Gennaio 24, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Origine nel microbiota intestinale

La secrezione di proteine ​​amiloidi da parte della flora intestinale può provocare la comparsa di proteine ​​dello stesso tipo nel cervello. I cluster di proteine ​​amiloidi nei neuroni sono coinvolti in malattie neurodegenerative come il morbo di Parkinson o il morbo di Alzheimer.

Le malattie di Parkinson e di Alzheimer, la degenerazione cerebrale e la sclerosi laterale amiotrofica hanno tutte una cosa in comune: la morte dei neuroni associata all’accumulo delle cosiddette proteine ​​amiloidi (varia a seconda della malattia).

Le proteine ​​anormali si assemblano in tipi di “palline di lana” che riempiono i neuroni e poi viaggiano da neuroni a neuroni, tra diverse aree del cervello provocando infiammazione (una reazione del sistema di difesa immunitario) e morte cellulare. Quindi la domanda centrale era da dove provenivano queste proteine ​​​​amiloidi?

Il ricercatore Xu Chen, della Case Western Reserve University di Cleveland, e colleghi hanno dimostrato che provengono dal nostro intestino, più precisamente dei batteri nel nostro microbiota intestinale. Fino ad ora, non sapevamo come apparissero le prime proteine ​​​​anormali, che sono altamente flesse e si accumulano nei neuroni.

Abbiamo anche osservato una significativa reazione infiammatoria intorno alle aree del cervello dove queste proteine ​​si aggregano, senza sapere se provoca o meno la morte neuronale. Al contrario, le proteine ​​amiloidi erano già note per essere presenti nell’intestino e nei neuroni enterici di pazienti a volte 20 anni prima della diagnosi del morbo di Parkinson.

Tutto si gioca nell’intestino

Il nostro intestino contiene più di 1,5 chilogrammi di batteri. Questi microbioti intestinali hanno molti ruoli nella digestione, contro le infezioni, ecc. La maggior parte di questi batteri non sono solo dannosi, ma anche necessari per la nostra sopravvivenza. Nel 2002 si è scoperto che alcuni di essi producono proteine ​​amiloidi, utili per la loro replicazione, adesione e resistenza.

READ  Il record di neve non è lontano!

Le proteine ​​più studiate sono le proteine ​​”curli”, che sono secrete dai batteri Escherichia coli. Chen e colleghi hanno ipotizzato che le proteine ​​amiloidi nella flora intestinale causano la comparsa di altre proteine ​​amiloidi nei neuroni del cervello.

Hanno scelto di studiare il pool di una di queste proteine, l’alfa-sinucleina, che si accumula nei neuroni dei malati di Parkinson. Per fare questo, hanno nutrito 344 ratti anziani e vermi C.

Il risultato: i topi che hanno ricevuto E. coli secernente plessiforme hanno mostrato proteine ​​alfa-sinucleina raggruppate nell’intestino e nei neuroni enterici, ma anche nei neuroni del cervello. I vermi hanno sviluppato gruppi di proteine ​​alfa-sinucleina nelle loro cellule muscolari.

Al contrario, gli animali esposti a batteri che non hanno prodotto plessi hanno sviluppato pochissimi accumuli di amiloide. Inoltre, la comparsa di proteine ​​amiloidi ha causato una grave reazione infiammatoria localizzata nel cervello dei topi, che è simile a quella che si verifica nel cervello dei pazienti con malattie neurodegenerative.

Microbiota intestinale malsano: infiammazione esacerbata

In che modo le proteine ​​amiloidi secrete dai batteri influenzano indirettamente i neuroni? Gli scienziati hanno avanzato tre ipotesi. La presenza di proteine ​​batteriche aggregate può provocare un aumento della secrezione di alfa-sinucleina in tutto l’organismo, favorendone l’accumulo.

A meno che l’assemblaggio non si sposti, quasi per gradi, su altre proteine. o che l’attivazione immunitaria generata nell’intestino da proteine ​​amiloidi batteriche porta a una reazione immunitaria e a un’infiammazione nel cervello; Infiammazione che sarebbe all’origine dell’accumulo di proteine ​​cerebrali.

Questo studio è uno dei primi a dimostrare che un probiotico è in grado di provocare l’accumulo di proteine ​​anomale nei neuroni del cervello. Ecco una nuova via di ricerca per comprendere meglio, o addirittura trattare, le malattie neurodegenerative, dal momento che ora abbiamo molti strumenti per studiare e lavorare sul microbioma intestinale.

READ  Sciopero in ambito sanitario e sociale. Mancanza di risorse e stipendi immeritati, insieme alla prima linea!

La salute dell’intestino e della flora intestinale attraverso la dieta e l’assunzione regolare di probiotici rimane una priorità per chi ha a cuore la propria salute attuale e futura.

fonte :

Chen et al. , L’esposizione a una proteina amiloide batterica funzionale aumenta l’accumulo di alfa-sinucleina nei ratti Fisher 344 e Caenorhabditis elegans, Natura

Vedi anche: Problemi alla vista: potrebbe essere il primo segno della malattia di Alzheimer

Ti piacciono i nostri contenuti?

Ricevi i nostri ultimi post ogni giorno gratuitamente e direttamente nella tua casella di posta