Luglio 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Michel Blanc: “A volte soffro di sentire degli idioti dire cose stupide in TV.”

Michel Blanc: “A volte soffro di sentire degli idioti dire cose stupide in TV.”

Quindi, per tutti, rimarrà per sempre Bronzo Jean-Claude Douce (ruolo che non vuole più ripetere in futuro), in città Michel Blanc è l’esatto opposto del pesante flirt francese. Un gentiluomo, sorridente e cortese, possedeva un’eleganza che puntualmente punteggiava le sue dichiarazioni con un tocco di umorismo. Per non spoilerare nulla, man mano che invecchia (ha 71 anni), ha sempre più talento nello scoprire piccoli gioielli della commedia francese, come Piccole vittorie, ricordi, piccole azioni O da ora in poi Mary Line e il suo giudice (Nei cinema questo mercoledì).

Luann: “Quello che vediamo nella mia vita è irreale: sono ore di trucco, glitter e concerti.”

“È un colpo di fortuna“, dice con umiltà. Ci sono cose che mi piacciono, è coerente, è una dose di umorismo e umanità. Ma posso rifare un film privo di umorismo come… Signor Rent Se domani mi offrissero un ruolo come questo. In Pratica stataleNon c’è umorismo. “Mi piacciono anche i personaggi severi, perché non sono così nella vita.”

Senza cadere nei cliché, interpreti regolarmente un personaggio che nasconde un cuore tenero dietro lati arrabbiati…

“Mi piace, ma inizialmente non lo baso su questi criteri. Mi interessa la storia? È ben scritta? I dialoghi sono ben scritti? Il personaggio viene solo dopo. Ho bisogno che mi interessi un bel film, ben scritto. Ecco perché non divago molto. L’anno scorso ho rifiutato cinque film. Non erano belli o non mi ispiravano: non vedevo cosa ne avrei fatto .”

Sei un po’ obbediente come attore?

“Lo spero, ma non so cosa sia un attore diligente (ride). So cos’è un attore noioso e ne ho incontrati alcuni (ride). Se sento che il regista sa quello che vuole, Mi lascio guidare da lui, se c’è un problema spesso lo rivelo prima e dico no: “Per il progetto. Cerco di evitare i conflitti”.

Questo film parla della mancanza di curiosità e audacia. Questo ti parla?

“Il mio personaggio è quello che scuote Mary-Line dicendole che le manca la curiosità. Le manca la fiducia in se stessa e pensa che non ce la farà. Ha quel tipo di disprezzo per se stessa con cui ci si può identificare. Viene da una famiglia molto ha un background svantaggiato e crede di non poter fare di meglio.” Di questo. Molte persone sono così: gli è stato detto che hai bisogno di relazioni per avere successo. Questo è quello che mi è stato detto quando ho annunciato, molto presto, che Volevo fare film. Vengo da un ambiente umile e mia madre mi ha risposto: “Per fare l’attore ci vogliono le relazioni. Queste sono idee stupide che sono comuni tra le persone di umili origini. Pensano che tu abbia bisogno di un prodotto da grande zio”. Esiste, non faccio nomi ma conosciamo alcune persone che non necessariamente ci sono riuscite ma hanno avuto l’opportunità di provarci grazie alle loro relazioni. Questo non è stato il mio caso e comunque ho potuto farlo. Quindi sono molto sensibile a questo proposito. Il mio personaggio ha altre paure: si è rinchiuso in una sorta di rigidità psicologica. Per lui c’è solo giustizia nella sua vita. Giusto o no. Quando condanna questa ragazza, si rende conto che lei non misurarsi “Lui è all’altezza del suo potenziale e cerca di scuoterla. Ecco perché ha delle battute pronte: ‘Salta la staccionata, smettila di belare con le altre pecore, sii curioso, istruisciti.’

READ  Jennifer Grey: Patrick Swayze si è scusato per Dirty Dancing

Non ha molta curiosità verso gli altri.

“Lui applica la legge. Noi non discutiamo della legge: dice: ‘Non è un supermercato e non scegliamo a caso. Voi avete fatto questo e questa è la punizione’. D’altra parte vede il potenziale di Marie-Line e fa ciò che è necessario con la sua stessa crudeltà.”

Michel Blanc, tra lode e rammarico: “Il bronzo 3 è stato il peggiore tra i bronzi”.

Che tipo di giudice sarai?

“Spero di non essere frainteso, francamente. Non sto parlando di condannare qualcuno con circostanze attenuanti molto, ma viviamo, nel vostro Paese come nel mio, con una legge che dice che ci sono dei limiti che non vanno oltrepassati” Devono essere precise e chiare altrimenti sarà il caos e non sapremo più “In cosa viviamo? frase. È molto importante.”

E per non condannare…

“Se è un reato accertato mi sembra difficile, ma possiamo condannarlo simbolicamente, attraverso il servizio alla comunità o un richiamo alla legge”.

