Novembre 27, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Jackie, 74 anni, sta attraversando un inferno anche se vive in un quartiere tranquillo


Jackie vive in una strada tranquilla nel Devon, in Inghilterra. Piuttosto su quella che era una strada tranquilla prima che questa sovrastruttura gli rovinasse la vita. Nel 2021, il consiglio comunale di Exeter ha dato il via libera a un’azienda per la costruzione di un condominio, nonostante 130 obiezioni alla domanda e una petizione online contro di essa, scritta dai residenti.

Da allora, polvere e rumore hanno pervaso le loro giornate. Jackie, 74 anni, che vive in questa strada da più di 20 anni, ha detto a Devon Live che pensava di trasferirsi. Sfortunatamente, non riesce a trovare nulla nel suo budget vicino al centro città.

“È fastidioso perché vivo qui da così tanti anni. Amo stare seduto nel mio giardino, ma non sono stato in grado di farlo per tutta l’estate. Quando le persone vivono qui, mi sentirò trascurato. E amo vivere qui. Abbiamo una zona pedonale fuori e i vicini sono molto carini. Non dico che chi vivrà nei nuovi alloggi non sarà simpatico, ma c’è molta gente”.

Ciò che conta per Jackie è la sua calma, è lei che ha scelto apposta questa casa senza uscita.

Un altro vicino, Matt, che vive nella zona da 10 anni, conferma: “Sono soprattutto gli anziani che vivono in questa strada, quindi sono spesso a casa”.

Tra le obiezioni, alcuni hanno affermato che l’edificio sarebbe troppo grande, che pregiudicherebbe la qualità della vita dei residenti esistenti e che non fornirebbe alloggi di qualità ai nuovi residenti.

READ  Taiwan: l'ambasciatore cinese in Francia sottolinea che "dopo la riunificazione faremo rieducazione"

Da parte sua, la portavoce dell’azienda ha risposto: “Sappiamo che la costruzione di nuove abitazioni di cui le persone hanno bisogno può avere un impatto sulle persone che già vivono nella zona e condividiamo le loro frustrazioni con i nostri vicini per gli eccessi, ma stiamo facendo di tutto possiamo ridurre i disagi”.