Aprile 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Milioni di litri di acqua inquinata dalla centrale di Fukushima saranno presto scaricati nell’Oceano Pacifico: è un pericolo per l’ambiente?

Milioni di litri di acqua inquinata dalla centrale di Fukushima saranno presto scaricati nell’Oceano Pacifico: è un pericolo per l’ambiente?

Sul lato AFC, stiamo alleviando queste preoccupazioni. “L’AIEA ha riunito esperti incaricati di controllare l’impatto ambientale e sulla salute di tutto ciò che fa l’operatore. Questa task force ha espresso il proprio parere sul trattamento e lo smaltimento delle acque reflue dell’impianto. I controlli sono più severi di qualsiasi altra centrale nucleare nel mondo.” Consiglio Gert Bermans. Specifica inoltre che tutti gli Stati membri dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica hanno accesso ai dati registrati a Fukushima. La concentrazione è nota, sia per il trizio che per lo stronzio, e soddisfa gli standard internazionali ed è stata convalidata dall’Agenzia internazionale per l’energia atomica.. Questi standard internazionali sono considerati molto elevati da Greenpeace. L’organizzazione mette in guardia dalle “conseguenze irreversibili” di queste sostanze sull’ambiente.

A Fukushima, però, i controlli non sono finiti. “Lavoreremo a stretto contatto con il Giappone prima, durante e dopo queste operazioni”.annunciato nel 2021, Rafael Grossi, direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica.Il metodo scelto dal Giappone è tecnicamente fattibile e in linea con le pratiche internazionali, anche se la grande quantità di acqua ne fa un caso unico e complesso.Continua.

Per questo Tepco ha previsto di rilasciare l’acqua gradualmente, al massimo di 500 tonnellate al giorno, secondo un dipendente dell’azienda intervistato da AFP. L’operatore garantirà che la radioattività del trizio scaricato in mare raggiunga un massimo di 22.000 miliardi di becquerel all’anno, che era la norma in Giappone per gli scarichi di acque reflue delle centrali nucleari del Paese prima del disastro di Fukushima. “Ci vorranno anni”.Commenti di Geert Bermans. Ma per lui, nessun’altra opzione è possibile. “Non possiamo continuare a immagazzinare l’acqua per sempre. Il drenaggio è la migliore soluzione tra le tecnologie disponibili senza sostenere costi enormi e senza mettere a rischio il resto del progetto”.lui pensa.

READ  Live - La guerra tra Israele e Gaza: due bambini prematuri morti nel più grande ospedale di Gaza, secondo una ONG israeliana

Non si tratta, infatti, solo della questione delle acque reflue. È l’intera centrale nucleare che deve essere smantellata. Il governo giapponese e la Tepco stimano che ci vorranno quarant’anni per farlo. Un’agenda considerata troppo ristretta da molti specialisti, tra cui Jean Vande Petit: “C’è molta incertezza sulla fattibilità entro i tempi previsti. Le tecnologie devono ancora essere sviluppate per far sì che ciò accada”.

Alla fine, il ricordo del disastro ha rafforzato molti timori. “L’incidente ha ancora un impatto sulla percezione della popolazione. Inoltre, in Giappone, la catena alimentare è molto orientata verso l’ambiente marino. Quindi, appena lo tocchiamo, ci sono preoccupazioni. Bisogna tenerne conto. Per rassicurare la popolazione” Analisi di Gert Bermans.