Novembre 28, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Mi fermo, ho avuto la mia dose per il resto della mia vita”


Questo martedì, intorno alle 15:30, un paracadutista dell’aeroporto di Bondues si è ritrovato bloccato in una casa sull’albero situata lungo il Grand Boulevard, rue de la République, al confine tra Lille, Marcq-en-Barœul e La Madeleine, riferiscono i nostri colleghi da La Voix du Nord. I vigili del fuoco hanno ruotato la scala e sono intervenuti per dieci minuti per far uscire l’uomo sano e salvo. La sua famiglia è andata subito sul posto: “Ci siamo un po’ spaventati quando abbiamo scoperto cosa era successo”, ha detto la moglie, accompagnata dalle loro due figlie.

“Non sento più i segnali”

Raggiunta la quota di 1500 metri, il paracadutista è saltato dall’aereo, prima di perdere ogni contatto con il resto della squadra. “Non riuscivo più a sentire i segnali nelle cuffie. Quando ho aperto il mio paracadute deviato con il vento, si è appeso per l’emozione. Non sapevo più come identificarmi. In preda al panico, il paracadutista aveva due opzioni: atterrare sul campo di calcio o su un albero. Conclude. “Ho dovuto prendere una decisione in fretta e mi sono detto che foglie e ramoscelli avrebbero facilitato la mia caduta”, ha detto.

prima esperienza

Il padre di famiglia aveva già fatto molti salti in tandem prima, ma non aveva mai saltato in modo indipendente. “I miei parenti mi hanno regalato questo salto per i miei quarant’anni”, dice. Dopo diverse ore di addestramento, lo studente di paracadute è stato finalmente in grado di saltare da solo. La prima esperienza lo lascia però con un retrogusto amaro: “Smetterò di fare paracadutismo, mi ha saziato per il resto della mia vita!” »

READ  Biden si scusa per l'uscita di Trump dall'accordo di Parigi