossibile assassinarlo”

Il presidente russo ha in parte utilizzato l’espansione della NATO nell’Europa orientale e la prospettiva di un’eventuale adesione dell’Ucraina come pretesto per giustificare l’invasione, che ha provocato una risposta di massiccio sostegno occidentale a Kiev.

Quando guidò la diplomazia americana nel 2009, durante la presidenza di Barack Obama, Hillary Clinton guidò il famoso “reset” delle relazioni tra Washington e Mosca, già pessime dopo l’attacco, l’anno precedente, da parte di un altro paese ex sovietico. Repubblica di Georgia dalla Russia.

Ma i rapporti tra le due potenze si sono nuovamente deteriorati dopo il ritorno al Cremlino nel 2012 del presidente Putin, che ha accusato personalmente Hillary Clinton di incitamento alle manifestazioni organizzate da funzionari dell’opposizione russa.

Era la candidata del Partito Democratico alla Casa Bianca nel 2016, ed è stata picchiata da Donald Trump, tra le accuse di interferenza russa nelle elezioni presidenziali.

READ  Olivier Vandecastele lancia la piattaforma “Protect Humanitarian Workers” per “proteggere le persone che proteggono”