Marzo 1, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Mi hai pensato per un momento?” : Cécile de Ménibus reagisce a un video scoperto dai critici di Cauet

“Mi hai pensato per un momento?”  : Cécile de Ménibus reagisce a un video scoperto dai critici di Cauet

Mentre Caue è sotto indagine preliminare per “stupro e stupro di un minore di età superiore ai 15 anni”, i suoi critici hanno pubblicato un frammento del suo spettacolo CaueTivi.

In questo estratto, risalente al 2006, possiamo vedere Cécile de Menebos aggredita da Rocco Siffredi davanti a Sébastien Caouet. L’attore porno ha costretto il conduttore a simulare un atto sessuale. Dopo lo spettacolo, Rocco Siffredi costrinse anche Cécile de Menebos a baciarlo, come spiegò allora a Gala.

Caouette: “Ho chiamato Cécile de Menippus e le ho detto di fermare il suo circo su Rocco Siffredi.”

Dal 17 novembre questo video è tornato a circolare sui social media. Il netizen dietro il post ha chiesto:Come è potuto accadere in quel momento?“.

“Mi ha detto che dovevo fare così se volevo avere successo”: il conduttore Sebastien Kaoué preso di mira con una denuncia per due stupri

Il conduttore ha deciso di rompere il silenzio domenica 26 novembre. “Dal 17 novembre pubblico questa sequenza. Hai pensato a me per un momento? Ti sei chiesto se aprire il mio account ogni giorno e vedere le ripercussioni del tuo tweet potrebbe influenzarmi? Perché non mi hai chiesto se potevo rimanere scioccato nel vedere questo momento ancora e ancora? “, gli chiese.

Secondo il conduttore l’unico responsabile è Rocco Siffredi. “Il tuo obiettivo è chiaramente Cauet. Tui hai torto. L’unico responsabile di questa situazione è Rocco Siffredi! È lui che mi manca di rispetto e che aggiungerà lavoro inappropriato dietro le quinte. Ho già parlato di questo momento. Mi stai costringendo a ricominciare da capo“.

READ  Stefan è rimasto deluso dopo essere stato eliminato da "12 Noon Blows".

Sì, odio questa sequenza, ma siamo tutti in una certa misura responsabili di aver permesso che ciò accadesse. Diamo un’occhiata a questa sequenza nel contesto, ma non sottovalutiamo l’atteggiamento dell’attore, perché è quello che stai facendo! Non una parola su di lui? Perché ? Quindi sii quello che sto cercando di essere. Questo momento non è tuo, quindi non calpestarlo dirottando e nominando il predatore“, ha concluso.