Ti immaginiamo…

“Psico-assassino…”

tu non capisci.

“Non credo che avrei potuto diventare giudice”.

Quindi non partecipi nemmeno alla giuria del film…

“Mai. Rifiuto tutto. Non devo giudicare le azioni degli altri. Lo faccio a casa quando guardo un film in TV, ma non voglio far parte della giuria. Mai. Mi sono stati proposti diversi “Quando me ne sono andato ho pensato ‘Forse non capisco un altro film’, il che era interessante però. Vorrei girare la testa. Quindi è un no.”

Per il tuo personaggio, “Quando vuoi, puoi”. Ebbene, o è una frase da ricco, come risponde Marie-Line?

“Ha senso: vengo da una famiglia molto umile e casalinga, questo era presente nel mio modo di pensare. Ovviamente quando ti viene una malattia terribile, non puoi partecipare alle Olimpiadi, devi smetterla con queste sciocchezze. E alcuni di loro sono molto bravi ad apprendere, mentre altri imparano meno velocemente. I primi andranno più avanti negli studi, ma non necessariamente nella vita. Quindi c’è una parte della frase “quando vogliamo possiamo” che è vera , ma c’è anche una parte che ha dei limiti, come tutte le frasi già pronte “Questa non è l’affermazione di una persona ricca”.

READ  Fino a $ 35.000 per il biglietto per la festa di Las Vegas di Adele!

Il film è pieno di domande filosofiche. Innanzitutto, perché vivo?

«Non mi pongo questa domanda, non ha alcun interesse: non c’è motivo.

Allora, qual è la lezione che dovrei imparare dalla vita?

“Ci divertiremo (ride).” La vita ci insegna continuamente lezioni e le certezze vengono vacillate. Attento alle tue certezze. Pensaci e forse cambierai idea, non c’è niente di male.

Allora come sono diventato quello che sono?

“Una combinazione di fortuna, voglia e forse un po’ di talento. Io non intreccio corone di alloro: sono pessimo in falegnameria, per esempio. Potrei studiare falegnameria per anni, ma non riuscirei mai a fare un bel lavoro.” “hanno realizzato un prodotto. Altri lo fanno subito. ” “È il loro talento. Ci sono molti tipi di talento.”

Infine, perché soffro di essere così?

“Non so cosa dire. La questione della sofferenza mi apre cose che non sento. A volte soffro di sentire degli idioti dire cose stupide in TV? Sì, soffro, è vero (ride). Soffro per come viene massacrata la città di Parigi. Sto facendo un film che non piace a nessuno: avevo torto, forse loro avevano ragione, e sto soffrendo. Ma a volte i capolavori vengono riconosciuti solo dopo 40 anni. Per esempio. Dramma divertenteScritto da Marcel Carnet. Il problema è che dopo 40 anni spesso non riusciamo più a godere della confessione (risate). E non parlo di sofferenze fisiche: per fortuna, al momento, le cose vanno bene…”

Hai incontrato Marcel Carnet?

“Sì. Insomma. Non potevo fargli una domanda del genere. E non avrei osato. Era il suo novantesimo compleanno. A una festa, un amico si prendeva cura di lui e mi regalò una nuova copia dei suoi diari. Marcel Carnet me lo ha detto in un modo davvero meraviglioso: “Oh, è un peccato che ci siamo incontrati così tardi, mi sarebbe piaciuto lavorare con te.” Dopotutto è Marcel Carnet. Ammetto francamente che sono molto orgoglioso di questa dedica. Ma non l’ho messo sotto vetro: era conservato insieme agli altri libri. Solo io so dove si trova.”

READ  Il principe Harry attacca ancora la famiglia reale: “Era il caos”

Pertanto, non esponete la questione come ha fatto François Mitterrand…

“Non ho molto in comune con Mitterrand (ride)”. Con personalità. Opzioni politiche, sì, a volte: abolizione della pena di morte, siamo d’accordo. L’ho anche incontrato, brevemente, due volte, una delle quali molto fredda. Era molto arrogante, alla maniera di “I Luigi XIV”. E io sono repubblicano. più di lui. Quindi non mi piace.”

Sogni di interpretare Maigret?

SÌ. Mi piace Simenon. Mi hai portato fortuna Signor Rent. Poi di recente ho riguardato i Tre Maigrets di Jean Gabin: Maigret tende una trappola, il caso Saint-Fiacre et al Maigret vede rosso. Sono affascinato. È un’intera epoca, un modo di parlare. Fa molto Maigret, anche se Gabin è sempre Gabin in tutto. Ho visto che Patrice Leconte ha fatto Maigret, che sembrava non aver avuto successo con Depardieu, e ho pensato tra me: fai incazzare Leconte, perché non me lo ha proposto? Quindi è pura gelosia (risate). Ma il mondo di Simenon mi affascina: è bizzarro, scritto molto bene e molto intelligente.