Novembre 27, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Martedì Emmanuel Macron si rivolgerà ai francesi: cosa vi aspettate?

Al culmine della pandemia, il capo dello Stato ha raddoppiato i discorsi ufficiali, battendo i record pubblici per annunciare misure restrittive o dichiarare “giorni felici” per allentare le restrizioni.

Questa volta, nuove restrizioni o coprifuoco sono indiscutibili. Se l’Europa, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, è ancora una volta “l’epicentro dell’epidemia” con un possibile mezzo milione di morti in più entro febbraio, e paesi come la Germania vedono aumentare il numero dei casi, la Francia appare relativamente intatto per il momento.

Ha soprattutto gli strumenti per combattere questo parassita, soprattutto grazie a uno dei tassi di copertura vaccinale più alti al mondo.

Ma con l’arrivo dell’inverno, la ripresa è sicuramente arrivata. Già da lunedì tornerà obbligatoria la mascherina nelle scuole dei 39 dipartimenti che hanno potuto toglierla.

“Non siamo ancora fuori dalla locanda, è importante che il presidente si rivolga ai nostri concittadini, dica a che punto siamo e definisca le prospettive”, stima Yael Brown-Bevit, presidente del Comitato legislativo dell’Assemblea nazionale (LREM) su franceinfo.

Il 12 luglio, durante il suo ultimo discorso, oltre a quello dedicato alla crisi afghana, Macron ha annunciato la fine dei test gratuiti e la proroga del permesso sanitario per il quale era stata ratificata dal Parlamento la possibilità di asilo fino al 31 luglio. Ha dato un enorme impulso alla campagna di vaccinazione.

Questo è anche uno degli obiettivi dell’intervento di martedì, che mira a convincere l’ultimo ribelle e ad affrontare la spinosa questione della terza dose.

La terza dose per tutti?

Meno della metà dei soggetti idonei, quelli con più di 65 anni e i più fragili, hanno ricevuto la dose di richiamo. La vaccinazione dovrebbe essere obbligatoria per questa popolazione? Requisito sanitario per passare la salute per una terza dose? Annuncerà un piano per una terza dose per tutti, come in Israele e presto in Germania?

READ  Almeno due persone sono rimaste ferite in violenti disordini nei Paesi Bassi venerdì sera per protestare contro le misure sanitarie! (video)

“La discussione è chiaramente sul tavolo, martedì mattina ci sarà un consiglio di difesa e il presidente della Repubblica ne trarrà le conseguenze”, ha confermato a BFMTV il deputato Lrem Sylvain Millard.

Il primo ministro Jean Castix ha detto all’AFP venerdì che l’esecutivo stava dando la priorità alla via del traffico condizionale con una terza dose.

“È una questione di coerenza”, ha detto la Brown-Bevett, “se un vaccino non è più attivo dopo un certo periodo ed è necessaria una dose di richiamo, c’è una certa logica nel collegarlo alla tessera sanitaria”.

Ma per l’epidemiologo Domenico Costaliola, “questa terza dose per l’intera popolazione non è urgente”. “Il problema sono le persone che non sono state affatto vaccinate”, aggiunge in Francia l’Inter.

Alan Fisher, il “Mister Vaccination” del governo, insiste anche in JD sulla priorità della terza iniezione per i più vulnerabili e convince “il 13% dei non vaccinati oltre gli anni ’80”.

Dal 12 luglio Macron, che non ha ancora detto se si rialzerà, martedì discuterà della ripresa economica e valuterà riforme come le pensioni.

Non dovrebbe privarsi di evidenziare il suo record economico. “Abbiamo ottenuto ottimi risultati, tra l’altro, in termini di minore disoccupazione”, insiste il signor Maillard.

All’opposizione, alcuni dicono di non aspettarsi nulla da questo discorso.

“Gossip” su “uno specialista del doppio dialogo”, secondo Jean-Luc Melenchon (LFI). Secondo Julien Bayou (EELV) “Health Start” per “Head in the Country”.

“La terza dose, spero, sarà una delle chiare dichiarazioni del presidente della Repubblica martedì” ma che “richiede un dibattito parlamentare”, ha confermato domenica Europa 1 / CNews / Lysikos, presidente del Senato. Gerardo Archer.

READ  Ferito dal fuoco della polizia nei disordini di Rotterdam