Agro Nocerino Ambiente

Nocera Inferiore, “Piantiamo alberi”. La proposta di Nocera in Movimento

"Piantiamo

Gli attivisti di Nocera in Movimento avanzano proposta all’Amministrazione Torquato nell’aderire all’iniziativa “Piantiamo alberi 2018

Nocera Inferiore. Inquinamento dell’aria causa smog, cementificazione selvaggia a discapito di aree verdi, aree storiche del verde pubblico (Villa Comunale o Collina del Parco Fienga) in cattivo stato: queste le cause ravvisate dagli attivisti di Nocera in Movimento che difatti hanno determinato perdita di suolo pubblico e perdita di aree verdi.

Un’iniziativa per dare una scossa? Aderire a “Piantiamo alberi 2018”. Questa la proposta avanzata dagli attivisti che, attraverso una richiesta protocollata presso gli uffici della Casa Comunale, invitano l’Amministrazione guidata dal sindaco Manlio Torquato, a prendere parte al progetto.

Il 21 novembre, infatti, è la Giornata Nazionale degli Alberi e domenica 18 novembre, o la domenica successiva in caso di maltempo, in tutta Italia verranno messi a dimora decine di migliaia di alberi, che creeranno di fatto numerosi nuovi spazi verdi per i cittadini.L’iniziativa è sostenuta dal Ministero dell’Ambiente.

“I cittadini coinvolti – spiegano gli attivisti – nell’iniziativa procederanno alla piantumazione partecipata che ha una doppia valenza: da una parte creare aree verdi urbane, dall’altra, non meno importante, ricreare le condizioni per un rinnovato legame tra uomo-ambiente-politica-territorio, affinché non si sperimentino più storture quali l’inquinamento, il degrado paesaggistico, la cementificazione selvaggia, gli incendi o altre forme di deturpazione del patrimonio arboreo cittadino. Già nel 2017 abbiamo avanzato la stessa identica proposta, in seguito alla quale il Comune di Nocera Inferiore si è procurato presso la Regione Campania ben 400 alberi ma, ciò nonostante, non ha mai individuato un’area idonea alla piantumazione, anche solo di una minima quantità di alberi già in possesso. Più volte abbiamo sollecitato il responsabile individuato dall’Amministrazione di ricercare un’area idonea, prima dell’arrivo della primavera, senza ottenere risultati. Anzi, il compito di individuare un’area  fu demandato, inspiegabilmente a noi attivisti che ci vedemmo respinte tutte le proposte, una fra tante l’area di Villanova dove dovrebbe nascere un complesso sportivo in concessione ad un privato”.

 

Vuoi ricevere gli aggiornamenti gratuiti da laRedazione.eu ?

E' facile, semplice e gratuito. Cosa aspetti? Unisciti agli altri lettori

laRed TV


ONAIR DALLE 12 ALLE 22

invia le tue segnalazioni al:

G+

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi