Dicembre 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

No all’indipendenza in Nuova Caledonia: e adesso?

Dopo la schiacciante vittoria del “No all’indipendenza” durante il terzo e ultimo referendum sull’autodeterminazione di domenica nell’arcipelago francese della Nuova Caledonia, è ora iniziato un periodo di dialogo che dovrebbe portare in 18 mesi alla creazione di un ” nuovo status” per l’arcipelago.

18 mesi di trasloco

Sul fronte legale, è stato finalizzato l’Accordo di Nouméa firmato nel 1998 sotto gli auspici dell’allora primo ministro francese Lionel Jospin, che regola la decolonizzazione graduale della Nuova Caledonia.

Periodo di transizione di 18 mesi“Bisogna aprire per stabilire una nuova legge nella Repubblica.


►►► Leggi anche: Emmanuel Macron ha risposto dopo il referendum: “La Francia è più bella perché la Nuova Caledonia ha deciso di restarci”.


Obiettivo dichiarato:Libertà dall’alternativa binaria tra sì e no” E “Costruire una joint venture” In questo “nuovo passoIl presidente Emmanuel Macron lo ha chiarito in un discorso televisivo dopo che i risultati sono stati annunciati domenica.

Nuova revisione costituzionale

Sono previste due fasi: la “valutazione” dell’Accordo di Nouméa, prima delle discussioni che dovrebbero”Porta a una nuova revisione costituzionale“, Revisione della legge fondamentale e”Consultazione del progetto“.

Lo stato non intende confondere la velocità con le precipitazioni in questa fase importanteIl ministro degli Esteri Sebastien Licornu ha detto all’AFP domenica, ma ha sottolineato:Alcune questioni sostanziali sono urgenti“.

dialogo complesso

Quando Sébastien Lecornu è arrivato sulla scena venerdì, il dialogo tra tutti gli attori sembrava complicato.

C’è sicuramente dal lato indipendentista un sentimento di abuso di fiducia, di rottura della parola data, sia da parte dello Stato ma anche da parte dei soci, in cui era necessario raggiungere un consenso sulla data di questo terzo referendum.Karen David, professore di diritto pubblico all’Università delle Indie Occidentali, specializzata in istituzioni offshore, ha commentato Franceinfo Radio.

READ  Morte Elisabetta II: al centro delle polemiche la nuova premier Liz Truss In pieno lutto nazionale, Downing Street costretta a rispondere

►►► Leggi anche: La Nuova Caledonia dice no alla sua indipendenza, referendum senza molta partecipazione


Il Fronte Socialista di Liberazione Nazionale Kanak e i nazionalisti, che hanno evitato il sondaggio domenicale che speravano di rinviare nel 2022, hanno annunciato di non riconoscerne i risultati, il che”Non può costituire una base per la discussione“Non vogliono discutere nessuno dei due.”prima della presidenzaNell’aprile 2022.

va bene “forte riluttanza” Questo è “Dichiarazioni politiche da considerare“,”legittimità legale“scrutinio”Senza dubbio“, ha detto l’entourage di Sebastian Licornu.

“Orizzonte incerto”

La Francia non dovrebbeMancata presentazione di una richiesta unilaterale alle Nazioni Unite per ritirare la Nuova Caledonia dall’elenco dei territori non autonomis”, un documento del luglio 2021 che da allora è diventato una tabella di marcia.

Egli sostiene che “Per accusare l’indipendenza‘, il Fronte Socialista di Liberazione Nazionale Kanak respinge questo documento e indica più prontamente come base di discussione il rapporto redatto nel 2013 da Ferdinand Milen Sukramanen, assistente di diritto pubblico, e Jean Courtiel, Consigliere di Stato.

Quest’ultimo ha esplorato quattro ipotesi”per l’accordo di Noumea“Uno di loro era”piena sovranità con partnership“, a cui fanno eco i separatisti che si oppongono al progetto”rottura con la Francia“.

“associazione indipendente”

Per Isabel Merle, storica e direttrice della ricerca al CNRS, la Nuova Caledonia ce l’ha soprattutto».Ho bisogno di essere al sicuro” E “Mantenere il dialogo con tutte le componenti della popolazione“.

Uno statuto per il futuro, (…) potrebbe essere uno statuto che incorpori l’idea dell’Associazione dell’Indipendenza”, considerato domenica sul sito franceinfo.

READ  Variante Omicron: quarantena obbligatoria o divieto di viaggio per persone provenienti da 9 paesi africani