Aprile 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Non organizzeremo il dumping sociale per la distribuzione dei giornali”, afferma Petra De Sutter.

“Non organizzeremo il dumping sociale per la distribuzione dei giornali”, afferma Petra De Sutter.

A dicembre il governo federale ha deciso di non aggiudicare un nuovo contratto per la distribuzione di giornali e riviste. L'ultimo contratto era in mano a Bpost ed è scaduto alla fine dello scorso anno.

Pertanto, gli editori dovranno scegliere da soli i propri distributori. Bpost compete con aziende del settore privato come PPP, che impiegano liberi professionisti come subappaltatori.

Ripartizione della diffusione dei giornali: gli editori francofoni “si sentono sollevati” di trovare un accordo

La deputata Chanel Bonaventura ha interrogato il ministro sulla minaccia di concorrenza sleale, poiché i fattorini lavorano in condizioni precarie. Ha chiesto: “Domani dovremo affrontare gli stessi problemi che abbiamo affrontato ieri nel settore dei pacchi?”

Con la legge sui pacchi, Pietra De Sutter ha imposto l'anno scorso dei requisiti minimi. Migliaia di addetti alla consegna dei pacchi possono ora beneficiare del salario minimo e del diritto al riposo. Chanel Bonaventura ha chiesto se queste regole si estenderanno alla distribuzione di giornali e riviste.

Petra De Sutter ha ammesso che attualmente la distribuzione di giornali e riviste non rientra nel campo di applicazione della legge sui pacchi. Aggiunge che non è più possibile unificarli durante questa legislatura e auspica che il prossimo governo lo faccia.

READ  in bolletta entro il 31 marzo